Ti interessa il tema dello SPORT? Allora scopri come far esplodere il 90% del potenziale del tuo cervello che ancora non usi » SCOPRILO

Sport e bambini: qual è  quello giusto?L’importanza di un buon rapporto tra sport e bambini è evidente se si elencano tutti i benefici che un’attività motoria regolare e costante apporta alla salute: controllo del peso, minore rischio di malattie come diabete, artrite e obesità, migliore qualità della vita, maggiore autostima e fiducia in sé stessi… e la lista potrebbe continuare.

Karate, pallavolo, danza, basket, rugby, calcio, atletica: anche la lista delle possibili attività tra cui scegliere è lunga, e non sempre è facile destreggiarsi in questa giungla di possibilità. Come scegliere quella giusta? Tra sport e bambini dovrebbe crearsi una sorta di sinergia, un’attrazione naturale che porti i tuoi piccoli a indirizzarsi spontaneamente verso una disciplina piuttosto che un’altra.

Tuttavia, non sempre quest’attrazione naturale può essere incoraggiata perché, in un periodo tanto delicato come quello della crescita, è indispensabile che l’attività che i bambini svolgono sia completa e non crei squilibri fisici; comunque sia a prescindere dal tipo di attività praticata, il binomio sport e bambini è sinonimo di salute.

Sport e bambini: la scelta di una disciplina completa

Alcuni sport tendono a concentrare il lavoro solo su alcune parti del corpo, tralasciandone altre. È il caso per esempio del calcio, in cui vengono stimolati soprattutto gli arti inferiori, o del tennis in cui la maggior parte della tensione è focalizzata su di un braccio.

Specialmente se i tuoi bambini sono molto piccoli, sarebbe meglio scegliere una disciplina che al contrario stimoli il potenziamento del corpo nella sua totalità, permettendo così uno sviluppo armonioso di tutta la muscolatura. L’esempio perfetto è il nuoto che grazie alle sue caratteristiche permette di far lavorare contemporaneamente braccia, gambe e busto, senza creare sollecitazioni troppo intense alle articolazioni, grazie all’effetto benefico dell’acqua.

L'importanza del legame tra sport e bambiniMa se i tuoi bambini storcono il naso davanti alla piscina, esistono delle alternative: la pallavolo e il basket, per esempio, sono altri sport consigliabili per uno sviluppo bilanciato. Gli allenamenti prevedono corse, scatti e salti, perfetti per gli arti inferiori, ma senza trascurare le braccia.

Tuttavia, tieni presente che sono sport con un più alto rischio di infortuni – specialmente il basket. Quindi prepara una scorta di ghiaccio e bende per medicare caviglie slogate, dita incassate e ginocchia gonfie.

Un secondo sport per bilanciare

 

Se i tuoi bambini però smaniano per poter calciare un pallone o impugnare una racchetta, la soluzione potrebbe essere quella di concedere loro di praticare il loro sport favorito, affiancato però ad una seconda attività che vada a bilanciare e riequilibrare il lavoro sugli altri muscoli. Il nuoto potrebbe essere indicato per lo scopo, oppure una semplice ginnastica generica focalizzata però sui muscoli meno utilizzati può risolvere il problema con semplicità.

La relazione tra sport e bambini è una delle più importanti per porre le basi di un futuro sano e attivo. Non sottovalutare la scelta della disciplina giusta!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento