Spesso e volentieri siamo alla ricerca di formule e bacchette magiche, di segreti svelati, di chiavi particolari … ma alla fine siamo sempre noi con davanti i nostri sogni, ambizioni, progetti…
Lascio a chi se ne occupa professionalmente (e su PiùChePuoi ce ne sono tanti!) argomentare sugli aspetti della vita, dell’autostima, della crescita personale… io applico nel mio campo un principio tanto semplice quanto efficace pronunciato “anni fa” da Archimede: Datemi una leva sufficientemente lunga e un punto d’appoggio e io vi solleverò il mondo!

Cosa c’entra con gli immobili? Bèh…è fondamentale: e oggi lo voglio condividere con voi!
È la “base” dalla quale partire e continuare nel percorso della crescita finanziaria (in questo caso applicata agli immobili!).
Ma entriamo nel vivo!
Spesso e volentieri la prima domanda che ci viene da porci se pensiamo agli investimenti immobiliari è: “Sì bello ma ci vogliono i soldi!”, “appena ho € 100.000,00 inizio a investire in immobili!…”
Bene. Ora vi faccio una domanda precisa alla quale ognuno di noi si può rispondere: “ma se aveste i soldi?”, cosa fareste?”. Immaginate di possedere esattamente la cifra necessaria secondo voi per investire in immobili… quindi?. Avete a disposizione € 1.000.000,00 da investire in immobili: cosa fareste?
Bèh? Quindi?

Non ditemi che il problema non sono più i soldi adesso…
Forse state pensando che vi manca altro?
Le competenze giuste?
Il tempo?
L’esperienza?
Il know-how necessario per procedere all’investimento?
Cosa altro?
Ecco allora l’importanza fondamentale dello schema qua sotto!

Investire in Immobili
Il fulcro siamo noi!
L’oggetto da realizzare l’ho schematizzato semplicemente mettendo la figura dei soldi … poi ognuno darà il significato che meglio crede ai soldi…
La leva è tutto ciò che sarà necessario per “sollevare/realizzare” il nostro sogno!

Tralasciamo oggi la parte relativa all’obiettivo da realizzare e al “fulcro” (cioè noi stessi!)… vi rimando ai tantissimi e interessanti articoli presenti all’interno di questo sito che trattano proprio di queste cose!

La leva.

Una volta che l’obiettivo e il fulcro sono al loro posto la realizzazione dipende esclusivamente dalla lunghezza e dalla potenza della leva stessa.
Più è lunga e potente la leva, minore sarà lo sforzo per “sollevare” il peso.

Nell’immobiliare cosa c’entra tutto questo…?
Bene.
Arriviamo al punto dicendo: se aspettiamo di avere l’esperienza giusta, i soldi da poter investire, il tempo necessario a trovare l’affare giusto, l’idea perfetta per una miglior valorizzazione dell’oggetto e, non ultimo, il saper fare “manualmente” i lavori … bèh ragazzi/e… diamoci a mucchio subito!!

Nello schema vengono indicate delle leve con a, b, c, d… ognuno di noi affronta questo percorso in un modo diverso e di conseguenza non ho voluto appositamente denominarle.
Per poter fare anche semplicemente un investimento immobiliare (l’oggetto da sollevare) noi (il fulcro) abbiamo bisogno di leve.

Ma quali?

Abbiamo bisogno di trovare l’oggetto giusto, di saperlo valutare, di sapere come valorizzarlo, di poter eseguire i lavori necessari, dei soldi per poterlo comprare, per rivenderlo… e via via.
Ecco allora che più leve utilizziamo minore sarà lo sforzo per “sollevare” l’oggetto.
Per assurdo potremmo dire che non serve sapere posare un pavimento o saper rifare i bagni, tinteggiare le pareti o rifare una tramezza…c’è chi le sa fare queste cose!
Non serve avere una banca dati di possibili acquirenti composta da 1000 contatti…c’è chi ha già questi database!
Non serve avere tutto il corrispettivo di soldi per comprare l’immobile…c’è chi li “presta”!
Non serve sapere come poter fare le eventuali visure catastali e/o ipotecarie alla casa…c’è chi le fa per noi!

Sto parlando di figure che eseguono questi lavori quotidianamente, persone che esercitano professionalmente il loro lavoro…capite?
Team
Ecco allora il punto.
Per poter intraprendere il nostro “viaggio” in questo settore o semplicemente fare un investimento dobbiamo avere a disposizione una leva, la più lunga possibile.

Ritornando al nostro schema di prima quindi…dovremmo costituire un vero e proprio team di persone che ci aiutino, che ci affianchino, che ci diano delle risposte…

Ecco quindi che ad ogni domanda c’è la sua risposta: abbiamo bisogno dei soldi per comprare casa?
Probabilmente la banca ci concederà un mutuo, un amico o un parente ci potrà prestare dei soldi…
Abbiamo bisogno di clienti per poter vendere il prima possibile? L’agenzia immobiliare ha un database abbastanza numeroso per poter trovare dei clienti il prima possibile.
Abbiamo bisogno di accertamenti tecnici giuridici? Uno studio notarile effettuerà le varie visure necessarie per poter procedere con la compravendita.
Abbiamo bisogno di fare dei lavori, della loro progettazione…? Un geometra, un muratore e/o qualsiasi artigiano saranno a nostra disposizione per poter fare i lavori come vogliamo.
Abbiamo bisogno di qualcuno che ci “illumini” in questo settore? Un mentore fidato, e soprattutto, che faccia sul campo determinate cose è la figura ottimale da potersi affiancare.
E via dicendo!

Prima verrà costituita questa squadra e minore sarà lo sforzo per poter “sollevare” il nostro obiettivo.

Cominciamo a pensare come aumentare la nostra leva.
Conosciamo qualcuno che lavori nelle agenzie immobiliari? Si? Andate a trovarlo! No? Andate a conoscerne uno!
Conoscete qualcuno che possa fare dei lavori di valorizzazione immobiliare? Si? Andate a trovarlo! No? Andate a conoscerne uno!
Conoscete un notaio, commercialista, geometra, banche…?

Archimede disse: Datemi una leva sufficientemente lunga e un punto d’appoggio e io vi solleverò il mondo!

Io vi dico: DateVI una leva sufficientemente lunga e un punto d’appoggio e vi solleverete la… felicità!

Investire in Immobili 2

;-)

9 Commenti

Lascia un commento
  • moreno

    Annamaria,
    è una panzana.Infatti il danaroso industriale/professionista/ecc. ti frega sul tempo.Chi mi dice che io dico balle deve però indicarmi una banca che ti finanzia il progetto non tenendo conto del tuo reddito/patrimonio:Io aspetto!

    Rispondi
  • annamaria

    sono capitata su questo sito, e su questo articolo in particolare, dopo una giornata trascorsa a leggere annunci immobilari a Rimini… stamattina mi sono imbattuta nell’inserzione di un villino il cui prezzo (400.000 euro, insolito per gli standard di Rimini) mi ha incuriosito e fatto perdere di vista il punto di partenza della ricerca (un mono/bilocale da non oltre 130.000)… ma come fa un precario della scuola a darsi una “leva sufficientemente lunga e un punto d’appoggio” prima he qualche danaroso professionista/industriale o cosa gli porti via questo miraggio… di felicità? l’articolo è bello, complimenti, ma lo scetticismo resta o è forse il coraggio che manca?

    Rispondi
  • Roberta

    Caro Emanuele, io lavoro nel campo delle amministrazioni condominiali,
    voglio solo farTi avere la mia grande stima per carisma ed energia che
    trasmetti, secondo Te, venditori si nasce o si diventa?
    Perche’ secondo me tutto puo’ essere migliorato ma la famosa marcia
    in piu’ ( alla nascita) secondo me esiste e come! E si vede subito.
    Ciao.

    Rispondi
  • Emanuele

    Ciao Irene!
    Per prima cosa: incrociamo le dita per mercoledì!!
    ;-)
    Per la richiesta di approfondimento… bè mi dai il “la” per entrare ancor più nel dettaglio in un prossimo articolo condividendo la “mia esperienza sul campo”…

    A presto!

    Emanuele

    Rispondi
  • irene

    gentile Emanuele,
    seguo i tuoi post con interesse fin dai primi.
    Il titolare dell’azienda con la quale collaboro ha deciso di dedicarsi (con profitto, of course) alla compravendita di immobili e io lo sto supportando in questo, in particolare costruendo il team di professionisti e consulenti cui accenni in questo tuo ultimo intervento e monitorando le aste giudiziarie delle zone di interesse. Dopodomani partyeciperò alla mia prima asta e sono in fibrillazione!
    Ti chiederei di approfondire come valutare i consulenti dei quali avvalersi, se esistono dei parametri per appurarne il professionismo.
    Intanto auguro a te e a chi ci legge una radiosa giornata
    irene

    Rispondi
  • Emanuele

    Ciao Nicola!
    Bè… la scelta dell’agenzia io la farei sulla base più della “formazione interna” che sulla remunerazione.
    Mi spiego: a parità di serietà e professionalità io opterei per uno studio nel quale sia concepito anche un percorso formativo, di affiancamento continuo non solo dal punto di vista di “chiusaura della trattativa” bensì di formazione a 360°…
    Poi, come dici tu, già il fatto di leggere libri sugli immobili, o biografie di chi ha avuto successo con gli immobili… può dare da una parte concetti nuovi e dall’altra uno stimolo ulteriore per metterli in pratica.

    A presto

    Emanuele

    Rispondi
  • Emanuele

    Ciao Giuseppe!
    grazie per il tuo commento… “Chi crede in se stesso, può raggiungere qualsiasi cosa.I sogni devono essere alimentati dalla determinazione e dall’impegno quotidiano.”
    Grande!!

    Un saluto
    Emanuele

    Rispondi
  • nicola

    ciao emanuele,ottimo articolo.
    Ti devo dire con molta sincerità che io sono molto appassionato di immobili,ecco perchè mi sto impegnando molto a studiare libri sugli immobili e sulla loro compravendita. Ti vorrei chiedere anche una cosa,sempre attinente agli immobili.
    Sto cercando un lavoro presso agenzie immobiliari,mi puoi per caso consigliare qualche agenzia che conosci che cerca agenti immobiliari a cui posso mandare il mio curriculum? grazie fin da ora se mi risponderai!!

    Rispondi
  • giuseppe arena

    Dietro ogni impresa di successo c’è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa.

    Chi crede in se stesso, può raggiungere qualsiasi cosa.I sogni devono essere alimentati dalla determinazione e dall’impegno quotidiano.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento