Dopo un’interruzione di qualche settimana oggi mi sono deciso a scrivere un nuovo articolo, me lo ha ispirato una frase che mi ha inviato una persona per me davvero speciale.

La trovo una bellissima perla di saggezza e la puoi trovare qui di seguito.

“Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.”

Proverbio Africano

A me ha colpito molto questo proverbio, e lo trovo veramente illuminante e veritiero.

Quante volte sarà capitato anche a te di rinunciare a qualcosa, o di trovare un mare di scuse per il fatto di non aver raggiunto un obiettivo.

A volte capita di dirti che vuoi questa o quell’altra cosa, ma poi ti accorgi, che non sei disposto a fare tutto il necessario per ottenerla, e lì cominci a trovare delle scuse, con te stesso e con gli altri, più o meno valide che ti hanno portato ad allontanarti da quel che in realtà non volevi veramente.

Ci sono poi invece delle situazioni nelle quali non ci sono scuse che tengano, dove ogni azione e ogni tuo pensiero è orientato ad ottenere ciò che desideri con tutto te stesso.

E questo ardente desiderio ti porta a cercare infinite soluzioni, anche nel mezzo delle più disparate difficoltà, come se nulla ti potesse fermare nel percorrere quella strada, e nel raggiungere ciò che realmente vuoi con tutto te stesso.

La soluzione sarebbe quella di fermarsi davvero a riflettere su ciò che vuoi, e se ciò che pensi di volere è veramente importante per te, se è in linea con i tuoi valori più profondi, e solo allora cominciare ad agire, e intraprendere quella strada con la determinazione necessaria per raggiungere ciò che vuoi, perché solo così non ci sarà scusa che tenga e troverai solo soluzioni, e sarai quindi davvero disposto/a ad incamminarti e niente o nessuno ti potrà fermare.

A presto

Claudio Gilberti

Sentiti libero di commentare questo articolo, e di condividerlo con i tuoi amici nei vari social network usando i bottoni che trovi di seguito.

28 Commenti

Lascia un commento
  • Marco

    Buongiorno, questo proverbio si adatta perfettamente alla mentalità dei giocatori, di molti sport, quante volte quando vengono richiamati per una correzuone comunciano con le scuse…..passa la palla meglio….è però me ma passano male…il campo è umido…..mi ha retto l’ avversario….ecc…come si può contrastare effucacemente questo atteggiamento deleterio….Grazie

    Rispondi
  • MARIA

    Carissimo Claudio,
    sono molto stanca di cadere e rialzarmi ho due figli, 23 e 18 anni, ho bisogno di appoggiarmi e non posso permettermelo, il tuo messaggio e chiaro, ma la stanchezza non mi fa vedere più obbiettivi. sono separata da circa 15 anni e ho sempre lottato, forse facendo scelte sbagliate. mi sono persa ………….

    un caro saluto

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Carissima Maria,
      in effetti continuare a cadere e rialzarsi stanca molto, e il bisogno di appoggiarsi a volte è veramente necessario. In certi momenti, credo sia necessario fermarsi, stando semplicemente fermi ad osservare quello che succede. Quando si è nelle sabbie mobili la cosa peggiore da fare è agitarsi, in quanto questo comportamento ci fa andare ancora più a fondo, stando invece fermi, abbiamo la lucidità per trovare la soluzione migliore per uscirne, e una volta fuori possiamo ritrovare la strada e tornare a camminare verso ciò che ci fa stare bene.

      Un abbraccio

      Claudio

  • alex

    ciao,ho trovato per caso il tuo articolo,cercavo la risposta a un mio grande problema forse un po tardi a forza di rinviare e magari ci ho gia perso la mia stupenda moglie! è vero…trvi sempre una scusa per non affrontare i problemi scomodi,una scusa per rinviare tutto finche non è troppo tardi e poi ti muovi…ma se è tardi è tardi…e poi piangi sul latte versato..basta scuse se vuoi vivere devi muoverti e subito!!!

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Alex,
      grazie per il commento…mi spiace molto per la situazione che stai vivendo, hai scritto delle verità assolute, purtroppo a volte si tende a nascondersi dietro ad una scusa per non affrontare una situazione spiacevole. Per quel che possono valere le mie parole, ti dico e ti esorto a credere di poter riconquistare ciò che credi di aver perso, anche se ti può sembrari tardi…pechè solo così non avrai davvero nulla da rimproverarti e da rimpiangere, solo così dimostri a te stesso di poter trovare la strada e quindi smetterla di trovare delle scuse.
      Buona fortuna di tutto cuore

  • Anna

    Ciao Claudio, mi ha molto colpito il proverbio africano, io ho proprio quel difetto, non decidere mai.E a volte percorro la strada, ti posso assicurare che cammino molto ma..senza un obbiettivo, colgo solo quello che mi passa vicino senza sapere dove sto andando.Questo è un po colpa ( una scusa? )del dover sempre, correre senza avere tempo per fermarsi, e quando dico correre intendo stare dentro l’ingranaggio della vita ..lavoro , famiglia, hobby..che non ci da tempo x pensare. Io da 30 anni faccio la parrucchiera con molta gioia, ma quando, come in questo momento, mi sento stanca demotivata e debbo ritrovare la strada non riesco a decidere.Quando tu dici di fermarsi cosa intendi? Visto che sei un collega, sai cosa significa fermarsi dal lavoro..ma io vorrei ritrovarmi.Grazie comunque per i tuoi articoli mi danno un po di respiro. Anna

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Anna, sarà che siamo colleghi, ma le tue parole mi hanno molto colpito!
      Credo che la prima cosa tu debba fare sia trovare un obiettivo, senza quello, credimi, continuerai a camminare all’infinito senza meta, cogliendo solo ciò che ti capita e trascurando ciò che realmente vuoi!
      Quando dico “fermarsi” intendo darsi la possibilità di riflettere sulle cose che veramente ti stanno a cuore e seguire quelle, (e credimi che per farlo non serve chiudere il negozio perchè so bene cosa significa perdere giorni lavorativi), cercando al contempo di capire cosa realmente ti demotiva, e cosa ti ha fatto perdere la strada…
      Grazie a te per leggermi, è sempre bello sapere che persone come te possano trarre respiro da ciò che scrivo!

  • Luigi Miano

    Grazie Claudio per la stima e continua su questa strada! Un saluto affettuoso

    Rispondi
  • adriano tolomio

    Noi siamo inseriti in un percorso di vita che gli altri ci hanno insegnato essere quello giusto: studiare, il lavoro, il matrimonio, i figli e poi…il declino fisico e mentale, il bisogno di assistenza dopo avere molto assistito…Vuoi vivere una vita così oppure vuoi vivere una vita PIENA?! E’ una questione di scelta, scegli tu, non fare le scelte degli altri!

    Rispondi
  • Luigi Miano

    Ciao Claudio appoggio pienamente il tuo articolo così efficace. C’è un libro che trovo veramente fantastico a tal proprosito: Niente scuse di Wayne Dyer che consdiglio veramente a tutti perchè ti inchioda alle tue responsabilità.
    Un caro saluto

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Luigi, grazie mille…avere il tuo pieno appoggio è per me un orgoglio…leggo spesso i tuoi articolo e ti trovo una persona “illuminata”, qundi grazie infinite…
      Io ancora non ho letto quel libro, sarà uno dei miei prossimi acquisti!
      Un caro saluto a te

  • Estranea

    Grazie…

    Per favore lascia la tua porta aperta per me, appena appena, forse tornerò.

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Prego Estranea…
      Sicuramante la porta rimane aperta, e quando torneai a trovarmi mi farà davvero piacere.

  • lalla 62

    Ciao Claudio! Grazie per la lettera. Io da tempo desidererei intraprendere la strada del Coach, non perchè sia una ambizione, ma perchè credo che sia un mio talento. E ciò, supportato da tanti incoraggiamenti da parte di chi mi ascolta o parla con me. Non so veramente da che parte cominciare. Non sono una ragazzina e non voglio perdere tempo e intraprendere strade sbagliate. Anche io come te ho un lavoro ( dipendente) che per orari non mi permette i salti mortali e mi tiene occupata per contratto nei w.e. ma non voglio arrendermi e voglio trovare una soluzione.
    L’impiego che ho non mi porta da nessuna parte. L’unica consolazione è l’aspetto umano e l’impegno personale che mi “salvano” dalla routine.
    Ma non è il mio lavoro.
    Cosa mi consigli concretamente ( scuole, indirizzi etc.) per far fruttare al meglio il tempo a mia disposizione (giorni feriali), ottimizzare i costi, e raggiungere risultati?
    Un grazie particolare.
    Lalla

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Lalla, grazie per questo tuo commento!
      Se pensi davvero che fare il coach sia un tuo talento, per di più se è supprtato da chi ti circonda, credo sia una strada che tu debba intraprendere. Non conosco la tua situazione lavorativa, me leggo tra le righe di ciò che hai scritto molta determinazione a superare le difficoltà e e a trovare una soluzione.

  • Estranea

    Che bella coincidenza! Proprio mezz’ora fa’ho manifestato, per mezzo delle parole, un mio malcontento, insoddisfazione, preoccupazione che da tanto tempo ho dentro e mi rende “infelice”. Poi leggo il tuo articolo e rimango di stucco. Tutte scuse le mie, e indolenza e cercare fuori di me le ragioni del mio malcontento. Ma adesso che ho capito un pochino di cosa si tratta, cosa faccio?

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Estranea grazie del commento,
      leggendolo mi viene da sorridere :-) , e sai perchè?
      Perchè già conosci la strada…cercavi le ragioni del tuo malcontento all’esterno, mentre ogni cosa che accade è il riflesso di ciò che proviamo dentro di noi, e ora che lo hai capito, prosegui a guardare dentro, fai chiarezza in te, vivi secondo i tuoi valori, e trova quell’angolo di pace che ti rende felice a prescindere da ciò che c’è fuori.
      Se ti può essere d’aiuto prendi spunto da questa frase di Carl Gustav Jung: “Chi guarda fuori di se sogna, chi guarda dentro di se si sveglia.”

  • Adriano

    Ciao Claudi,grazie del suggerimento. Se il bestemiare è più forte di me,mi puo essere utile un ipnosi o la PNL?Come faccio a controllare questa spontaneità errata mentre si deve rendere per far arricchire questi cafoni di titolari Idraulici?

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Adriano, è solo un piacere poterti dare qualche suggerimento…già il fatto che tu ti rendi conto che la tua spontaneità, che ti porta a bestemmiare, è errata ti permette di capire che quello è il modo sbagliato di agire…tu dici che è più forte di te, ma io credo che se tu sei qui su questo sito, ci sei per migliorarti e quindi tu puoi essere più forte delle tue bestemmie, credimi è solo questione di allenamento!!! Io non conosco i tuoi titolari, e non so se siano o meno cafoni, e anche se lo fossero se tu cambi il tuo atteggiamento nei loro confronto, loro di conseguenza cambieranno il loro ;-) …ci sono delle tecniche della PNL che ti posono di certo aiutare in tutto questo, e come sempre è l’applicazione che fa la differenza.

  • Adriano

    Sono un appassionato di Meteo.Da 25 anni faccio l’idraulico ma sempre con rabbia ed ostilità riesco comunque ad andare avanti.Adesso che sono disoccupato volevo cercare qualcoso che mi piace fare,ma non so cosa mi piace.Ho una famiglia con 3 figli e devo lavorare per forza se no come faccio andare avanti.Se mi piace di fare niente,che devo fare.Sacrifici per tutta la vita!!!!?

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Adriano,
      credo che tutti abbiamo delle passioni, come tu dici sei appassionato di meteo, come credo che tutti abbiamo dei talenti, e sono convinto tu abbia i tuoi, forse devi solo scoprirli. Nel frattempo che li scopri, quello che ti posso consigliare di fare è cambiare il tuo atteggiamento, e anche se non ti piace fare l’idraulico, invece di farlo con rabbia e ostilità cerca di farlo con il sorriso, così anche i sacrifici ti sembreranno più leggeri, e la vita poi ti saprà regalare ciò che meriti, e sono certo che troverai la tua strada, devi solo crederci con tutto te stesso.

  • Adriano

    Ciao Claudio,credo sempre più che a me piace a fare niente

    Rispondi
  • adriano tolomio

    Togli i paletti che la vita ti ha inserito per delimitare il tuo orizzonte: per un reale progresso personale annulla tutti i condizionamenti che gli altri ci hanno imposto, magari con la scusa di fare il ns bene! E così ci troviamo inquadrati in una vita stretta, che non ci soddisfa. Supera i limiti che credi insuperabili e sacri. Qualcuno prima o poi farà ciò che gli altri ti dicevano essere impossibile…puoi essere tu!

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Adriano,
      bello il tuo messaggio! Parli di condizionamenti esterni, di credenze e convinzioni limitanti apprese. Come non essere daccordo che solo liberandosi da determinati fardelli possiamo essere gli “eroi” della nostra vita, e possiamo realizzare quello che prima ritenevamo impossibile.

  • Paola

    Ciao. L’ho imparato davvero: si producono scuse oppure risultati. Quando lo sentivo dire, inizialmente, mi sembrava una crudeltà scandalosa, a cui parti di me “si rifiutavano di credere” (mi dicevo) eppure il limite era solo in me: nel permettermi di non prendere la decisione di sapere, scegliere cosa voglio realizzare di me stessa. In ogni momento abbiamo l’occasione di prendere in mano le redini della nostra vita e non farlo aiuta a sostenere un mondo in cui pochi gestiscono e molti si fanno gestire. Salvo poi, per quei molti, lagnarsene: scuse, appunto. Dall’altra parte ci stanno i risultati, la libertà, la Consapevolezza. Costa? SI. Ma quanto costa “lasciarsi gestire”?

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao Paola,
      grazie per questo tuo magnifico commento, e per la testimonianza!
      In effetti quando ti rendi conto che la vita è nelle tue mani, e smetti di darti delle scuse per ottenere risultati, tutto cambia come appunto è successo a te.

  • Lady Magic

    Sono d’accordissimo, è importante capire ciò che si vuole per evitare di perdere tempo e fatica inutilmente: concentriamoci su ciò che amiamo, perchè solo per quello saremo disposti a percorrere tutte le strade per arrivare alla meta. Se inseguiamo obiettivi che non ci appartengono, è come sfondare una porta non nostra, e allora ogni scusa è buona per desistere.

    Buon week end!

    Rispondi
    • claudio gilberti

      Ciao, grazie per il tuo bellissimo commento…hai colto perfettamente il senso del mio articolo!

      Buon weekend

Lascia il tuo commento

Lascia un commento