L’Autostima è la più importante credenza sulla propria identità, è ciò che ognuno pensa di essere e di valere come persona.

Avere autostima vuol dire saper determinare il proprio valore, per costruire, su basi solide, una valida opinione di sé. La base di una buona autostima è la capacità di accettarsi, limiti e difetti prima di tutto. Indispensabile è la fiducia nei propri mezzi, che permette di passare all’azione per crescere e raggiungere i piccoli o grandi obiettivi di miglioramento.

L’autostima al di là della nostra volontà è qualcosa che ci appartiene, che iniziamo a sviluppare fin dall’infanzia e che continuiamo ad alimentare con le esperienze di vita. È molto importante essere consapevoli del fatto che la stima che abbiamo di noi stessi influenza il nostro comportamento, le nostre relazioni sociali, la nostra efficienza sul lavoro, la nostra vita affettiva.

Ognuno di noi filtra gli eventi esterni attribuendo un significato ai propri successi o fallimenti, costruendo o consolidando l’opinione che ognuno ha di se stesso, il proprio potenziale e quelli che pensiamo essere i nostri limiti. Tutto questo si ripercuote sul nostro modo di presentarci agli altri, sulla nostra determinazione a passare all’azione per raggiungere gli obiettivi e sul nostro modo di reagire a successi e insuccessi della vita.

Quando la stima di se stessi è troppo bassa, capita che qualcuno cominci a vivere un’esistenza isolata dagli altri, nella speranza di rimanerne immune. Si tende a vivere “a distanza”, lontani da rapporti che potrebbero provocare dolore o sofferenza. A volte si cerca di raggiungere un “perfezionismo” che diventa progressivamente un crudele giudice interiore, assurdamente severo. Per evitare il dolore che le relazioni possono comportare, si tende ad anestetizzare il proprio cuore, finendo per apparire freddi e distanti.

Quando la stima di se è troppo alta, si inizia a pensare di essere meglio degli altri, invece che diversi. E a trattare le altre persone di conseguenza: superbia, presunzione, poco ascolto e rigidità nel mettersi in discussione. Un modo davvero poco snello di vivere la vita.

L’autostima si può ricostruire, mattone su mattone, attraverso piccoli comportamenti da applicare quotidianamente. Esattamente come il corpo, per vivere, ha bisogno di cibo, acqua, vitamine, anche l’anima, se non ha ciò di cui ha bisogno, è incapace di dare appagamento alla vita. Le vitamine sono indispensabili per l’Autostima, ma bisogna essere disponibili ad accoglierle ed assimilarle, per prendere coscienza del proprio potere personale.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento