tiroide e disturbiLa tiroide è una ghiandola che seppur piccola nelle sue dimensioni è molto importante in virtù di molte attività che la caratterizzano. Spesso si sente parlare di disturbi della tiroide. Andiamo a vedere quali essi siano.

Ci sono diverse terapie per combattere i problemi relativi alla tiroide, da quelle che utilizzato metodi allopatici, a quelli omeopatici; ma l’omeopatia può essere utile per i problemi della tiroide?

I disturbi della tiroide possono essere molteplici e soprattutto legati all’aspetto metabolico.

Sicuramente le parole ipertiroideo ed ipotiroideo sono molto comuni. L’ipertiroidismo si caratterizza attraverso le sensazioni di tremore, fame continua, accentuato dimagrimento, insonnia, stress e mal sopportazione del caldo.

I pazienti affetti da ipertiroidismo hanno gli occhi che lacrimano facilmente ed hanno una cattiva predisposizione alla luce del sole. Essi infatti tendono alla fotofobia preferendo ambienti bui.

L‘ipotiroidismo è invece caratterizzato da una diminuzione degli ormoni prodotti dalla tiroide tra i quali la più importate è la tiroxina. L’effetto di questo calo all’interno del flusso sanguigno genera un black out di tutte le funzioni metaboliche del corpo. Il paziente si sentirà debole, perennemente stanco, soffrirà di stipsi, di gonfiore ed acquisterà peso.

Questo torpore purtroppo invade qualsiasi apparato dell’organismo anche quello cerebrale e cardio circolatorio. Il ritmo del cuore rallenta e così anche l’attività mentale tanto da poter riscontrare a volte una sorte di astenia mentale oltre che fisica. Ovviamente il problema dell’ipotiroidismo avrà ripercussioni più importanti sui bambini o adolescenti in via di sviluppo.

Esistono inoltre altre tipologie di disturbi legati al mal funzionamento della tiroide. Tra le più importanti ricordiamo la tiroidite di Hashimoto patologia autoimmune, la tiroidite di Riedel simile se non più grave della tiroidite di Hashimoto, la tiroidite subacuta di de Quervain che caratterizza solitamente i processi iper tiroidei ed infine le più rare tiroiditi suppurative dovute alla presenza di germi e batteri all’interno della ghiandola.

Infine i disturbi più gravi si manifestano nella comparsa dei tumori che in base alla loro classificazione possono classificarsi benigni o maligni.

 

Le tipologie di carcinoma più conosciute sono: il carcinoma midollare, papillare, papillifero ed infine indiferrenziato. Quest’ultima ditiroide quali disturbi norma rappresenta la forma più aggressiva.

L’origine dei malfunzionamenti della tiroide solitamente vanno ricercati in una disfunzione più ampia che riguarda due ghiandole ormonali importanti come l’ipofisi e l’ipotalamo. Infatti si parla di un disallineamento ormonale dovuto a questo non equilibrio tra queste tre ghiandole.

Raramente invece si parla di un uso eccessivo dello iodio che possa in qualche modo alterare il delicato equilibrio ormonale che la tiroide apporta creando cosi’ una condizione iper tiroidea.

E’ per questa ragione che molte popolazioni del terzo mondo fanno ricorso ad acqua iodata per prevenire l’ipotiroidismo e le sue conseguenze.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento