0 oggetti | €0

Ciao Lettore, come stai?

Questo maggio con questa pioggia sembra volerci mettere proprio alla prova. Eh si, una prova davvero forte, che incide sul nostro stato d’animo, perchè magari con un pò di sole e di caldo andrebbe tutto un pò meglio, ma questa è una sfida, perchè come direbbe un mio caro cantante Jovanotti, “c’è sole e luna dentro di me”, eh si, se fuori piove, per te deve essere una bella giornata di pioggia come quando c’è il sole una bella giornata di sole.

Detto questo, voglio parlarti di auto-stima. Saprai sicuramente cosa è, in poche ma chiarissime parole, è “avere fiducia in se stessi”.

E come la si sviluppa? Semplicemente mettendosi alla prova, semplicemente facendo ciò di cui abbiamo paura, ciò di cui non facciamo perchè chissà gli altri cosa possono pensare o dire. Devi oltrepassare quel limite, che a volte lo facciamo diventare talmente grande che diventa uno scalino, poi un muretto, poi un muro, fino a diventare un muro enorme di cemento armato difficile da battere.

Attento ho detto “difficile” e non “impossibile”. Superare le proprie paure è difficile, non ti racconto frottole, ma perchè frustarsi con se stessi delle proprie paure, quando basta un pò di impegno di quello serio per cambiare? In realtà basta volerlo davvero, per esempio, se una persona si lamenta che ha troppa ciccia e vuole dimagrire, ma continua a stare sempre seduta e non cambiare la propria alimentazione, difficile che ottiene ciò che desidera.

Per farti capire meglio quello che intendo, ti lascio con un dialogo che ho avuto con un amico proprio in merito alla paura.

lui: ho paura

io: di cosa hai paura?

lui: ho paura di sbagliare, di essere preso in giro, di diventare rosso, di dirgli quello che penso

io: ok, e cosa fai o stai facendo per poter cambiare questa situazione?

lui: niente. ti ho detto, ho paura.

io: la paura è normale che ci sia, è un’emozione come tante altre e puoi gestirla

lui: parli facile, che cosa posso fare?

io: affronta la paura! solo così puoi superarla. ti si mette il fastidio allo stomaco? ti sudano le mani? diventi rosso? lasciali andare è così che si cresce

lui: devo prendere coraggio, perchè così, lo so, mi faccio male da solo

io: questo è un passo avanti già. è un pò come gli esami. vai li che stringi le chiappe, e poi quando inizi a parlare, vai liscio

lui: quindi devo fare come se stessi facendo un esame

io: si. perchè se non impari a gestire le tue paure, saranno loro a gestire te.




16 commenti /

Lascia un commento →
  • Ho paura di non riuscire a gestire i tanti pagamenti che ho accumulato con mio marito e quindi di rimanere senza una lira,pur avendo un lavoro

  • Ciao Rosa,
    ti ringrazio per il commento. Credo che più una questione di “autostima”, questo sia una questione relativa alla gestione del denaro. Cero l’autostima influisce, perchè più autostima sicuramente ti da più consapevolezza nelle azioni da compiere

  • ho paura che nonostante tutti i miei sforzi niente cambi comunque….

    • ti faccio una semplice domanda? su cosa ti stai concentrando, su quello che riesci o non riesci a fare?
      sulle cose che vanno o su quelle che non vanno?
      dopo che hai risposto a te stesso, prendi ciò che pensi ti limita, scrivilo grande su un foglio di carta e senti attentamente cosa provi…dopo di che, straccialo lentamente in tanti pezzettini, ed ogni strappo ripetiti mentalmente “la mia autostima sta crescendo”…fammi sapere come va

  • Pingback: Stima di se stessi: i segreti dell'Autostima | Autostima | PiuChePuoi.it

  • sapere che questo è considerato da voi ,che a proposito,stimo,1 tipo di “esercizio di accrescimento di autostima”…….beh …,lo dico……mi aiuta ancor di più penso ad accrescere la mia…..infatti senza che nessuno mi indirizzasse mai,nel mio percorso di vita, ne avrei incontrate molte,a cominciare dall’uomo lupo di mia sorella all’età di ,5-6?,boh…,però ho trovato dentro …da sempre…,il coraggio di AFFRONTARLE…..con lo spirito giusto……e tanta determinazione..con i valori aggiunti di volontà che se cerchi bene….e ci credi…sono magari nascosti,rimpiattati…..dentro di te…..MA CI SONO……1 po conosciamo il nostro mondo……bisogna saperci fare sennò ti sbrana……

    • ciao Fabrizio.
      sicuramente è una “consapevolezza” da sviluppare, per poter accrescere la nostra autostima. conoscersi nel profondo.

  • Sono un insegnante.Il mio problema riguarda la realizzazione affettiva. Nel lavoro, nella vita di relazione, nell’impegno sociale mi sento a mio agio. Invece è “li” che dedico tanto tempo delle mie giornate pensando agli errori fatti, molto spesso colpevolizzandomi….
    Livio

    • Ciao Livio,
      gli errori si commettono, è naturale, è anche giusto, ma c’è una differenza sostanziale da capire. Per crescere sia in maturità sia in autostima, è si analizzare i propri errori MA, capire dove c’è stato l’intoppo e far si che la prossima volta il risultato sia diverso. Colpevolizzarti NON va bene, sai perchè?…perchè cerchi giustificazioni, ma NON devi cercare giustificazioni, devi cercare “SOLUZIONI” per migliorare. Spero di esserti stato d’aiuto.
      Dan

  • Secondo me il discorso della gestione della paura e dell’ansia è proprio questo. L’incapacità di muoversi e mettersi in gioco, questo perchè fa uscire dalla propria zona di confort.

    Ma come dici te è proprio li la soluzione, muoversi ed agire per ottenere qualcosa. Se non siamo disposti a metterci in gioco, niente risultati.

    Complimenti Daniele ;)

  • Penso che sia una strategia buona, quella di fare ciò di cui abbiamo paura, per aumentare la nostra autostima.
    Ma il problema secondo me è diverso. Se non posseggo una buona autostima non riesco neanche a fare quello che considero troppo grande per me. Nel mio profondo penso che sia inutile, tanto sono sicuramente inadeguato.
    E’ il classico cane che si morde la coda…
    Saverio

  • Io vengo dall’analisi sia psicanslitica che psicoterapics perche’ da piccolissima ho sofferto dei problemi coniugali dei miei genitori che erano per giunta persone ignoranti di psicologia e anche piuttosto frustrati ciascuno, imputando quindi i miei primi problemi del linguaggio e relazionali come mie difficolta’ congenite. Il risultato e’che fino a poco prima di rivolgermi ad uno psicologo credevo di non essere ok per natura come avevo assorbito in casa. Poi ho scoperto di essere molto capace, ma anche che dovevo conoscere i miei limiti per superarli. E’ stato un percorso molto lungo e difficile fatto di discese e risalite..e francamente trovo alcune cose di wuesto blog giuste, altre inesatte o per lo meno incomplete. A questo riguardo dell’autostima bisogna inanzitutto capire a cosa tendiamo e cosa ci limita. Se la paura e’ oggettiva non e’sufficiente affrontarla. Bisogna lavorare e lavorarci attorno per vincerla

  • Non si può non essere d’accordo con quanto letto. Occorre forza di volontà, determinazione, altrimenti si rimane sempre nella propria posizione debole e ci si trova sempre più davanti ad un muro di cemento armato. Non credo che uno si senta realizzato, piuttosto prova un senso di frustrazione, di debolezza oltre che sentirsi un debole, un insicuro, vorrei dire un po’ vile.

  • a volte il problema non è tanto nell’autostima, ma nella immagine di te che gli altri vedono……. e se te la comunicano, la tua autostima, che ti fa dire “che cavolate, questo è proprio cretino” se lo stimolo si ripete continuamente, alla fine cala….

  • ho paura, ho paura di essere sempre rifiutata, ci provo e ci riprovo , ma la situazione non cambia.
    ci riesco sempre ad essere rifiutata.
    eppure in tutti gli altri campi sono a posto, ma nelle relazioni no, alla fine ho capito che quello che prevale è la troppo vergogna che provo di me. sono una disabile.

  • Beh complimenti davvero un bel articolo su un argomento molto caldo e importante. Sicuramente per farla crescere bisogns assolutamente affrontare la paura.Pero esistono vie e tecniche che possono aiutarci al meglio. Consiglio di alimentarla sempre ottima abitudjne sono le dichiarazioni! !!!

Lascia il tuo commento