Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO


Bambini e arti marziali: molto più di uno sportSei stai scegliendo quale disciplina sportiva far praticare ai tuoi figli, oltre ai più classici nuoto e calcio, prendi in considerazione anche le arti marziali per i bambini! Forse nessuno dei suoi compagni di classe pratica karate o judo, ma è molto probabile che tuo figlio sarà attratto dall’idea di poter emulare gli eroi dei suoi cartoni animati preferiti, imparando a tirare calci, pugni e a mettere a terra l’avversario.

Non farti spaventare dall’apparenza violenta di questo sport: le arti marziali per i bambini, già dalle primissime lezioni, insegnano ai bambini come evitare di far male a loro stessi e agli avversari, come cadere e rialzarsi senza troppi danni e come utilizzare in modo responsabile e intelligente le tecniche che impareranno.

Comunque in ogni caso e a prescindere dal tipo di attività che il bambino andrà a svolgere, il vero aspetto importante è che i più piccoli inizino a praticare attività fisica fin dalla tenera età, in quanto sport e bambini sono due vie parallele per la salute.

Arti marziali per i bambini: ecco quali vantaggi per il corpo

Judo, karate ju-jitsu and co. possono essere praticati già dai sei anni e portano numerosi benefici allo sviluppo fisico del bambino. Con un allenamento costante i muscoli diventano più forti, elastici e scattanti, schiena e articolazioni si fortificano e si affinano abilità come rapidità, agilità, coordinazione ed equilibrio.

Inoltre, apparato scheletrico e muscolare si sviluppano in modo equilibrato, dato che nessuna delle arti marziali sollecita in modo particolare un’unica parte del corpo, come avviene invece in altri sport. Si tratta poi – ed è bene specificarlo – di discipline adatte sia ai maschietti che alle femminucce.

Se ti preoccupano gli infortuni, tranquillizzati: a parte qualche botta e qualche livido, non si corrono particolari rischi, almeno non più di qualsiasi altra disciplina “di contatto”. L’obiettivo delle arti marziali non è far male all’avversario, ma affinare delle tecniche di lotta.

Il lato psicologico delle arti marziali

 

Arti marziali: perfette per i bambini e bambineDato che per eccellere in queste discipline occorrono rigore, precisione e disciplina, le arti marziali sono consigliate in particolare a bambini con scarse capacità di concentrazione o autocontrollo. Stare sul tatami di fronte ad un avversario il cui obiettivo è mettere al tappeto e vincere, insegna a prendere decisioni rapide e a prevedere le conseguenze di queste decisioni. Si affinano inoltre arguzia e intuito, una sorta di sesto senso che aiuta a interpretare i movimenti dell’avversario per capire quale sarà la prossima mossa.

Importate è anche considerare l’aspetto della competizione: in un allenamento di judo o karate non vince chi fa di tutto per mettere a tappeto l’avversario, ma chi combatte in modo migliore, con una tecnica più fine e una strategia più intelligente.

Un agonismo di questo tipo aiuta ad aumentare l’autostima e a formare un carattere più deciso e sicuro. Sul tatami inoltre, ciò che conta è l’allenamento costante e regolare: i bambini sperimentano sulla propria pelle che solo con tenacia, fatica e determinazione si possono ottenere dei risultati.

Le arti marziali per i bambini non sono quindi un semplice sport, ma una vera e propria scuola di vita, che tempra i più piccoli donando loro i mezzi per poter diventare degli adulti pronti ad affrontare il mondo fuori dalla palestra.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento