Entusiasmo e Motivazione

La difficoltà maggiore che si incontra nell’apprendere nuove tecniche e/o nuovi comportamenti, quando si vuole cambiare “registro” ovvero effettuare un cambiamento nel proprio comportamento, oppure più semplicemente, quando si vuole ottenere, raggiungere un obiettivo, sta proprio nel fatto di riuscire inizialmente a motivarsi e ancor di più, avere la capacità di mantenere la motivazione costante nel tempo.

Intanto è bene ricordare che per raggiungere un qualsiasi obiettivo nella nostra vita è importante avere ben chiaro inizialmente cosa vogliamo raggiungere.

Senza un chiaro obiettivo di quello che vogliamo realmente raggiungere, sappiamo che rimane difficile ottenere per chiunque un qualsiasi risultato desiderato.

Detto ciò, trovata quindi le giusta spinta iniziale per muoverci verso il nostro obiettivo, il passo successivo sarà quello di capire come fare per mantenere alto lo stato emozionale nei confronti dell’obiettivo che ci siamo prefissi di raggiungere.

La seconda parte dell’azione, ovvero il mantenimento di uno stato emozioanle alto verso l’oggetto desiderato, diventa determinante per la conquista dello stesso. Spesso ci troviamo nella condizione di avere grandi progetti iniziali e forti motivazioni, di fatto buoni propositi iniziali nei quali manifestiamo un forte e coinvolgente entusiasmo, ma capita altrettanto spesso, di vedere anche sfumare i nostri progetti perchè ci sentiamo sopraffatti da una forte demotivazione, che solitamente si presenta sotto forma di difficoltà, ostacolo, di diversa natura.

Qualcosa, dentro di noi o al di fuori di noi, oppure qualcuno, ci impediscono di procedere verso il nostro obiettivo,  emotivamente parlando, in modo crescente, per cui la motivazione iniziale, pur forte, può scemare fino a farci rinunciare al progetto che ci eravamo prefissi di realizzare con tutti i suoi buoni propositi.

Motivarsi a motivarsi (scusate il gioco di parole) è quindi la chiave di volta per superare le difficoltà che dovessero presentarsi dopo lo slancio iniziale con il quale siamo partiti.

Sarebbe interessante conoscere come ognuno di noi mette in pratica questo processo di motivazione personale per il raggiungimento di un proprio obiettivo, ancora più interessante sarebbe conoscere come ci motiviamo per mantenere costantemente alto il livello emotivo che ci permetterà di raggiungere la nostra meta, superando gli eventuali ostacoli che potrebbero comparire durante il percorso di realizazione del nostro progetto.

Attendo come sempre i Vs. Graditi Commenti a questo mio nuovo post.

Cordialmente

Massimo Catalucci

2 Commenti

Lascia un commento
  • Stefano Bresciani

    Ciao Massimo, grazie per l’articolo…
    Strano da confessare ma ne avevo proprio bisogno!
    Spesso si parte motivati colti da una folgorante ispirazione, grandi progetti e obiettivi a lungo termine e poi? Strada facendo le cose cambiano, le persone non colgono il nostro entusiasmo e molte volte lo contrastano, facendoci perdere parte la motivazione iniziale.

    Ma ciò che conta è NON MOLLARE MAI!!!
    Io personalmente uso questo metodo: ripenso a tutte quelle volte che in preda a delusioni o attimi di deomotizione, li accolgo con serenità, li vivo come opportunità e penso solo che siano ulteriori sfide che l’universo mi lancia… per vedere se ce la faccio da solo! E ce la faccio :-)

    Grazie ancora e buon lavoro!
    Stefano

    Rispondi
    • massimo catalucci

      Ciao Stefano. Mi sembra un’ottima testimonianza la Tua, in merito a “come” fare per uscire da situazione avverse. Partire da esperienze negative per far leva su ciò che si vuole, anzichè rimuginare sui misfatti e disfatti, mi sembra che sia l’approccio migliore per poter parlare di “Pensiero Positivo”.
      RingraziandoTi per la Tua attenzione e per il Tuo Gradito contributo,

      Ti saluto cordialmente.

      Massimo Catalucci

Lascia il tuo commento

Lascia un commento