Cambia Adesso! Smetti di perdere tempo e Trasforma la tua Vita in qualche cosa di meraviglioso.

Quanto tempo serve per cambiare?

Quanto “allenamento” è necessario per imparare un nuovo comportamento?

Poco, anzi pochissimo, a volte basta un istante.

Non ci credete?

Conosco persone che hanno smesso di rimpinzarsi di cibi grassi ed elaborati appena hanno scoperto di avere il colesterolo altissimo, solo alcune, altre se ne sono infischiate e hanno sbagliato.

Ogni volta che avvertiamo un pericolo mettiamo in atto un comportamento utile per “scamparlo”, a volte corretto(come colui si rivolge al medico quando scopre di avere il colesterolo alto e inizia a seguire un regime alimentare equilibrato), a volte sbagliato(come colui che per “fuggire” la paura di essere malato “nega” la propria malattia).

Il Punto è questo, basta un istante per cambiare la nostra visione del mondo e di conseguenza i nostri comportamenti.

L’allenamento serve, per rendere questo comportamento duraturo nel tempo.

Non sempre basta un istante, ma spesso bastano poche settimane.

Le così dette “psicoterapie brevi” agiscono in poco tempo, perchè?

Semplice, perché i loro teorici sono convinti che è possibile modificare i comportamenti dei pazienti in poche sedute e quindi agiscono per far si che questa loro “profezia” si avveri.

Noi agiamo seguendo le nostre convinzioni profonde, se crediamo che per cambiare ci voglia molto tempo faremo in modo che questa nostra “profezia” si avveri.

Come facciamo a convincerci che è possibile cambiare in tempi brevi?

Semplice, anzi semplicissimo.

Basta rendersi conto che noi abbiamo il pieno controllo delle nostre emozioni e comportamenti.

Chi  riesce  ad esercitare il proprio “libero arbitrio” costantemente è più sereno perché ha il pieno controllo della sua vita.

Molti potranno dire “Non è così facile come dici altrimenti ci riuscirebbero in tanti”, infatti in tanti ci riescono, tutti i giorni.

Io ci sono riuscito, senza tecniche, la Pnl l’ho studiata dopo, ci sono riuscito quando mi sono reso che nessuno può controllare i nostri pensieri, le nostre emozioni e i nostri comportamenti se noi non glielo permettiamo.

Per rendere una cosa semplice bisogna essere convinti che lo sia, se pensate che cambiare è facile per voi cambiare diverrà semplice e naturale.

Facciamo degli esempi.

Volete smettere di rimuginare per ogni torto subito?

Volete eliminare un comportamento indesiderato?

Volete smettere di mangiare cibo spazzatura fuori orario?

Fino a che vi chiederete quale sia la tecnica migliore per farlo, sino a che leggerete le statistiche che vi dicono che l’80% delle persone necessita di tempo per cambiare, sino a che seguirete un “programma scientifico” fatto di scadenze e orari fissi per fare gli esercizi, sino a che rimanderete trovando scuse o basandovi su delle “superstizioni”(Se inizio il mio percorso di cambiamento il 13 riceverò l’aiuto degli dei, l’influenza positiva del mio segno zodiacale, una mano dal Karma e una “spintarella” dalla legge dell’attrazione) FALLIRETE.

Finchè sarete convinti che è necessario un percorso lungo e difficile per cambiare FALLIRETE.

Finchè vi chiederete se davvero volete cambiare FALLIRETE.

Se state provando a cambiare è perchè lo volete, anzi lo desiderate, altrimenti non ci provereste nemmeno.

Mettiamo che il vostro coach vi dica “basteranno cinque sedute per cambiare”.

Voi siete allegri, felici per le sue parole.

Un attimo c’è un problema grave però, se doveste cambiare in una sola seduta? in due giorni anziché un mese e mezzo?

Meglio non correte il rischio di cambiare troppo in fretta, non è possibile, altrimenti il mio coach non mi avrebbe detto che sono necessarie cinque sedute.

Sbagliate!

Fidatevi “abbastanza”di chi vi da previsioni probabilistiche , diffidate di chi vi da previsioni certe, Fidatevi di chi vi dice che vi aiuterà a cambiare senza porvi limiti.

Se l’80% delle persone necessita di cinque sedute per cambiare voi potreste far parte di quel 20% che cambia più velocemente.

Provate, se non provate non potrete mai scoprire chi ha ragione.

Forse vi basta un’ora.

Provate a dirvi”Da oggi inizia la mia nuova vita, il mio vecchio comportamento xy non mi appartiene più”.

Voi avete il controllo, voi potete decidere di cambiare in tempi brevissimi.

Dovete crederci.

Se credete che cambiare è facile lo sarà, ve lo ripeto.

E se cadete?

Rialzatevi e continuate.

Parlate del vostro “vecchio” comportamento al passato, come se non vi appartenesse più.

“Fino a ieri ero solito mangiare fuori orario”.

Fa parte del vostro passato.

Se poi vi capiterà di mangiare nuovamente un cioccolatino fuori orario fa niente, concentratevi sui tutti i giorni nel quale non lo avete fatto.

Presto avrete imparato un nuovo comportamento.

Potete Cambiare Ora, in questo momento.

Questo è entusiasmante.

Entusiasmatevi all’idea di poter cambiare anche in questo momento.

Voi avrete il controllo della vostra Vita, diffidate di chi vi dice il contrario.

Io la penso così.

Marco

13 Commenti

Lascia un commento
  • GABRIELA

    Eccomi ad esprimere il mio pensiero…per prima cosa il karma esiste è le consiglio di elaborare l’argomento meglio…poi sappiamo bene che quello che conta in quanto crea ogni cosa è il pensiero
    La nostra mente possiede un potere sbalorditivo
    Quello che è stato scritto qui, secondo il mio modesto parere non è una scoperta vi è riportato in certi libri e semplicemente stato ritrascritto tutto effettuando una specie di copia e incolla
    Non occorrono corsi o sedute magari costose da strizzacervelli per un cambiamento…OCCORRE SOLO SAPER USARE LA VOSTRA MENTE E PENSARE POSITIVO
    AMARE SE STESSI, GLI ALTRI E TUTTO QUELLO CHE CI CIRCONDA E LA BASE PER LA FELICITA’ E PER FARE CAMBIAMENTI VELOCI E STABILI DA SOLI SENZA L’AIUTO DI NESSUNO…
    Saluti GABRIELA

    Rispondi
  • ilaria

    ciao,allora il mio problema è che continuo a rimuginare sui problemi che certe persone creano sul luogo di lavoro,cerco di dirmi che queste cose mi devono scivolare addosso ma non ci riesco, e il mio cervello continua a rimuginare gli stessi problemi.quindi cosa devo fare.grazie ciao

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Scusa il ritardo.
    Allora la volontà a volte può bastare ma solo se questa è in grado di influenzare le emozioni.
    Se entri nell’ordine di idee che è emozionante pensare di poter cambiare i propri comportamenti in pochi giorni questo pensiero si trasformerà in emozione(entusiasmo) e quindi comportamento.
    Nei prossimi articoli spiegherò come fare.

    Grazie

    Marco

    Rispondi
  • miriam

    scusa marco se ti chiedo questa cosa! ma è un pensiero che continua a rindondarmi nella testa. condivido con te il fattto che dipenda dalle credenze, se uno pensa di farcela, molto probabilmente ce la farà. ma quello che mi chiedo io è questo:io voglio credere che il cambiamento sia facile e veloce, ma di fatto credo l’opposto, come si fa a cambiare atteggiamento?se è tutta una questione di atteggiamento! posso veramente riuscire a modificarlo con la tenacia?

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Il senso dell’articolo è il seguente:
    Il Credere di farcela o di non farcela è la “credenza” che innesca la nostra voglia di cambiare o di rimanere simili a se stessi.
    Se crediamo che cambiare sia difficile e impegnativo così sarà, se ci rendiamo conto che tutto può cambiare velocemente l’ansia diminuirà e la motivazione aumenterà.

    Rispondi
  • marina

    Ciao Marco! Volevo raccontarti la mia esperienza di questi giorni, prima ancora di aver letto il tuo articolo.Tutti mi hanno sempre conosciuto per una persona accondiscendente, disponibile senza ma e senza se.Però ultimamente ho notato che di questa mia caratteristica in troppi se ne stavano approfittando, senza mai peraltro ricambiare.E ho deciso di dire di NO quando le richieste stavano diventando sempre più pressanti. Morale:mi hanno detto che non mi riconoscono più, che non è da me anche se le ragioni che adducevo erano tutte giustissime:..E’ bastato ribellarmi per aver sconvolto tutti!!Ma io vado avanti per la mia nuova strada. Un abbraccio Marina

    Rispondi
  • nicola

    ciao marco,argomento interessante;
    Secondo me il cambiamento è veloce,il periodo più lungo si passa a spenderlo per la preparazione di quel cambiamendo,è quelle che può diventare lung.

    Purtroppo nello nostro cervello sono istallate convinzioni limitanti e convinzioni potenzianti,bisogna individuare subito tutte quelle convinzioni che ci bloccano nel fare una determinata azione,solo cosi si potrà passare alla fase di cambiamento.

    Forse non ci rendiamo conto quanto le convinzioni influenzano la nostra vita. Ammettiamo che tu hai un obiettivo da raggiungere,se credi di farcela o non farcela avrai comunque ragione; questo processo si chiama ciclo del successo o dell’insucesso,ti spiego meglio:

    io un ho un obiettivo da raggiungere,ho anche la convinzione di farcela,avendo questa convinzione accederò a delle risorse,accedendo a delle risorse seguirà l’azione e otterrò dei risultati,andando automaticamente a confermare la mia convinzione,e cosi sarà molto più facile e veloce raggiungere lo stato desiderato.

    Prova a fare lo stesso con la convinzione di non potercela fare,succederà che non accederai a delle risorse,non agirai,e cosa succederà? che non otterrai risultati,confermando automaticamente la convinzione di non potercela fare.

    Rispondi
  • Giuseppe ARena

    Ciao Marco,
    Grazie per l’esaustivo articolo.
    Henry Ford diceva:

    «Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione.»

    Spesso le novità ci fanno paura e ci rendono meno
    sicuri.
    Così di fronte alle difficoltà, a volte, per paura di sbagliare, siamo tentati di utilizzare
    sempre gli stessi approcci, anche quando questi non funzionano più.
    Con amore
    Giuseppe ARena

    Rispondi
  • Giuseppe ARena

    Ciao marco,

    Henry Ford diceva:
    «Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione.»

    Spesso le novità ci fanno paura e ci rendono meno
    sicuri.
    Così di fronte alle difficoltà, a volte, per paura di sbagliare, siamo tentati di utilizzare
    sempre gli stessi approcci, anche quando questi non funzionano più.
    Grazie di cuore

    A presto!
    Guseppe ARena

    Rispondi
  • miriam

    a volte con delle tecniche sono riuscita a cambiare dei miei comportamenti e pensieri. ma ho una dote grandissima nell’andarli a riprendere ecco…. che subito mi ritrovo a star male e vedere le cose nel vecchio modo e che fatica ricambiarlo. mi hai fatto capire che non basta la tecnica ma è molto importante il nostro dialogo interno, vero? secondo te è vero che siamo noi i padroni dei nostri pensieri, ecco che quando decido di voler cambiare mi blocco perchè ho il terrore din non riuscire a controlllare i miei pensieri,ma solo subirli!!

    Rispondi
  • Giuseppe Longo

    è uno Splendido articolo
    Grazie Marco ;-)

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Esatto.
    Il senso dell’articolo è questo, se cambi le tue credenze , i tuoi pensieri cambieranno le tue emozioni.
    Avere il controllo delle emozioni significa “credere” di poterle cambiare istantaneamente, se ne sei convinto ci riuscirai.

    Marco

    Rispondi
  • Lorenzo

    molte volte cerco di mandare via l’ansia e la paura che mi prendono in certe situazioni, sforzandomi di credere che ho il pieno controllo dei miei pensieri e delle mie emozioni. ma spesso le paure restano, e quando se ne vanno lo fanno da sole, non perchè l’ho deciso io in quel momento particolare. forse le emozioni che proviamo non sono solamente il risultato di quello che crediamo o pensiamo ?..

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento