Entrate automatiche, guadagnare con internet, telelavoro, web marketing, network marketing, tutti ne parlano, ma esistono davvero?

Questa è la prima domanda che mi sono posto quando ho iniziato.Entrate automatiche

Purtroppo la risposta non è quella che molti si aspettano.

Le entrate automatiche esistono, ma non da subito. Se voglio iniziare un’attività di web marketing o network marketing per esempio, comincerò a strutturare un piano d’azione, che richiederà tempo prima di diventare automatico.

Purtroppo invece, le persone che iniziano il web marketing, pensano che comprando un ebook (che può essere il migliore al mondo), entro 2 giorni saranno i nuovi ricchi di internet. Non funziona così e soprattutto se sperate di trovare un ebook che con 4 click imposti per voi un’entrata automatica siete fuori strada.

Per avere successo in tutti gli ambiti della vita, c’è bisogno di una miscela di fattori. Puoi avere il sito internet più bello del mondo, ma se all’interno vendi prodotti scadenti difficilmente riuscirai a sfruttare la seconda regola del web marketing, la fidelizzazione del cliente.La prima regola invece è la tua formazione professionale.

Una persona che entra nel tuo sito e trova valide informazioni o validi prodotti tenderà non solo a tornare, ma anche di proporlo ad altre persone. Di riflesso una persona scontenta, non solo non tornerà, ma parlerà male del tuo sito e in rete le voci corrono veloci.

Ma anche ammettendo che tu abbia il sito più bello, con i prodotti più belli e i prezzi più bassi, può non bastare, devi saperli vendere. Magari è tutto perfetto, ma poi non sai incuriosire abbastanza un utente per comprarlo, lui uscirà e lo comprerà da un’altra parte, anche spendendo di più.

Con questo non sto dicendo che sia impossibile diventare web marketer, ma bisogna considerarla una professione in tutti i sensi. Se qualcuno pensa di aprire un bel sito e arricchirsi, senza avere le giuste competenze, ha sbagliato campo, ma se dedicherà il giusto tempo alla sua formazione, allora potrà diventare davvero la fonte ufficiale di cashflow.

Ricapitolando, il primo punto fondamentale è la formazione professionale.

Il secondo punto è la fidelizzazione del cliente attraverso un contatto continuo con lui.

Il terzo punto è creare delle partnership. Si esatto, creare amicizie, alleanze e partnership è FONDAMENTALE. Avere delle persone che operano nel vostro stesso campo di interesse può rivelarsi utilissimo, potete scambiare idee, opinioni e consigli. Invece se qualcuno pensa, che questo tipo di alleanze, si possano trovare tra parenti e amici si troverà a sbattere contro un muro. Amici e parenti se non sono già del settore, saranno l’ostacolo più grosso, saranno quelli che ad ogni minimo errore non faranno che mettere il dito nella piaga, non perché non vi amino, ma perché il cervello rifiuta tutto ciò che non capisce.

Queste sono le 3 regole base per le entrate automatiche, nei prossimi articoli le spiegherò una per una.

Manuel

15 Commenti

Lascia un commento
  • Alberto Consoli

    Ciao,
    grazie dell’articoli davvero ottimi spunti.
    Le entrate automatiche? Certo che esistono e soprattutto funzionano alla grande.

    Fino a due anni fa pensavo che solo i ricchi potessero vivere di rendita.

    Ora grazie al network marketing a soli 30 anni vivo di rendita, e questo è davvero incredibile.

    Un Consiglio: Trova il sistema che più si adatta a te per crearti un entrata automatica, lavoraci con costanza e credo finche non ottieni i tuoi obiettivi.

    Questo lo dico perchè quando crei una rendita all’inizio lavori molti e pochi risultati, poi lavori tanto e medi risultati poi finalmente quanto tutto è oliato alla perfeziona va che è un piacere e tu lavori poco e guadagni tanto :-). Fantastico.

    A presto
    Alberto Consoli

    Rispondi
  • giovanni

    L’etica e il Business devono necessariamente andare di pari passo, con la formazione e la comunicazione.
    giovanni

    Rispondi
  • lia

    personalmente quando ricevo quotidianemte mail con linguaggio pnlistico, o con allusioni alla “non sai cosa ti perdi”, ricerca di fidelizzazione continua, rimandi offerte scadenze incentivi, mi sento trattata come un’acquirente dalla testa vuota, come qualcuno da imbonire.
    Ho sempre pensato che se il prodotto è buono il cliente vada semplicemente reso edotto della sua esistenza, se il prodotto ha un’anima è la sua vibrazione ad attrarre clienti.
    Gestisco una società di formazione professionale da 6 anni e quando promuovo un corso invio una sola ed unica email con programma e scheda di iscrizione.
    Certo, immagino si tratti anche di statistica: quanti sono gli acquirenti consapevoli e quante le pecore? ;)
    Buon lavoro, lia

    Rispondi
  • Daniel

    Le entrate automatiche esistono, basta crearle con tanto impegno, ma alla fine arrivano.

    Buona serata a tutti.

    Rispondi
  • Daniele Pelosi

    Ottimo articolo.
    Spesso le persone vogliono ottenere i risultati senza investire su stessi in crescita personale e professionale. Se si investe il giusto tempo i risultati arriveranno.

    Ciao
    Daniele

    Rispondi
  • juri

    Avete perfettamente ragione!I genitori soprattutto anche a me stanno cercando di mettere i bastoni tra le ruote, ma pian pianino le cose stanno cambiando!
    Buon pomeriggio a tutti.

    Rispondi
  • paolo

    ragazzi leggete anche il mio primo milione di dollari di Paul Rich è strepitoso!!! ciao a tutti e complimenti

    Rispondi
  • Francesco

    Grazie per l’ottimo articolo hai qualche ebook interessante che permette di formarsi e cominciare un’attività on line in maniera seria ed efficace??Non pretendo di guadagnare subito ma come dici tu di formarmi bene!!!!!

    Rispondi
  • veronica

    Salve,
    sono una ragazza neolaureata in scienze della comunicazione pubblicitaria,entro nel mondo del lavoro in particolare nell’ambito ufficio vendite con i clienti.Vorrei affinare la mia tecnica di approccio con il cliente e magari averne una mia mi consiglia qualche lettura oppure sito per imparare le basi?
    graize.

    Rispondi
  • sofia

    e volevo aggiungere, che probabilmente è anche l’effetto della foto in cui ti mostri di spalle, con la testa che si degna di guardare l’obiettivo… sarebbe decisamente più gradevole una foto in cui ti si possa vedere di fronte, semplice e schietto, privo di bamboleggianti ammiccamenti.
    Con affetto da parte di una che potrebbe essere tua madre.
    Sofia Angeli

    Rispondi
  • sofia

    Manuel,
    non sembri molto cambiato dal periodo in cui racconti di esserti sentito vuoto e cinico.
    Certo potresti rispondermi che cio’ che trovo in te è qualcosa che risuona in me e non voglio accettare, ma sia come sia, provo l’urgenza di comunicare con te e avvertirti di questa mia percezione, forse anche per il tuo bene… Forse un po più di umiltà e qualcosina in meno di egocentrismo??
    Auguri ed un gentile saluto
    Sofia Angeli

    Rispondi
  • roberto

    Complimenti, hai centrato il “problema”, per chi inizia un’attività gli amici e i parenti sono spesso il deterrente maggiore nelle fasi iniziali. Spesso è buona cosa cercare nuove alleanze con persone che non ti conoscono a cui devi solo spiegare il tuo progetto ei tuoi sogni e non chi sei.

    Rispondi
  • Francesco

    Esatto Manuel, anche io mi trovo spesso di fronte persone che mi chiedono se con la mia attività si riescono ad ottenere risultati elevati ed immediati perchè è questo che stanno cercando.
    Cerco sempre di riportarli con i piadi per terra e far capire che i risultati sono raggiungibili ma non senza il dovuto impegno e costanza.

    Dispiace comunque vedere spesso “colleghi” che fanno credere ai propri interlocutori l’esatto contrario di come stà la realtà.

    Francesco

    Rispondi
    • manuel baldini

      Il problema reale di oggi, è l’isolamento, chiunque voglia creare qualcosa, vuole farlo da solo.
      Secondo me l’arma vincente del futuro saranno i team, sto lavorando proprio per questo.
      All’inizio può fare comodo iniziare da una struttura già consolidata, ma sul lungo è più divertente
      creare un gruppo, composto da persone motivate e fare un progetto tutti insieme.
      Perché avere 10 idee che si sommano, è sempre meglio che avere 10 idee che si combattono.

  • Lorenzo

    Complimenti Manuel
    veramente un ottimo articolo.
    Spesso molte persone che parlano di questi argomenti trascurano la parte più importante e che tu hai centrato in pieno: serve la preparazione professionale, prima di ottenere risultati bisogna investire su stessi e sulla propria formazione. E i risultati arriveranno.
    Al contrario, se ci si vogliono risultati senza investire il giusto tempo nella propria formazione, i risultati non arriveranno.
    Non vedo l’ora di leggere il prosieguo.

    Ciao
    Lorenzo

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento