Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO

Quanto fa bene il nuoto per i bambini

Il nuoto, l’acqua, riveste un’importanza fondamentale nella vita dei bambini. Il nuoto per i bambini è qualcosa in grado di portare importanti benefici e vantaggi soprattutto sul piano psicomotorio.

Il nuoto per i bambini è fondamentale fin dalla più tenera età poichè un bambino impara a familiarizzare prima e con meno paure rispetto ad una persona adulta; questo sport è visto da molti come la migliore soluzione, ma non è l’unica, ci sono altre attività che possono essere adeguate allo sviluppo dei più piccoli, ed anche a contenere e canalizzare l’aggressività, come nel caso delle arti marziali; ecco il perchè delle arti marziali per i bambini.

Il nuoto porta innumerevoli benefici per i bambini:

– divertimento e rilassamento

– miglioramento di coordinazione e velocità

– aumento della forza fisica

– sviluppo della resistenza

– sviluppo di attenzione e concentrazione

Se immersi in una temperatura ideale, intorno ai 30-32 gradi, e in una vasca con acqua poco profonda, il nuoto è un’attività a cui possono essere iniziati anche i neonati.

Gli stili che possono imparare i bambini ai corsi di nuoto sono diversi

 

gli stili di nuoto che i bambini possono imparare

– Stile libero: Il bambino deve imparare a ruotare le braccia in senso alternato sia fuori che dentro l’acqua muovendo sempre in senso alternato anche i piedi. In questo stile il corpo del bambino è in posizione distesa a pancia in giù.

– Dorso: In questo stile la posizione del bambino è invece a pancia in giù, le gambe battono in modo alternato mentre le braccia ruotano di 360 gradi. Il bacino deve rimanere in posizione eretta.

– Rana: Il corpo del bambino deve essere disteso a pancia in giù con le spalle che devono rimanere parallele alla superficie dell’acqua. Bisogna far partire le mani dal petto, spingendole in avanti in modo parallelo, per poi farle tornare alla posizione iniziale. La testa del bambino deve sporgere dalla superficie dell’acqua tranne che in partenza e nella virata durante cui è possibile imparare al bambino ad effettuare una bracciata e un colpo di gambe sott’acqua.

– Farfalla: Anche in questo stile il corpo del bambino è posizionato a pancia in giù. Le braccia vanno portate oltre le spalle simultaneamente in avanti per poi tornare indietro sotto l’acqua, sbattendo contemporaneamente i piedi. Per eseguire al meglio questo stile è necessario che il bambino abbia già sviluppato una certa dose di potenza.

Il primo punto di partenza per fare incontrare i bambini con il nuoto è il divertimento, perchè se i bambini si divertono imparano una cosa a loro sconosciuta più facilmente e in modo più veloce. Dopo questo lo scopo di tale attività è che i bambini imparino a nuotare e che diventino autonomi nell’acqua.

Il nuoto per i bambini si rivela essere la migliore attività possibile per un ottimo sviluppo psicomotorio, relazionale e sociale e anche per i bambini che soffrono di asma perchè a differenza di tutti gli altri sport non porta i bronchi a chiudersi eccessivamente anzi l’aria umida della piscina aiuta i bambini a respirare meglio.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento