Tutti vogliamo la felicità, e questo basterebbe per spiegarne l’importanza. Le persone felici (per nessuna ragione in particolare) tendono ad essere più in salute, più attivi, ad avere più successo, ad essere felici, appunto di se stesse.

Personalmente la chiave della felicità l’ho trovata. Ma è un mazzo, e ci sono tantissime chiavi, anche quelle della paura, del dolore, della disperazione. E non sappiamo quale porta aprono se prima non l’abbiamo usata e abbiamo scoperto cosa c’è proprio dietro quella porta.

Il mio amico di penna Stefano Bresciani con i suoi articoli mi ha stimolato alla ricerca del significato della CONSAPEVOLEZZA di essere felici.

Emma Kenny, dice alcune cose molto interessanti sulle dinamiche della felicità, e poi ho messo insieme anche Martin Seligman con il suo insegnamento ottimista e positivo.

Detto questo, come si fa per essere felici?

Cosa dareste per sapere davvero come essere felici?

Diciamo SPARSAMENTE QUALCUNE COSE  ;o) …

Essere felici sempre è un atteggiamento e non ha nulla a che vedere con cosa ci accade, cosa ci è accaduto e cosa accadrà. Non c’entra con il possedere qualcosa, anche se la felicità arriva, quanto dura? Fino al prossimo vestito, auto, gioco, ecc.

Essere felici è Atemporale e Apossedere.

Aggiungo essere Adipendenti.

Questo aspetto è un po’ strano vero? … Felicità e Amore vanno a braccetto quando mi sono LIBERATO del BISOGNO di lui o lei .
Amo quella persona e voglio stare con lei tutta la vita. Ma non ne ho bisogno, perché non ho bisogno di niente. Il bisogno è davvero qualcosa che non esiste se non nella mia immaginazione, che cerca di “rovinarmi” la cena. Vedere il bisogno come una tigre , un topo o qualsiasi cosa reale, ci aiuta a distaccarci da lui. Perchè lo rendiamo reale e quindi possiamo Kombatterlo con efficacia.

In questo modo c’è il beato rischio che la capacità di amare ed essere felici aumenti in maniera incontrollabile, fate attenzione!  ;o)

A me piace giocare con le parole: BI   SOGNO  vi dice qualcosa?

Avete mai fatto un doppio sogno? Mai giusto? Allora è vero che il BISOGNO non esiste … lo dice la parola!

Se vuoi dire la tua su questo tema … mi piacerebbe essere smentito ….

2 Commenti

Lascia un commento
  • marco malacarne

    Sono d’accordo Adriano. E’ il PENSIERO che ci rende felici. Fare pensieri Felici ci rende tali. Eh, ma come faccio, direbbe la signora Maria, ad essere felice se penso al mutuo da pagare, alla macchina da aggiustare e all’operazione all’anca di mio marito?

    Cosa direi alla signora Maria, … le direi di ASCOLTARE qualsiasi cosa con attenzione, e andare al di là delle PAROLE. E di SCEGLIERE le parole che ti rendono felice.

    Non scompariranno i problemi, ma li vedrai da un altro piano, su un altro livello.

    La felicità, non essendo un bene durevole, va e viene, come dici tu. Si allontana quando la cerchiamo e si avvicina quando non ci pensiamo.
    E si avvicina quando non abbiamo più paura, il che richiede un amore infinito verso se stessi e verso gli altri.

    E’ proprio un pò dispettosa questa felicità .. ;o) …

    Grazie Adriano per il tuo contributo

    Rispondi
  • ADRIANO

    Felicità è uno stato dell’essere e non dell’avere, e consiste nella consapevolezza della precarietà e dell’illusorietà del mondo materiale che si contrappone alla pienezza ed alla realtà del mondo spirituale.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento