career portfolio,vittoria nervi

Il tuo CV non funziona? è troppo statico?Ora c’è un nuovo strumento per promuovere  le tue competenze e trovare lavoro:il career portfolio


Cosa è il CAREER PORTFOLIO?
Ci sono delle alternative per sfruttare al meglio le tue competenze ?
Come puoi visualizzare il tuo spirito di iniziativa?
la tua capacità di problem solving e organizzativa?

Chi sta decidendo se assumerti o no vuole vedere in concreto solo una cosa : le prove delle tue capacità.
E il CV è una prova? Certamente no
Il tuo obiettivo è di ottenere la giusta attenzione e poi la fiducia.

Come puoi acquistare punti fiducia?
Facendo vedere degli esempi reali di quello che hai fatto.

Il tuo career portfolio è il tuo teatro virtuale dove metti in scena la tua storia,punti il riflettore sui tuoi punti di forza.
Le due parole chiave sono credibilità e visibilità

Puntare sul career portfolio è un modo intelligente per mettere in evidenza le tue potenzialità personali.Ora puoi imparare come farlo CONCRETAMENTE nel  workshop interattivo :E’ tempo di career portfolio ( vai al mio sito,sezione blog professional)
 
Il  career  portfolio è come un portafoglio finanziario
Charles Handy, il guru inglese di management all’inizio dei lontani anni ’90 aveva scritto nel suo libro ‘Age of Unreason’ che saremmo entrati in un periodo di rapidi e ‘discontinui’ cambiamenti dove tutte le regole stabilite in precedenza sarebbero diventate vulnerabili.
L’aveva detto..ed è successo e sta succedendo in tutti i campi anche in quello professionale.

All’orizzonte appaiono con una rapidità mai vista in precedenza nuovi scenari
Occorre ripensare alla carriera, mettendo in campo nuovi approcci.
Ne ho parlato in una intervista su ‘Repubblica,my job’

Quali prendere in considerazione,in campo professionale, per affrontare il nuovo scenario?
Il CV sta diventando inefficace,obsoleto,statico in un mondo che corre come un razzo.

Come gestire la tua carriera con una ottica nuova?
La parola magica è portfolio career,una vetrina allestita ad arte per vendere il prodotto.Tu sei il prodotto vivente, l’insieme di capacità,di esperienze, di competenze più che una etichetta che definisce il tuo titolo (ragioniere,docente,laureata in….)

L’ottica deve essere simile alla gestione di un portafoglio di titoli.Pianificare e investire in modo efficace i tuoi per farli rendere in maniera ottimale
(financial planning),diversificare tenendo come punto di riferimento le tue competenze, i tuoi interessi e il tuo stile personale.

1 Commento

Lascia un commento
  • Angelo

    :) opp. :-)

    Anche questo ARTICOLO, gentile Vittoria, lo ritengo
    personalmente utile, veritiro ed ATTUALISSIMO!

    In effetti, siamo in clima di stravolgenti cambiamenti epocali, dettati da una lunga serie di variabili che è impossibile elencare a causa della enorme mole che ne verrebbe in campo.

    Pensare a se stessi, è secondo il mio punto di vista LA PRIMA REGOLA DI BASE per un sano equilibrio personale, evitando magari il narcisismo marcato che è un po troppo
    scomodo ma è importante sapere di esistere e mettere in evidenza le proprie qualità affinché il mondo del mercato e del lavoro NOTI LA NOSTRA PREPARAZIONE; certamente e di fondamentale importanza, resta il fatto che non siamo soli, rivolgersi al nostro prossimo con rispetto ed attenzioni dovute è di fondamentale importanza quanto la cura della nostra persona.

    Sono finiti i tempi del ben godi, dove un genitore
    al momento di lasciare la propria occupazione per
    anzianità infilava il proprio figlio o parente che
    sia in una data attività. Rimane ancora uno spiraglio per il clientelismo ma questa è un’eccezione FUORI DALLE RIGHE…e i risultati
    purtroppo, talvolta, li abbiamo tutti davanti agli occhi!!!! :-(
    Esiste comunque daltronde UNA SANA E LODEVOLE NICCHIA di professionisti con competenze diverse che MERITA TANTO RISPETTO, mentre purtroppo il mondo del lavoro ancora non li conosce.

    In riferimento al tuo enunciato è quantomeno vero ed IMPORTANTISSIMO seguire alla lettera quanto dici!

    Nulla di altro aggiungo poichè lascio a chi ne ha le facoltà, e questa sei tu gentile Vittoria, di esporre ed argomentare sulle possibili dinamiche da adottare per rendere visibile le proprie competenze ed esperienze, in un mondo che pare sia sul punto, quasi, di dimenticare che occorre anche respirare!

    Grazie Vittoria anche di questa occasione.
    FORMIDABILE ARTICOLO IL TUO.

    Un simpatico saluto
    e grazie della tua cortesia.
    Angelo D.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento