adozione

Durante il percorso che conduce all’adozione, gli aspiranti genitori affrontano dei colloqui con gli esperti del Tribunale per i minorenni: di solito psicologi.

Nel corso di tali colloqui, viene loro chiesto se sono disposti a rivelare al bambino adottato la sua condizione. Spesso la risposta è negativa o, quanto meno, carica di perplessità.

La reazione, sul piano umano, è più che comprensibile: infatti l’intenzione della coppia è quella di sperimentare una genitorialità del tutto simile a quella biologica, vivendo il proprio rapporto con il figlio adottivo “come se” fosse stato realmente generato.

Vediamo quindi di capire meglio perchè è, invece, preferibile entrare nell’ordine di idee di rivelare al proprio bambino la sua condizione di figlio adottivo.

Cosa prevede la legge

L’adozione è disciplinata dalla legge 4 maggio 1983 n.184. Tale provvedimento ha subìto, nel tempo, alcune modifiche, anche sostanziose.

Una di queste è stata introdotta con la legge 28 marzo 2001 n.149, che ha modificato l’art. 28 della legge n.184. Quest’ultimo, dunque, nella sua nuova formulazione, stabilisce che “Il minore adottato è informato di tale sua condizione ed i genitori adottivi vi provvedono nei modi e termini che essi ritengono più opportuni“.

In passato i genitori adottivi potevano scegliere liberamente se rivelare o no la verità al proprio figlio; per effetto della modifica introdotta nel 2001 sono invece obbligati a farlo. E non quando raggiungerà la maggiore età, ma prima: la norma infatti, dice che “il minore adottato viene informato”; e “minore” è, appunto, un soggetto che non ha ancora compiuto i diciotto anni.

La ratio della norma

Ma qual è la ratio (termine tecnico che indica la ragione giustificatrice) della norma? Non sarebbe meglio, con buona pace di tutti, mettere sul passato del bambino un macigno non più rimuovibile?

L’innovazione dipende da quello che si è registrato nell’esperienza concreta.

Un giovane che viene a sapere, casualmente, di essere stato adottato può vivere tale scoperta come un tradimento da parte di coloro che ha sempre ritenuto propri genitori biologici. Insieme alla certezza sulla propria origine, il ragazzo vede crollare tutto il sistema di credenze sul quale ha impostato la propria esistenza. Se un dato scontato come l’appartenenza familiare viene meno, tutto diventa incerto.

E non servirà a nulla spiegargli che i suoi genitori adottivi gli hanno nascosto la verità animati dalle migliori intenzioni, prima tra tutte quella di proteggerlo, di evitargli sofferenza.

Molto meglio, quindi, che il figlio apprenda della propria condizione fin da bambino. Dei modi parleremo più diffusamente in seguito; quello che è certo, però, è che i bambini hanno una maggiore capacità di accogliere e di integrare nella propria vita una simile rivelazione.

Come comportarsi

A questo punto vorrei rassicurare gli aspiranti genitori adottivi con la mia personale esperienza.

Quando mio figlio è entrato nella nostra famiglia, aveva già compiuto sette anni. Quindi sapeva perfettamente che mio marito ed io non lo avevamo messo al mondo. Ciò nonostante, in maniera lenta ma costante, ha sviluppato un senso di appartenza ed un amore nei nostri confronti, da fare invidia a molte coppie di genitori biologici.

Come ciò sia avvenuto è, per ora, troppo lungo da raccontare: ci vorrebbe ben altro che un post! Ma ci arriveremo. Quello che voglio dire è che il sapere o non sapere di essere figli adottivi non c’entra nulla con l’amore filiale, che può nascere e svilupparsi anche in presenza di una piena conoscenza della propria condizione. A patto di pensarci in tempo e di svolgere un lavoro adeguato.

Quindi è conveniente che la coppia che vuole adottare un bambino prenda coscienza di tutto questo, e, alla domanda dell’esperto del Tribunale dei minori (“Rivelereste al vostro bambino la sua condizione di figlio adottivo”?),  sia in condizione di rispondere  affermativamente. Non per finzione, intendiamoci, ma in modo sincero e consapevole.

2 Commenti

Lascia un commento
  • Emanuele

    Ho 34 anni e da quando sono piccolo che so di essere adottato e so quasi per certo (ricordi) di avere 2 fratelli più grandi di me e una sorella più grande di me che dovrebbero essere con i genitori naturali. Nel 2002 sono stato contattato dall’assistente sociale del mio comune di residenza in quanto mia sorella più piccola (sapevo della sua esistenza) anch’essa adottata (non lo sapevo) stava molto male a causa di una forma di leucemia e serviva un donatore compatibile per le cellule staminali. Ero al settimo cielo da una parte ma aimè triste dall’altra in quanto mia sorella che non vedevo da 24 anni stava male…comunque per farla breve ho poatuto riassaporare l’idea d’esser fratello per 3 mesi pechè le condizioni di Katia (mia sorella) si sono aggravate e non siamo riusciti ad arrivare all’intervento e ora sono anoora una volta solo. Vorrei però sapere se un domani volessi avere informazioni riguardo ai miei fratelli/sorella come potrei fare a sapere dove abitano? Non so se ora lo farei per rispetto nei confronti dei miei genitori adottivi a cui devo tutto. Grazie anticipatamente.

    Rispondi
  • Alba

    So per esperienza, però, che il ragazzo nel momento in cui viene a sapere di essere stato adottato, si sente in “obbligo” verso chi gli ha dato una famiglia, per cui credo vada informato più tardi possibile, nel mio caso, almeno, avrei preferito nn saperlo mai.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento