Lo sai perché le maggior parte delle persone non riescono ad ottenere i propri obiettivi finanziari? Semplicemente perchè non conoscono che cos’è il denaro e neanche le dinamiche fondamentali che ti permettono di ottenerlo. E’ un po’ come decidere di giocare a calcio senza sapere che cosa sono gli scarpini e senza conoscere le regole di questo sport.
Qual è il risultato? Una figuraccia.

Purtroppo quando si parla di soldi, non stiamo parlando di una prestazione sportiva ma del nostro benessere finanziario e della serenità della nostra famiglia. Anche se mi occupo di Trading On Line e di Investimenti, in questo primo articolo su piuchepuoi.it sono voluto partire dai fondamentali.

Quindi adesso fermati per un secondo e leggi attentamente le prossime righe saranno fondamentali per il tuo futuro (scusa per il gioco di parole).

Che cosa sono i soldi?
Molti li confondono con la ricchezza, quante volte hai sentito dire la frase “quello ha i soldi” oppure “quello c’ha i soldi per fare un guerra”? Sono ‘luoghi comuni’ che prendono in riferimento un ammontare di denaro facendolo equivalere alla ricchezza di una persona. In parte può essere vero, ma è solo l’aspetto finale di un processo che parte da più lontano, questa visione è solo parziale. Non ti focalizzare sulla fine del percorso ma studia il processo per replicarlo.

Prendendo spunto da alcune definizioni tratte dai libri di scuola il denaro è uno strumento economico che ha le funzioni di: 1) mezzo di scambio, 2) unità di conto, 3) standard di riferimento per i pagamenti dilazionati, 4) riserva di valore.

Seguendo questo ragionamento il denaro può essere:

  • utilizzato per scambiarsi delle merci/servizi
  • preso come unità di conto per gli scambi, utile per misurare
  • utilizzato come standard per effettuare pagamenti dilazionati e calcolare magari un interesse su di esso
  • accumulato come riserva di ricchezza (che è il senso della frase “quello ha i soldi”).

Quindi ogni volta che stai percependo il denaro per il suo aspetto esteriore stai mandando un messaggio sbagliato al tuo cervello. Lo stai settando (dal verbo inglese ‘to set’ che significa ‘impostare’) per osservare un risultato altrui e non per ottenere un risultato tuo.

Qual è l’errore di vedere il denaro in questo modo? Molto semplice, non otterrai nessun risultato finanziario. Alcune domande più efficace che puoi fare al tuo cervello sono: come si fanno i soldi? Come ha fatto quella determinata persona a creare la sua ricchezza (nel senso di un ammontare di soldi)? Quali sono le azioni quotidiane che compie per ottenere tali risultati?

Quando per la prima volta capii questo concetto semplice dissi: Bingo! E’ tutto più chiaro.

Voglio riprendere la metafora calcistica; se tu fossi un allenatore di calcio che vuole diventare un professionista e ti limitassi a vedere solo i gol delle squadre più forti, quante possibilità hai di raggiungere il tuo obiettivo? Molte poche.

Per arrivare a fare un gol con la tua squadra bisogna saper gestire gli allenamenti, conoscere la tecnica di base, spiegare gli schemi ai tuoi giocatori, saper fare le campagne acquisti, creare un gruppo solido ed uno spogliatoio affiatato, conoscere tutti gli schemi delle tue squadre avversarie, ecc.

Devi quindi conoscere i fondamentali del calcio. Aimé molti italiani conoscono meglio gli schemi di calcio piuttosto che gli schemi del denaro.

Ho effettuato uno studio su questi schemi (quelli sul denaro intendo) ed ho scoperto che esistono ben 5 schemi per fare i soldi e che ciascuno di essi ha diverse sottomodalità di accesso che possiamo definire come strategie di creazione.

Se sei un allenatore di calcio devi conoscere i principali moduli di gioco: il 4-4-2, il 3-5-2, il 4-3-1-2 (il famoso rombo), il 4-3-3, il 4-3-2-1 (l’albero). Se vuoi invece creare ricchezza per te e per la tua famiglia devi conoscere questi altri 5 moduli: la tua professione, gli immobili, gli investimenti finanziari, l’imprenditoria, il copyright.

Ma non basta conoscere queste macrocategorie, bisogna acquisire le conoscenze delle diversi sottotipologie ovvero gli schemi dei moduli sopra esposti. Ad esempio solo per gli investimenti finanziari io conosco almeno 10 sottomodalità per ottenere risultati e per quanto riguarda il copyright ne conosco almeno 4.

Facendo un percorso a ritroso stiamo pian piano arrivando a capire le vere leve che ci permettono di fare i soldi. Nelle prossime settimane comincerò a scrivere degli articoli più tecnici sugli Investimenti e sul Trading On Line (il mio campo d’azione principale), ma mi preme iniziare questa nuova avventura partendo dalle basi.

Prima di salutarti voglio regalarti la definizione che io do ai soldi dopo aver analizzato tutte le sottomodalità degli schemi del denaro:

“I soldi sono pezzi di carta colorata ai quali le persone danno un valore e permettono lo scambio di beni, servizi, strumenti finanziari e business. Il vero valore risiede in queste ultime cose e non in quei pezzi di carta”.

Capito dove voglio arrivare?

16 Commenti

Lascia un commento
  • federico pacilli

    Ciao Paolo,
    sul mio sito ci sono tutte le informazioni sulle attività di formazione che svolgo e se desideri c’è una form che ti consente di inviare una domanda specifica per ogni corso.
    Per rispettare la policy del sito “piùchepuoi” che gentilmente mi ospita non posso inserire nei commenti i link diretti al mio sito.

    Però ti ricordo che ogni autore del sito “piùchepuoi” ha una pagina persolnale con i riferimenti alle proprie attività e ad un suo sito personale. La puoi raggiungere cliccando sul mio nome all’inizio dell’articolo oppure in ogni mio commento.

    Rispondi
  • paolo

    Ciao non è da tanto che seguo il trading, ma la cosa mi sta affascinando sempre più. Sono d’accordo con te per quanto riguarda il valore che attribuiamo ai soldi e soprattutto sul fatto che manca la cultura di come investire e gestire i soldi.

    Sono un imprenditore, ma negli ultimi anni mi sono resoconto che continuare a lavorare per ottenere veramente poco e con tanto sacrificio, non mi sta più bene, quindi sto iniziando a studiare, leggere e conoscere qualcosa sul trading, mi piacerebbe poter fare un tuo corso, possibilmente a distnaza, visto che sono abbastanza impegnato in azienda.

    Rispondi
  • federico pacilli

    per chi interessato ho scritto un altro articolo nella categoria ‘Crescita Finanziaria’ per proseguire il discorso intrapreso con questo.

    Rispondi
  • donato

    Ciao Federico
    hai perfettamente ragione: è meglio dire che sono sistemi che mediamente, da quando li sto facendo (febbraio 2009), hanno reso in media tra il 18 e il 25% al mese. Per me non sono trading systems, ma siti nei quali io investo, e credo che anche qui tu abbia ragione..loro useranno sicuramente trading systems..tranne uno che “dice” di investire in nanotecnologia. Rimango in attesa di sapere i tuoi 5 schemi. Grazie per la tua risposta precisa.

    Gioia, Luce e Ricchezza a te e a tutti gli altri !
    donato

    Rispondi
  • Francesco benesserefisicoementale.com

    Bell’articolo con splendida definizione finale dei soldi.

    Neanche ha farlo apposta ho appena terminato un corso di trading della durata di due giorni e devo dire che l’ho trovato estremamente interessante.

    Ti seguirò nei prossimi articoli.

    A presto Francesco

    Rispondi
  • Elisabetta

    Ciao sono Elisabetta,
    magari capire di più a cosa servono questi soldi,
    come farli fruttare meglio, sapere sempre che si hanno,e dargli il giusto valore.Un abbraccio Elisabetta

    Rispondi
  • Anna

    Buon giorno Federico,questa notte sono stata assalita da un attacco di panico che ormai è diventato frequente per me,motivo?i soldi.Questa mattina aprendo il sita piuchepuoi ho trovato il tuo articolo che trovo molto interssante e nn vedo l’ora di leggere il prossimo,ma quello che piu è interessante è che finalmente qualcuno dice che c’è un metodo per avere piu soldi.Io sono artigiana da troppi anni, ho 46 anni e questa crisi economica mondiale all’improvviso mi ha fatto renderwe conto che le mie ore lavorative per gli anni di lavoro non hanno prodotto la rendita economica che dovrei avere.Da qua il senso di fallimento,la paura del domani,la precarieta economica.Il negozio è di mia proprieta percio mi sento in colpa visto che il lavoro non mi manca ma ..non so farlo fruttare dando sempre colpa a altri ..spero con i tuoi consigli riesca a capire dove ho sbagliato e cercare di correggere.
    ti auguro una buona giornata Ciao Anna

    Rispondi
  • jose scafarelli

    Grazie!
    :-)
    mi fa molto piacere che ti sia piaciuta.
    :-)
    1abbraccio
    Josè

    Rispondi
  • federico pacilli

    per Josè.
    ho scaricato la tua teleconferenza domenica e me la sono ascoltata tutta di seguito. Bravo ottimo lavoro!
    ;)

    per Alessandro.
    se vai alla mia pagina di autore di piuchepuoi.it (cliccando sul mio nome o sulla foto) trovi i riferimenti del mio sito internet e degli autori ai quali mi sono ispirato.

    Rispondi
  • alessandro

    ciao mi chiamo alessandro, ho appena letto questo tuo articolo e l’ho trovato molto interessante, a questo punto volevo chiederti, ma tu hai scritto qualche libro da cui poter attingere?
    Grazie in anticipo per l’attenzione

    Rispondi
  • federico pacilli

    per Donato:
    credo che tu ti riferisca alla possibilità di realizzare dei trading system (software che gestiscono sistemi automatici di acquisto/vendita di strumenti finanziari), in questo senso ne ho ideati diversi, ma solo due faccio girare in reale.
    Ci sono trading system che ottengono anche quei rendimenti di cui scrivi ma per definizione essi sono costruiti su analisi storiche (analisi tecnica e statistica) e quindi non è detto che in futuro replichino gli stessi risultati.
    Quindi non è corretto dire “un sistema per fare…” ma piuttosto “uno strumento che mediamente fino ad oggi ha fatto…”.
    Scusami se sembro pignolo ma mi piace fare chiarezza su questi punti proprio perchè concordiamo nel bisogno di fare “cultura finanziaria”.
    Per quanto riguarda gli schemi, ti invito a seguire nelle prossime settimane piuchepuoi.it perchè continuerò schema per schema.

    per Nicky:
    quello che tu dici è vero, per far partire un’auto occorre la benzina e più benzina abbiamo in serbatoio e più chilometri possiamo fare.
    Detto questo però, gli schemi di cui parlo si riferiscono alla nostra vita finanziaria a 360 gradi, ci sono sottomodalità per ogni categoria che hanno bisogno di più o meno denaro, alcune addirittura solo della nostra creatività.
    Per quanto riguarda l’aspetto esclusivo degli Investimenti Finanziari l’ammontare di soldi può essere più vincolante ed apparire un limite, ma con l’avvento del ‘Trading On Line’ la soglia d’ingresso è divenuta molto bassa.
    Ne avremo modo di parlare più avanti.

    per Michela.
    non mi piace il verbo “giocare” è meglio utilizzare “investire”. Per questo ti consiglio di imparare prima un metodo per “investire”.
    In linea di principio consiglio a tutti: “Non investire se non conosci”.

    per Alfonso.
    Si, Alfonso, siamo allineati su questo. Credo di esserci arrivato alla fine dell’articolo con la definizione. Semplicemente per una ragione stilistica dell’articolo non l’ho messo “a monte” (come principio di fondo) ma “a valle” in contrasto con quanto scritto in precedenza nell’articolo.

    Rispondi
  • jose scafarelli

    Gran bell’inizio, Federico!
    Come al solito hai dimostrato di essere tanto bravo a scrivere che ad investire!
    :-)
    In bocca al lupo per i prossimi post, che ovviamente non vedo l’ora di leggere!
    ;-)

    @Donato: hai sentito parlare, eh?
    :-P

    1abbraccio a tutti!
    Josè

    Rispondi
  • Alfonso

    Ciao Federico,
    ad essere sincero mi sarebbe piaciuto se nel tuo articolo avessi fatto una premessa, che ritengo che tu condivida, secondo la quale alla base, il punto di partenza del processo di cui tu parli sia una predisposizione amorevole nei confronti del prossimo e del mondo in generale che fa sì di vedere i soldi non come il fine della vita di ciascuno di noi ma come un mezzo che ci permette lo scambio di beni, servizi, strumenti finanziari e business per un benessere collettivo. Concludo dicendo che secondo me, e sicuramente tu condividi, è questo il risultato finale del processo di cui parli che porta l’uomo alla felicità vera e duratura e non quei fogli di carta che si chiamano soldi.
    Grazie di questa opportunità.

    Rispondi
  • michela

    ciao federico
    da due settimane ho iniziato a “giocare” con il trading on line con soldi virtuali. Per il momento mi é andata abbastanza bene, mi piacerebbe concretizzare di piú e vedere se posso ottenere un pó di denaro extra con questo metodo; cosa mi consigli di fare? premetto che io non so praticamente nulla di finanza, economia, borsa…

    Rispondi
  • nicky

    Ciao Federico!
    l’inizio del tuo percorso e’ davvero carino, in effetti il denaro serve per scambiare dei beni gli uni con gli altri..quindi sono molto interessata ai tuoi suggerimenti, l’unica cosa che mi sento di dire e’ questa: nonostante io sia sempre + convinta che pensare positivo serva molto,pero’ per poter fare investimenti non bastano 100 euro, ma vengono richieste sempre somme piu’ alte che non tutti noi abbiamo, quindi mi chiedo: forse e’ per questo che molti di noi (tra cui io), ci sentiamo tagliati fuori da tutto questo?
    sbaglio?

    un abbraccio a tutti
    Nicky

    Rispondi
  • donato

    Ciao Federico
    Io ho scoperto dei sistemi per fare 5-10-20% al mese.
    tu viaggi su questi rendimenti ?
    puoi darci un anticipo sui 5 schemi ?

    grazie mille
    donato attolico

    p.s. concordo con te che manca la cultura di base…e inoltre sono molto forti gli autosabotaggi

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento