La tiroide e i problemi di infertilitàTiroide e fertilità possono essere in relazione tra loro nel senso che in presenza di problemi alla tiroide anche non diagnosticati perché asintomatici, può manifestarsi nelle donne l’impossibilità di avere figli.

La relazione tra tiroide e fertilità, in particolare, va ricercata proprio nell’attività di questa ghiandola di produrre particolari e importantissimi ormoni che regolano, tra l’altro, anche i meccanismi di riproduzione; ma la tiroide e solo una questione di ormoni?

Tiroide e fertilità: i sintomi da tenere in considerazione

La relazione tra tiroide e fertilità quindi deve essere presa in considerazione soprattutto quando si hanno aborti frequenti o non si riesce a rimanere incinta.

Per quanto riguarda i sintomi, questi possono variare da donna a donna e, in particolare, sono in relazione al tipo di problema che si ha.

Spesso la relazione tra tiroide e fertilità non viene presa in considerazione perché molti dei sintomi legati alla funzionalità di questa ghiandola tendono a essere spiegati con la depressione, motivo per cui tantissimi casi passano inosservati e irrisolti.

I sintomi più comuni che mettono in evidenza la relazione tra tiroide e fertilità possono includere (ma non sono limitati a):

  1. Difficoltà di restare incinta;
  2. Aborti spontanei frequenti;
  3. Diradamento dei capelli;
  4. Aumento o perdita di peso;
  5. Ciclo mestruale non regolare o assente;
  6. Eccessiva sudorazione;
  7. Depressione.

La relazione tra tiroide e fertilità quindi è da tenere in considerazione proprio perché questa ghiandola ha un ruolo nella regolazione degli ormoni riproduttivi. Il cattivo funzionamento di questi ormoni può causare problemi di fertilità determinando una irregolare o una completa assenza di ovulazione anche nei casi in sui le mestruazioni siano stabili e regolari.

Come procedere se si sospettano problemi di fertilità legati alla tiroide?

 

La gravidanza e gli ormoni tiroideiLa diagnosi per evidenziare eventuali correlazioni negative tra funzionamento della tiroide e fertilità scarsa può essere effettuata attraverso una serie di esami del sangue.

Ancora oggi, però, pochi medici approfondiscono questa questione clinica soprattutto quando gli esami del sangue rilevano il funzionamento normale della tiroide: la fertilità non viene ritenuta in relazione al funzionamento di questa ghiandola.

In realtà anche in caso di “normalità”, delle analisi approfondite possono mettere in luce valori non conformi a quelli tipici delle donne che hanno gravidanze normali.

Se sospettate che i valori della tiroide nonostante siano risultati normali, siano comunque in relazione alla vostra mancanza di fertilità ricordate che chiedere un altro parere medico è un vostro diritto.

Andate alla ricerca, anche online, di endocrinologi che abbiano esperienza nel settore delle malattie della tiroide e la fertilità così da poter avere un parere più specifico.

In presenza di malattie collegate alla tiroide, infatti, la speranza di una gravidanza di successo è comunque elevata. L’importante è tenere a mente la relazione tra tiroide e fertilità e rivolgersi a specialisti del settore.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento