Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO

Quando si scelgono le migliori attività sportive per bambini si deve tenere conto della peculiarità di ogni sport. La prima esigenza dei bambini di oggi, secondo gli esperti, è combattere la tendenza al sovrappeso e all’obesità: il primo consiglio è dunque puntare su uno sport in cui il piccolo possa muoversi.

Scegliere le attività sportive per i bambiniIn merito alle attività sportive per bambini, una recente indagine dell’Istat rivela che soltanto un bambino su dieci pratica una regolare attività fisica; ecco quali sono le migliori scelte da fare.

Un ragazzino su cinque pratica uno sport, ma solo una volta a settimana: quattro bambini su dieci dedicano tre o più ore ogni giorno ai videogiochi e alla televisione.

Secondo Armando Calzolari, Presidente della Società Italiana di Pediatria, è importante iniziare il prima possibile la pratica di uno sport, in modo che il movimento diventi una piacevole abitudine.

Già nell’età prescolare sarebbe opportuno scegliere le più idonee attività sportive per bambini, come ad esempio la frequenza di un corso di nuoto.

Il nuoto è perfetto per sviluppare in maniera armonica il piccolo fisico in crescita ed imparare a nuotare. Oltre al nuoto, i bambini possono essere indirizzati ad uno sport di squadra, come l’atletica, il calcio o la pallavolo.

Nella scelta delle più indicate attività sportive per bambini un utile consiglio è considerare anche l’aspetto pratico: inutile ad esempio scegliere il basket se il campo più vicino dista 15 chilometri, o se il corso di equitazione ha dei costi che la famiglia non può sostenere per più di un paio di mesi.

Inoltre, i pediatri consigliano di tenere in considerazione anche le naturali inclinazioni dei ragazzini e le loro preferenze: lo scopo dello sport è anche quello di farli divertire.

Durante i primi anni della scuola elementare, i ragazzini dovrebbero provare almeno due o tre sport differenti, in modo da individuare quale piace di più e scoprire all’occasione anche degli inaspettati talenti.

A seconda dell’indole del ragazzino può essere importante scegliere anche uno sport individuale piuttosto che uno di squadra: meglio non obbligare il bambino timido a relazionarsi per forza con i coetanei, per non procurare stress inutili che sarebbero controproducenti.

Bambini e sport, a che età iniziare

Lo sport ideale dovrebbe, infatti, assecondare sia lo sviluppo fisico che la personalità.

 

Esistono inoltre delle attività sportive per i bambini particolarmente di moda (come la ginnastica artistica o la danza classica per le bambine) che sono potenzialmente rischiose per la postura e la crescita delle ossa.

Questa problematica si può ovviare con esercizi che riportino un equilibrio nei movimenti e nei carichi di sforzo.

Analogo discorso si può fare per sport come il tennis dove la tendenza è sviluppare solo una parte del corpo rispetto alle altre.

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento