Il giorno 10 Giugno, ben piu’ di due settimane fa, nell’articolo pubblicato qui su Piu che Puoi ed intitolato “Investire in Oro: Tra realtà tecniche e fondamentali”, avevamo analizzato mediante l’Extension trading (il metodo di analisi dei mercati finanziari che utilizzo su Deshgold.com) quello che poteva essere l’andamento del prezzo dell’Oro per i giorni a seguire.

Queste alcune parole scritte nell’articolo:

“Chi ci segue e conosce l’extension trading sa che quando il secondo quadrato viene completamente riempito dai prezzi, si ricava un segnale di potenziale fine del trend (in questo caso potenziale fine del rialzo sul ciclo a 6 mesi analizzato).

Credo  quindi che ci siano forti probabilità di una correzione nel breve da parte del prezzo del metallo.”

Dove siamo oggi?

Il grafico seguente è il prezzo dell’Oro aggiornato ad oggi.

Con la freccia blu ho indicato il giorno in cui segnalavo il potenziale ribasso e con la freccia rossa ho segnato dove siamo adesso. Come puoi notare, l’Extension trading in questo caso è stata miracolosa. Tempistica perfetta e ribasso iniziato. Con tutta probabilità ci sarà da scendere ancora nei prossimi giorni, pertanto ci aggiorneremo con un nuovo grafico, quando l’Extension trading inziera’ a segnalarci la potenziale fine del tempo del ribasso.

Infatti, oltre ad analizzare i prezzi (quindi se andare al rialzo o al ribasso), con l’extension trading riusciamo ad avere anche una previsione di tempo, ovvero del tempo in cui dovrebbe verificarsi il potenziale rialzo o ribasso.

Come ben sai, in Borsa non esistono metodi perfetti. La Borsa non è una scienza esatta e pertanto diffida da tutti coloro che vogliono venderti “il sistema infallibile”. Infatti anche l’Extension trading ha le sue probabilità di errore. La cosa bella è che con una corretta gestione delle posizioni, e con un’attenta analisi delle indicazioni, le probabilità di successo diventano veramente molto elevate, proprio come è avvenuto in questo caso.

Non c’è trucco ne magia. Metodo e disciplina sono le uniche parole magiche. Come vedi, la Borsa  non è poi cosi’ diversa dalle altre cose della vita…

6 Commenti

Lascia un commento
  • Gennaro Porcelli

    Caro pippo,

    ti premetto subito che non sono un esperto di analisi sui singoli titoli in quanto tutta la mia attenzione e le mie energie sono riversate su studi economici a livelli macro (andamento dell’economia nel suo complesso, con analisi incrociata di mercato azionario, obbligazionario, valutario e delle materie prime).

    Ti dico questo perche’ credo che l’analisi e l’andamento di un singolo titolo azionario sia influenzato da molti fattori esterni ai miei studi.

    Premesso cio’ ho piacere a condividere con te il mio punto di vista su Parmalat, avendo detenuto il titolo in portafoglio da Gennaio 2009 (e rivenduto a Marzo 2010), ed essendomi quindi interessato al titolo in quel periodo.

    La vecchia Parmalat (quella del crac) non esiste piu’. La società che è stata acquistata dai Francesi ha tutti numeri (se sono reali) per esprimere solidita’ e fiducia nel mercato.
    Questo per dirti che non credo assolutamente che il titolo vada a zero o che fallisca nuovamente.

    Naturalmente il mercato dei singoli titoli e’ influenzato da notizie che possono conoscere solo chi è all’interno della societa’ stessa. Io non so che intenzione hanno i francesi ma non credo vogliano depredare l’azienda.

    Questo per dirti che non mi meravigliero’ (fra qualche anno) di vedere il titolo a quotazioni molto superiori di quelle attuali.

    In tutto questo devo pero’ considerare che a livello macro mi aspetto per il prossimo anno e mezzo dei consistenti ribassi sui mercati azionarii mondiali. Vien da se che in ribassi generalizzati, anche il titolo Parmalat verrebbe coinvolto nel sell-off.

    In base a queste indicazioni e a quelli che sono i tuoi bisogni (ad esempio potresti permetterti di detenere il titolo per altri 5 anni o avresti bisogno dei soldi investiti fra un anno?) valuta al meglio il da farsi.

    Ti ringrazio per la domanda. Buona giornata.

    Rispondi
  • pippo

    Carissimo Gennaro
    sono un ex truffato da parmalat , non capisco perche dopo l’opa con lactalis ,l’azione parmalat , perda quoptidianamente , che cosa mi devo aspettare ? che l’azione raggiunga lo zero ?
    ti ringrazio in anticipo
    Pippo

    Rispondi
  • Gennaro Porcelli

    Caro Dimitry io al vostro posto mi farei pagare molto volentieri in oro fisico.

    Come sai se mi segui anche su Deshgold.com, dico spesso che l’oro ha forti potenzialita’ di rivalutarsi in maniera molto importante nel giro dei prossimi mesi/anni, pertanto fino a quando non vedro’ modificate le condizioni economiche ed i numeri che mi stanno suggerendo tutto questo, io continuero’ a detenere oro fisico.

    Ti ringrazio per la tua domanda.

    Rispondi
  • dimitry

    salve signor Gennaro Porcelli, sono un ragazzo di 25 anni che sta studiando tutt’altro di ciò che è trattato su questo forum.Qualche tempo fa parlando con mio padre, mi disse che un gioielliere invece di pagargli una causa in soldi liquidi,(poichè non ne possiede)gli ha proposto di pagarlo in oro. adesso la somma liquida ammonta intorno ai 4 mila euro,ovviamente non so quando sarà in grammi d’oro.Una volta arrivato ad avere questo oro secondo lei non conviene investirlo in qualche modo?mi può consigliare cosa farebbe lei?aspetto sue notizie.
    cordiali saluti Dimitry

    Rispondi
  • Gennaro Porcelli

    Ciao Umberto e grazie per la domanda.

    Credo che aldilà dell’immaginario comune, non esista alcun tipo di investimento sicuro per tutta la vita. Come avrai capito se mi segui da un po’ di tempo, sono un PAZZO, un FOLLE sostenitore dei cicli di investimento.

    Pertanto sono convinto che vi siano periodi in cui anche l’immobiliare non sia cosi’ sicuro (molti, oramai ex, proprietari di case in Usa ne sanno qualcosa con l’inizio della crisi nel 2007 e la faccenda mutui subprime).

    Detto questo arrivo alla tua domanda: da dove partire per l’abc del trading online.
    Vedi, guadagnare sui mercati è possibilissimo e non è assolutamente difficile. Ma per farlo bisogna farsi prima una “lavata di cervello”.

    Il mondo economico e finanziario ci bombarda di notizie inutili, di cose futili o comunque non funzionali a raggiungere il nostro obiettivo finale che è guadagnare.

    Io guardo molto alla pratica. Prima di iniziare qualcosa mi chiedo sempre “ok gennaro, ma qual’è l’obiettivo finale”?

    In poche parole bisogna lasciarsi dietro tutte le chiacchiere e le info di cui vieni tempestato tutti i giorni. Sono tutta fuffa e servono solo a destabilizzare la mente e le scelte in merito ai tuoi investimenti.

    Molti restano scioccati quando gli dico che non conosco tantissimi studi di analisi tecnica, a volte anche i piu’ basilari, quelli che TUTTI TI DICONO di studiare.

    Io mi sono specializzato sui cicli e su quelli baso i miei investimenti. Questo per dirti che potresti chiedere a mille investitori e nessuno ti dira’ la stessa cosa su come iniziare.

    Ma quando qualcuno mi chiede da dove partire per l’aproccio ai mercati, la mia risposta l’ho gia’ data nell’ebook gratuito “Prima di Investire in Oro”. Li’ ho buttato giu’ tutta la teoria alla base del funzionamento della Borsa e dei cicli di valore e se potessi tornare indietro, sarebbero le prime informazioni che avrei voluto ricevere per il mio inizio nel mondo del trading.

    Dopo quel primo importante passo, c’è la tecnica che si decide di voler utilizzare per lo studio dei mercati, e qui come avrai capito non posso fare altro che consigliarti lo studio dei cicli e dell’extension trading, ovvero i metodi che utilizzo personalmente.

    Ti auguro una Buona giornata Umberto.

    Rispondi
  • Umberto

    Ciao Gennaro e complimenti per la previsione.
    Sono piuttosto curioso di approcciare al trading ma mi sento più portato verso altri tipi d’investimenti, come ad esempio quelli immobiliari.
    Diciamo che li ritengo più sicuri e redditizi..
    Secondo te da che parte deve iniziare una persona che vuole imparare l’abc del trading?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento