Cambia la tua vita cambiando le parole

Chi si interessa di PNL o di Teoria della Comunicazione sa che le parole definiscono la realtà e che cambiando le parole che ci diciamo o che diciamo agli altri possiamo Cambiare la nostra e l’altrui visione della realtà.

Esistono molte tecniche che ci permettono di cambiare la visione della realtà in modo efficace, molte di queste però sono complesse così in questo articolo ho deciso di insegnarvi a farlo in modo molto semplice.

Quando vi rendete conto che potete modificare in qualsiasi momento la vostra visione della realtà allora potete iniziare ad applicare una semplice tecnica.

Non darò un nome a questa tecnica proprio perché le definizioni sono come catene e ci legano a vita a dei comportamenti disfunzionali.

La maggioranza delle persone tende a definire se stesso mediante le definizioni che gli altri gli affibbiano, facendoci definire da qualcun altro permettiamo a queste persone di decidere chi siamo e di decidere per noi come dobbiamo comportarci.

Mettiamo che voi diciate di voi stessi “Io sono brutto” oppure “Io sono timido” o anche “Io sono insicuro” solo perché gli altri vi hanno detto che siete così non farete altro che farvi condizionare e manipolare da chi vi sta intorno.

Iniziate a definire voi stessi utilizzando delle parole positive, le parole con le quali definite la vostra identità sono il vostro bigliettino da visita e sono anche ciò che voi pensate di voi stessi.

Mettiamo che voi abbiate intenzione di scrivere la vostra autobiografia usereste le parole con le quali vi definiscono gli altri o quelle con le quali vorreste essere definiti dagli altri?

Da oggi provate per una settimana a cambiare le parole con le quali definite voi stessi e utilizzate solamente parole a voi gradite, scrivete sul vostro “bigliettino da visita” biografico le parole con le quali desiderereste che gli altri vi definiscano.

Per esempio se credete di avere del talento nel canto fate sapere agli altri del talento nel canto e se qualcuno obbietterà mettendo in discussione questa vostra convinzione voi continuate a definirvi così e comportatevi “come se” voi foste dei reali talenti nel canto.

Utilizzate la stessa tecnica con tutti gli aspetti della vostra personalità e della vostra vita ricordandovi che le persone vi vedranno per quello che credete di essere.

Se una persona vi si presentasse affermando di essere un esperto voi molto probabilmente credereste alle sue parole e vi fidereste ciecamente di lui, se voi invece avete un gran numero di conoscenze, ma vi presentate come degli “appassionati” di una determinata materia non otterreste lo stesso risultato.

Credete alle parole che vi dite anche quando gli altri non ci credono e prima o poi quelle parole diverranno la vostra nuova identità.

Provateci per una settimana.

È la tua vita, credici,

Io la penso così.

Sinceramente,

Marco.

1 Commento

Lascia un commento
  • Josaya

    “All’inizio fu la parola…” (Giovanni 1:1) Questa è una cosa risaputa. Sappiamo che la realtà esiste a vari livelli di vibrazione. Tutto ciò che fa parte del mondo fisico vibra ad una frequenza più bassa rispetto a quello che appartiene al mondo della mente. Quindi i pensieri hanno una frequenza di vibrazione più alta rispetto alla materia. Sappimo che tutti abbiamo la potenzialità di dare vita ai desideri al livello di vibrazione più intenso e quindi di manifestarli nel mondo fisico.
    La parola è uno strumento potentissimo per fare questo.
    Ogni parola pronunciata è la connessione diretta fra il pensiero (livello vibrazionale più alto) e la materia (piano fisico a livello vibrazionale più basso). Nel momento in cui trasformiamo i pensieri in parole, trasferiamo i pensieri fuori sul piano fisico, in qualità di onde sonore, potenziate dall’intenzione che sta dietro ogni pensiero/parola. Il suono è notoriamente energia, che diventa attiva sul piano materiale.
    Un’ energia quindi che si manifesterà molto più velocemente rispetto, per esempio,all’energia della visualizzazione o del pensiero puro. Quindi molta ttenzione a ciò che diciamo!!! ;-D

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento