0 oggetti | €0

Quante serie di addominali per avere la tartaruga?

Avatar di Più Che Puoi
Scritto da Più Che Puoi in Sport, con Nessun commento.

Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO

Addominali, esercizi e consigli

Quante serie di addominali servono per ottenere la tartaruga in poco tempo? La risposta non è univoca perché il numero ideale varia tra uomini e donne, capacità di allenamento, peso corporeo e percentuale grassa, età e dieta.

Volendo fornire un’indicazione generale, si può affermare che è sicuramente preferibile procedere con due o tre serie da 12 addominali, aumentandoli gradualmente fino a 20 con il passare dei giorni.

Le serie di addominali inoltre possono essere mirate a sviluppare le varie zone della parete addominale, in modo che tutta la pancia risulti piatta e sviluppata in maniera uniforme; ma fare gli addominali è suffciente per averli scolpiti?

Sviluppare gli addominali con il personal trainer

Se abbiamo la possibilità di frequentare una palestra o rivolgerci ad un personal trainer anche per poche sessioni di fitness, possiamo apprendere la corretta postura nell’esecuzione degli addominali e i vari esercizi mirati a tutta la muscolatura della zona che vogliamo sviluppare.

Diversamente molti video su internet possono mostrarci la posizione idonea per svolgere i classici addominali, ma bisogna tener sempre presente che:
- la testa non deve mai avvicinarsi al petto piegando il collo
- i gomiti non vanno mai chiusi
- la schiena non si deve inarcare, ma rimanere piatta
- la muscolatura va contratta durante l’esercizio.

Se vogliamo eseguire gli esercizi a casa, bastano una panca, dei pesi a mano (anche delle bottigliette d’acqua andranno benissimo), una fit ball o un tappetino.
Iniziamo sempre lentamente e aumentiamo il carico in maniera graduale, verificando come il nostro corpo risponde ai vari esercizi. Per sviluppare gli addominali bisogna avere pazienza perché non compariranno da un giorno all’altro: i fisici asciutti con poco grasso in percentuale, potranno vedere i primi risultati già in un paio di settimane.

La normalità tuttavia è che i muscoli affiorino dopo un mese o due di lavoro continuo e costante, soprattutto se abbiamo della pancetta da smaltire che nasconde la muscolatura.

Sentire dolore durante gli esercizi può essere un campanello d’allarme da non sottovalutare, soprattutto se riguarda la schiena e il collo. Meglio fermarsi e verificare di mantenere una postura corretta, prima di riprendere l’allenamento. Se i dolori continuano è opportuno consultare un medico: seguire dei corsi in palestra può essere un modo per prevenire questi dolori, grazie all’aiuto di un personal trainer.

Allenarsi insieme ad altre persone aiuta la motivazione e la costanza

 

Esercizi per rinforzare l'addome

Se vogliamo aumentare la nostra motivazione e soprattutto la costanza con cui seguire gli esercizi, può essere piacevole ed utile svolgerli insieme ad altre persone.

Negli ultimi tempi inoltre, sono stati sviluppati appositi software per computer e smartphone in grado di monitorare la nostra attività fisica e ricordare quando è il momento di iniziare l’allenamento (alcuni programmi aiutano addirittura a monitorare la dieta alimentare corretta).

Sviluppare gli addominali è possibile, sia a casa che in palestra. Ricordiamoci tuttavia che anche l’alimentazione è importante: se siamo leggermente in sovrappeso sarà fondamentale seguire degli esercizi cardio e una dieta equilibrata, per non vanificare gli sforzi del nostro allenamento mirato.




0 commenti /

Lascia un commento →

Lascia il tuo commento