NOZIONE IMMOBILIARE

Continuiamo questo percorso trattando il significato di tre parole spesso e volentieri usate in modo impreciso, il più delle volte sostituite l’una con l’altra senza rendersi conto che ognuna di esse ha un suo preciso significato.

Stiamo parlando di prezzo, costo e valore.
Cercherò di dare una spiegazione il più “easy” possibile ma allo stesso tempo “concreta” perché è da qui che passa il processo di un investimento immobiliare.
Senza dilungarci in inutili parole iniziamo dalla prima definizione: prezzo.

Il prezzo.
Il mercato immobiliare è dato da persone e immobili (vedi “Mercato Immobiliare:diamo una definizione” che ho scritto il 23 Gennaio); le persone interagiscono tra loro scambiando beni immobiliari con altri tipi di asset che nel 95% dei casi si tratta di denaro.
Il prezzo quindi è la somma che un soggetto A è disposto a dare ad un altro soggetto B che intende accettare; una volta finalizzato questo processo il prezzo diventa prezzo di vendita sottintendendo lo scambio fra i soggetti coinvolti.
Ho indicato volutamente soggetti A e B per indicare non necessariamente due persone fisiche ma anche giuridiche o altro.

Il costo.
Il costo è un ammontare di denaro in relazione alla produzione del bene e non allo scambio dello stesso.
Un esempio pratico: per costruire una palazzina verrà redatto un computo metrico con una serie di voci relative da una parte ai costi di costruzione “puri” e dall’altro ai costi di sviluppo del progetto stesso.
Quindi tra i primi rientreranno i costi dei materiali, della manodopera, ecc…
Tra i secondi, invece, tutti gli esborsi per l’acquisizione, la quantificazione del tempo e del rischio dell’imprenditore per lo sviluppo del progetto, ecc…

Il valore.
Il valore di mercato si riferisce all’ammontare monetario più probabile che si possa ragionevolmente ottenere sul mercato alla data di valutazione: vedremo poi in seguito quali siano le caratteristiche da tener conto per determinare il valore immobiliare più corretto possibile.
NOZIONE IMMOBILIARE2
L’approccio per poter effettuare un investimento immobiliare deve tener conto quindi di alcuni aspetti che possono sembrare ovvi ma non lo sono affatto… anzi!

Un esempio?

Bene. Immaginatevi di andare da un costruttore e dopo aver visionato le planimetrie e aver fatto il sopralluogo dell’appartamento decidiate di volerlo acquistare.
Quando vi dice: “L’appartamento costa € 100.000!” voi cosa fate? Cosa pensate?
Dentro di noi dobbiamo sapere che questa unità abitativa ha un suo costo (vedi definizione sopra!): € 75.000; ha una sua richiesta (vedi post precedenti) di € 100.000; ma date le condizioni del mercato che sono cambiate ora ha un valore di € 90.000;  ma il prezzo…rileggiamo la definizione sopra!!
Dopo un paio di incontri e quella fase che definiamo come “trattativa” magari il costruttore è disposto a chiudere l’operazione a € 70.000 per tutta una serie di motivi che non stiamo al momento ad analizzare.
A rogito quindi potreste comprare l’appartamento a € 70.000!
Quanti numeri diversi per uno stesso appartamento… € 100.000, € 90.000, € 75.000, € 70.000 …

…CONOSCERE PER AGIRE!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento