0 oggetti | €0

SVILUPPARE L’AUTOSTIMA

L’Autostima, la fiducia in sé stessi, nelle proprie capacità è un altro aspetto del nostro essere che se viene sviluppato durante le sedute psicologiche o psicoterapeutiche individuali o di gruppo, aiuterà molto il paziente a migliorare la propria situazione di vita ed a guarire dal suo disagio psichico.
Lo sviluppo dell’autostima è auspicabile in una sequenza di sedute psicoterapeutiche, in quanto l’autostima è una forza interiore che spinge il paziente ad agire, ad essere attivo, a fare qualcosa per uscire fuori dalla sua situazione di sofferenza ed in qualsiasi campo
   Se si dispone di una buona autostima, se si crede in sé stessi, questo aumenterà l’immagine positiva che si ha di sé e migliorerà la Qualità della Nostra Vita.autostima
Quando ad esempio un paziente comincia a “credere” di poter guarire, innescherà tutti quegli elementi interiori che aiutano la guarigione stessa, agevolando l’andamento della psicoterapia.
Inoltre una persona con un alta autostima imparerà ad affrontare da solo le situazioni critiche della vita, imparerà a reagire in modo autonomo alle difficoltà che gli si presenteranno, imparerà a non fare più gli stessi errori, e a non aver più paura.
L’autostima si abbassa in disturbi come la depressione, in cui sono presenti forti sentimenti di autosvalutazione o di colpa; negli episodi maniacali, invece, l’autostima è eccessiva e si associa a una fiducia in sè stessi priva di critica e ad un senso di grandiosità che può anche diventare delirante.
   La causa della mancanza di autostima può essere ricercata anche nel rapporto con i genitori, ad esempio, se una mamma svaluta spesso il proprio figlio dicendogli che quando succede qualche guaio è sempre colpa sua,  oppure se gli dice che non riuscirà mai in nulla nella vita, quando si lamenta per ogni cosa che fà, queste parole, questi giudizi negativi continui, potenti come un arma e pesanti come macigni, accompagneranno spesso il piccolo anche quando diventerà adulto, e lo influenzeranno in ogni situazione di vita futura, e di conseguenza ogni volta che farà qualcosa, anche se sarà capace di farlo, penserà di non  riuscire, sarà sempre accompagnato da un senso interiore di svalutazione, di incapacità, di insuccesso in tutto ciò che vorrà fare e che vorrà intraprendere e di conseguenza se questa persona non sarà opportunamente analizzata da un esperto, partirà sempre come si suol dire: “col piede sbagliato”, distruggerà a priori ciò che stà per costruire, e contribuirà sempre all’autodistruzione psicologica di sé stessa.
Per aiutare una persona ad aumentare la propria autostima, bisogna fargli capire che dentro ognuno di noi c’è quella forza, quell’energia, quelle risorse della parte sana che ci permettono di superare ogni difficoltà della vita, in ogni circostanza ed in ogni situazione difficile in cui ci troviamo, piccola o grande che sia.
   Se anche tu non credi in te stesso, o tendi a svalutarti spesso,  pensa che dentro di te c’è la chiave per superare il tuo problema, la risorsa per vincere le tue difficoltà.
Per superare la mancanza di autostima è utile usare il metodo di: “UN PASSO ALLA VOLTA”, cioè di aumentare gradualmente i gradi di difficoltà personali per migliorare la propria valutazione di sè.

Ad esempio se la tua difficoltà era quella di non  riuscire a parlare in pubblico, inizia dalla parte piu’ facile, comincia a superare il tuo problema parlando all’inizio con una sola persona, quando riesci a non provare disagio con una persona, inizia a parlare con 2 persone, quando superi il disagio di parlare con 2 persone, comincia a parlare con 3 e così via aumentando di una sola persona il gruppo dei tuoi interlocutori.
In questo modo piano piano, riuscirai a superare la paura di parlare in pubblico e ad ogni sforzo che farai e ad ogni piccolo passo che riuscirai a fare ti sentirai sempre più sicuro di te migliorando sempre di più la tua Autostima

Un altro metodo è quello di pensare ad un momento della tua vita in cui hai fatto qualcosa di buono, di valido, di utile per cui ti sei sentito/a bene e sei stato contento di te stesso, in quel momento hai apprezzato te stesso/a e sicuramente avevi una buona stima di te.

Se sei riuscito/a nel passato a fare qualcosa di apprezzabile, perchè non potresti farlo oggi?

Sei sempre la stessa persona.

Un cordiale saluto

dott. Rolando Tavolieri




54 commenti /

Lascia un commento →
  • SALVE,
    IN REALTA’ NON SCRIVO PER ME STESSA, MA PER UN MIO CARO AMICO CHE VORREI TANTO AIUTARE.
    UN RAGAZZO CON TANTE QUALITA’, LIBERO PROFESSIONISTA. HA AVUTO TANTE VICENDE NEGATIVE DA BAMBINO, OGGI CHE POTEVA ESSERE FELICE SI RITROVA A FARE I CONTI CON LA CRISI ECONOMICA E NON RIESCE PIU’ AD ANDARE AVANTI A CAUSA DEI DEBITI CHE HA. TENDE A ISOLARSI SI LAMENTA DI OGNI COSA, NON VIVE PIù IL SUO UNICO PENSIERO SONO I SOLDI E TROVARE QUALCUNO CHE GLI DIA UNA MANO ECONOMICAMENTE. NON RIESCE A STARE BENE NEANCHE CON SUO FIGLIO. NONOSTANTE TUTTO SI ALZA LA MATTINA E LAVORA SEMPRE PIU’. VORREI TANTO AIUTARLO SOPRATTUTTO IN ALCUNI MOMEMTI IN CUI SI VEDE TANTO PERSO E NON VUOLE NE SENTIRE NESSUNO E NE VEDERE NESSUNO. COME POSSO FARE???
    GRAZIE

  • Ciao Chiara,

    il fatto di avere una Temporanea ansia o di Riuscire a Gestire le proprie Emozioni dipende da “Come” tu vedi la tua situazione, cioè dal tuo punto di vista personale, ad esempio se tu vedi i tradimenti e le temporanee difficoltà finanziarie come una catastrofe anzichè come una difficoltà Temporanea che si può Benissimo Risanare, allora tenderai a stare male, potrai avere un po o tanta ansia, a seconda della tua sensibilità, però la base di tutto è “Come tu Chiara vedi ciò che accade attorno a te”, cioè il tuo cosiddetto “Modello del mondo”, e quindi “Come stai interpretando ciò che accade vicino a te”, come lo vivi ed il “Significato che gli dai”.
    Ricordati Chiara che la stessa esperienza difficile che 10 persone vivono nella propria vita, possono essere vissute in 10 modi diversi, chi li vivrà male, chi malissimo, chi prende tutto con filosofia, chi è Sicuro che tutto andrà a posto, chi è Ottimista, chi pessimista, ecc.
    A seconda di “Come vediamo ciò che ci accade”, determineremo i nostri comportamenti e le nostre Emozioni, noi possiamo Controllare tutto questo Chiara, è una questione di allenamento.
    Noi possiamo Scegliere qual è il modo Giusto di osservare le cose, qual è il punto di vista Ottimale che ci faccia stare Bene nonostante la difficoltà in questione, in pratica la domanda che possiamo porci è:
    “Qual’è il Giusto modo di affrontare e di vedere le cose attorno a noi?”
    Una prima risposta è che dobbiamo vedere ciò che ci accade innanzitutto inserendolo all’interno di un “Contesto” nel quale sta accadendo, quindi Relativo ad un periodo che stiamo attraversando, ad esempio rispetto alla relazione con alcune persone, poi inquadrandolo in un “Arco Temporale” entro il quale quella precisa esperienza viene vissuta, poi possiamo pensare a “Come Risolverla”, “Chi ci può Aiutare”, “Cosa possiamo fare oggi per Vivere Meglio questa situazione che si è creata”, ecc.
    Osserva anche Chiara, i lati Positivi di ciò che sta accadendo, anche se adesso puoi pensare: “ma cosa può esserci di positivo nel fatto di un buco economico da affrontare o nel fatto che mia madre è temporaneamente caduta nell’alcool?” Se ci rifletti puoi trovarci anche dei lati positivi che possono riflettersi in futuro, ad esempio il fatto che questa prova ti può Aiutare a diventare ogni giorno sempre più forte, per poter affrontare in futuro delle sfide sempre più grandi, o nel fatto che hai scoperto la sensibilità da parte dei tuoi genitori, il fatto che forse questa difficoltà può cercare di Unirvi ancora di più dopo un periodo di crisi momentanea, ecc.
    Chiediti anche “Cosa puoi imparare da questa esperienza?” Sfrutta al massimo ciò che sta capitando, ricordati che basta una Parola Giusta da dire a tuò papà, o un Esempio Pratico da dimostrare a tua mamma, un Abbraccio, il fatto di starle vicino, il cercare delle vie d’uscite impensate prima, che può farti Risolvere il problema giorno dopo giorno. Cerca anche dentro di te le tue “Risorse Personali” a cui puoi Attingere per Risolvere giorno dopo giorno questa difficoltà, quali sono le tue Risorse Personali? Come possono Aiutarti a Trovare una Soluzione Pratica per Vincere queste Temporanee difficoltà?
    Cambia il tuo “Modo di vedere le situazioni” e Cambierai la tua vita in Meglio Chiara.
    Ti voglio raccontare un piccolo fatto accaduto tanti anni fa in America: due gemelli erano vissuti in un quartiere difficile e malfamato, dopo 20 anni uno di loro finì in carcere ed un giornalista intervistandolo gli chiese qual’era stata la causa di ciò e lui dopo aver raccontato la sua difficile vita rispose: “Cos’altro potevo fare?”
    Nello stesso periodo un altro giornalista intervistò il fratello che, al contrario del suo gemello, era diventato un famoso manager, e quando il cronista gli rivolse la stessa domanda, cioè come era riuscito a diventare ricco e famoso dopo una vita così difficile come aveva avuto il suo gemello, la persona rispose: “Cos’altro potevo fare?”
    La stessa risposta fu data dai due fratelli gemelli riguardo però a 2 situazioni Completamente diverse, uno era in carcere (perchè il suo modo di vedere era pessimista e non credeva di venirne fuori ), l’altro era diventato famoso perchè la sua visione era Positiva, Ottimista e Credeva nelle proprie Potenzialità, e nel fatto che le cose Sarebbero Cambiate.
    Quindi Chiara se tu inizi pian piano (o Veloce Veloce :-) a Cambiare il tuo modo di vedere le esperienze che stai affrontando, questa nuova Visione delle cose ti ridarà Fiducia, Positività ed Energia per Migliorare te stessa ed Aiutare i tuoi Genitori. Rifletti anche su Cosa puoi fare tu per Aiutarli, ad esempio ti ricordo che puoi contattare delle Associazioni della tua città che si occupano di alcolismo, tramite anche gruppi di Auto Aiuto.
    Un caro saluto per te

  • salve,io sono una mamma di una figlia di 11 con una autostima pari a zero.sopratutto nella scuola,paura di affrontare una verifica,un interrogazione un proffessore.va in tilt nn riesce a concentrarsi perché ha paura di sbagliare e sbaglia!: (nn so come aiutarla,le dico che lei nn si deve sentire inferiore a nessuno(perché é così che lei si sente),le chiedo un consigli.Aiutatemi!@!grazie,

  • buonasera, vorrei un consiglio: sono una mamma di due bambine e moglie con fiducia in se stessa zero e mancanza di autostima poca forse dovuta allla perdita del padre quando ero piccola che mi ha lasciato un gran vuoto dentro.
    Io cerco di essere diversa ma non riesco e mio marito non e’ molto bravo in fatto di complimenti o affettuosita’: il partner, in questo caso come dovrebbe comportarsi? che ruolo assume: da spettatore oppure dovrebbe cercare di scuotermi un po’ dato che e’ a conoscenza che sono un po’ gelosa…triste…sfiduciata? grazie

Lascia il tuo commento