memoria imparare velocemente sapersi fermare

Memoria, apprendiemnto veloce, tecniche di memoria, sono utili o forse No ? il cervello si stanca ? oppure no ?

Imparare velocemente una tecnica o una materia? Non bisogna affannarsi a ripetere e continuare ininterrottamente esercizi, ma essere in grado di capire quando bisogna fermarci per far si che il cervello possa agire adeguatamente e consolidare ciò che ha appresso, facendolo passare dalla memoria a breve termine a quella  a lungo termine. Lo spiega uno studio condotto dall’Università inglese del New South Wales.

I suoi due autori, gli psicologi e ricercatori Ashley Soren e Joel Pearson con la loro ricerca hanno dimostrato che il metodo della “pratica continua” è tutt’altro che perfetto per apprendere nozioni: questo perché non darebbe modo al cervello di eseguire in maniera corretta il meccanismo della plasticità neuronale. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista di settore Proceedings of the Royal Society e ci spiega, sfogliandolo, come le informazioni vengono immagazzinate dal nostro cervello.

Per aiutare la nostra memoria in questa pratica è necessario che la stessa possa trovare consolidamento a livello cerebrale. Solo se riusciamo a far “registrare” ciò che stiamo imparando alla nostra memoria a lungo termine possiamo essere certi di aver appreso quello che necessitavamo sapere in maniera definitiva. Questo è valido per l’atto dello studiare, ma anche per qualsiasi disciplina sportiva o azione manuale. Commentano i ricercatori.

Do Garavello

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento