0 oggetti | €0

Addominali da urlo: ecco il metodo che aspettavi

Avatar di Più Che Puoi
Scritto da Più Che Puoi in Sport, con Nessun commento.

Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO

Sviluppa i tuoi addominali

Per ottenere una pancia piatta e tonica, gli addominali devono essere l’obiettivo dei nostri sforzi. In primo luogo, come per ogni attività fisica, è fondamentale associare al movimento una dieta equilibrata.

Meglio evitare il “fai da te” e chiedere consiglio a qualche esperto, se cerchiamo dei risultati duraturi che non abbiano conseguenze sulla nostra salute.

Per asciugare il fisico e lasciar posto agli addominali, si può seguire una dieta mediterranea senza grassi aggiunti, si può abbondare in verdura e frutta di stagione e ci si deve idratare con almeno due litri di liquidi ogni giorno, quindi non è sufficiente fare addominali per averli scolpiti?

L’allenamento giusto per ottenere addominali da invidia

Premessa l’importanza dell’alimentazione, prendiamo in considerazione il fisico di partenza. Se siamo già magri e abbiamo costanza, i primi risultati di questo metodo saranno evidenti già dopo alcune settimane.

Se invece ci troviamo in leggero sovrappeso, ecco che i tempi si possono allungare: niente paura, anche in questo caso la nostra motivazione sarà la chiave per ottenere il nostro risultato in un paio di mesi.

Ogni giorno possiamo eseguire due o tre serie di addominali costituite da 15 ripetizioni.

Possiamo farli a corpo libero, con una fit ball e con dei pesetti, che potremmo caricare man mano che procede il nostro allenamento. In mancanza di manubri possono andar bene anche delle bottigliette d’acqua da riempire. Per gli utenti più avanzati si può aumentare il carico e diminuire il numero di ripetizioni.

In effetti, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, gli addominali sono costituiti da fibre veloci, che rispondono molto bene a sollecitazioni intense e un minor numero di movimenti. Gli atleti già allenati compiono due o tre serie da quattro ripetizioni con il massimo carico.

Cosa fare e non fare durante gli esercizi

 

Come sviluppare un addome da urloCi sono alcuni movimenti necessari alla buona riuscita dell’esercizio ed altri che invece risultano dannosi. La schiena ad esempio non dovrebbe mai subire un carico che potrebbe danneggiare o sovraffaticare la zona lombare. Il collo dovrebbe sempre rimanere allineato al tronco: il mento dunque non deve avvicinarsi al petto né tanto meno toccarlo.

I gomiti non andrebbero mai spostati: meglio a questo punto mantenere le braccia rilassate e stese lunghe il corpo, lasciando che accompagnino il movimento.

Un accorgimento fondamentale che massimizza lo sforzo fisico è mantenere contratta la muscolatura degli addominali durante il movimento: in questo modo le fibre contratte lavorano di più e consentono di ottenere prima i risultati sperati.

La costanza e la motivazione possono essere stimolate dalla presenza di altre persone: coinvolgiamo un amico nei nostri esercizi o, se ne abbiamo la possibilità, acquistiamo un paio di mensilità in palestra.

In questo modo impareremo il corretto svolgimento degli allenamenti e avremo altri preziosi consigli da mettere in pratica, per variare nei movimenti ed evitare la noia di un esercizio ripetitivo e sempre uguale.

Dimagrire ed eliminare la pancetta sono i primi step per ottenere degli addominali da urlo: con un’alimentazione equilibrata e un esercizio fisico quotidiano potremmo raggiungere il nostro obiettivo in due/quattro settimane.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento