EFT è la siglia di “Emotional Freedom Technique” che tradotta in lingua italiana significa:

TECNICA DI INDIPENDENZA EMOZIONALE.

Durante la pratica di questa tecnica straordinaria si picchiettano alcuni punti energetici del nostro corpo coi polpastrelli delle dita, per questo motivo negli Stati Uniti l’ EFT viene chiamato: TAPPING.

Noi siamo energia fluida in un corpo ed il corpo è energia densa. All’interno del nostro corpo vi sono canali energetici dove scorre l’energia vitale. L’energia che scorre all’interno del nostro corpo nelle discipline orientali viene chiamato KI in giapponese e CHI in Cinese. Questi canali energetici sono detti anche i meridiani dell’agopuntura e dello shiatsu.

Prova ad immaginare l’impianto elettrico della tua casa. All’interno dei muri scorrono i fili elettrici che portano energia nei vari punti del tuo appartamento, lampadine, prese di corrente o interruttori. Se c’è un difetto in uno di questi punti dell’impianto elettrico avviene un corto circuito a tutto l’impianto e la zona disarmonica necessita di una riparazione.

Poichè all’interno del nostro corpo esiste una circolazione energetica, ed i punti dell’agopuntura e dello shiatsu sono zone energetiche là dove noi sblocchiamo il libero fluire dell’energia vitale in quel determinato meridiano o canale di energia, attraverso la stimolazione di alcuni punti, ristabiliamo uno stato di benessere emotivo e fisico.

Gli eventuali traumi avuti durante la nostra vita, dall’infanzia ai giorni nostri possono essersi bloccati in determinati punti del corpo creando disarmonie. Questo vale anche per i nostri pensieri limitanti. Tutto ciò che è stato motivo di sofferenza per noi ha ostacolato il libero fluire dell’energia vitale nel nostro corpo. Anche i sensi di colpa. Le sofferenze dovute ad abbandoni, separazioni, traumi di qualsiasi genere. E questo impedisce all’energia vitale di fluire liberamente e si ripercuote nella nostra vita sia sotto forma di disturbo fisico o di malessere  ma anche attraverso problemi quotidiani e nelle varie aree come per esempio la scarsità economica, problemi di tipo affettivo e cioè non avere una relazione d’amore appagante, sentire di avere poca energia ecc…

Ovviamente nessuna persona vorrebbe avere questi problemi ma a livello inconsapevole li richiama attraverso un’energia che non fluisce liberamente spesso a causa di emozioni negative provate attraverso ricordi dolorosi o preoccupazioni per problemi attuali ecc…

Tutte le emozioni negative sono avvertite attraverso il diverso fluire dell’energia del nostro corpo. Il dolore sia fisico che psicologico, i disturbi o le mancanze sono connessi in modo complesso con le emozioni negative.

Con l’utilizzo dell’ EFT è possibile ristabilire l’energia del nostro corpo, pacare i sintomi fisici, migliorare gli aspetti della vita che sembrano carenti, modificare un abitudine dannosa come per esempio mangiare troppo o fumare ecc… eliminare pensieri limitanti inconsci che impediscono di vivere una vita realizzata ed appagante cosi come desideriamo a livello logico/razionale, eliminare i sensi di colpa, eliminare il peso emotivo di traumi subiti in passato, ripulirsi dai blocchi energetici e dai pensieri frenanti che impediscono la realizzazione economica oppure che impediscono di essere felici in una relazione, eliminare paure inconsce, sensi di colpa sensazioni di non meritare la gioia o di non meritare ciò che si desidera.

Con l’utilizzodell’ EFT sblocchiamo i problemi emotivi non risolti che impediscono il cambiamento desiderato.

La tecnica richiede che ci si concentri sull’emozione negativa, una paura, un problema non risolto, l’ansia, il senso di colpa, l’insicurezza, un ricordo negativo, un tradimento, un abbandono, l’ansia per motivi economici, una preoccupazione per un problema, un dolore emotivo o fisico, un rapporto di incomprensione del passato… qualsiasi cosa sia di disturbo a livello di pensieri ed emozioni. Ripercorrendo l’emozione e lo stato vengono picchiettati particolari punti della medicina cinese e giapponese dislocati lungo alcuni meridiani, soprattutto sul meridiano dello stomaco legato alle emozioni.

L’ EFT viene eseguito seguendo una particolare sequenza e pronunciando ad alta voce il pensiero limitante, liberando quindi l’emozione o il problema SBLOCCANDOLO e lasciandolo andare a livello energetico.

Grazie alla tecnica dell’ EFT sblocchiamo la nostra energia vitale andiamo a togliere il gancio dal freno. Per questo motivo l’ EFT è molto utilizzata nel Life Coaching, e nel campo della Legge dell’Attrazione e del Manifesting.

La finalità di questa tecnica favolosa e potente è di sbloccare le tue emozioni e portarti verso l’esistenza che tu desideri e che meriti.

8 Commenti

Lascia un commento
  • monica giovine

    Ciao carissimo Alessandro,
    eccomi, scusami per l’attesa ma ti ho risposto appena mi è stato possibile. :-))
    Certamente l’EFT può fare tanto e non per niente si chiama “Emotional Freedom Technique” che significa “tecnica di indipendenza emotiva” (o emozionale).
    Sono tantissime le cose che puoi fare per superare l’ansia. L’EFT è ottimo ed io lo consiglio molto spesso durante le sessioni di life coaching per liberarsi dalle credenze negative inconsce e dai blocchi interiori. Anche per l’ansia può fare benissimo, può fare anche miracoli, certo, perchè no?
    Puoi anche iniziare a fare meditazione e rilassamento o respirazione. Però non conoscendoti ti consiglio di iniziare con l’EFT magari il rilassamento lo farai in un secondo meomento dopo avere terminato un buon ciclo di EFT.
    Hai qualcuno che può seguirti in questo processo, che possa verificare quali sono i tuoi nodi da sciogliere e l’origine della tua ansia?
    Cerca di diventare anche emozionalmente indipendente dagli altri, cioè inizia a fregartene di quello che ti dicono se tu non sei daccordo, di ciò che pensano di te, o delle loro emozioni, per esempio se gli altri sono arrabbiati è u problema loro e non tuo, quindi tu continua a sorridere e pensare che se vorranno risolvere i loro problemi lo potranno fare come lo fai tu se non lo faranno sono affari loro! Non preoccuparti tu di loro, di cosa fanno, cosa pensano, cosa dicono ecc… pensa a te. Pensa che gli altri sono tanti bambini che ora sono cresciuti ma continuano ad avere bisogno d’amore, esattamente come te e come tutti!
    Un caro saluto!

    Rispondi
  • Alessandro

    Salve sono un ragazzo di 18 anni e da qualche mese soffro di ansia sociale specifica, quindi che si manifesta solo in determinate situazioni sociali, sembra banale la situazioni osservata da persone con problemi più seri ma questa è una cosa che piano piano sta distruggendo ogni mia certezza, a volte sembra andar via o per meglio dire gli do meno peso ma dopo un po ritorna e non riesco a gestirla, quello che vorrei chiederle è se l’EFT è davvero un metodo che rivoluzionerà la cognizione del mio io? e in quanto tempo noterò qualche cambiamento?
    Aspetto con “ANSIA”:) una sua risposta grazie.

    Rispondi
  • monica giovine

    Gentile Karl,
    il mio compito è aiutare le persone a cercare di rendere semplice e fluida la loro esistenza, naturale, vera, autentica, spontanea. Ma spesso è un compito arduo (non dovrei dirlo :-) le persone si sono cosi abituate a complicarsi la vita che la strada tortuosa ed in salita è spesso la strada che viene scelta e maggiormente compresa. E’ la strada che attrae di più rispetto alla strada semplice, fluida, spianata, in discesa, facile, naturale. Le persone sono cosi abituate a farsi del male che non sono più in grado di rendersi felici e cercano inconsapevolmente di farsi del male. E’ difficle aiutare le persone a non farsi del male se loro sono abituate a farsi del male da sempre. Mancano le sinapsi per farsi del bene e per rendersi felici. E’ necessario creare questi nuovi percorsi, imparare ad essere felici e disimparare a farsi del male.

    Tu dici che l’ombra è la parte alla quale abbiamo rinunciato e la luce è la parte che si è adeguata alle aspettative altrui. Scusami, ma è il contrario. La nostra luce è la nostra parte autentica e spesso è assopita dentro di noi perchè abbiamo rinunciato a seguire la nostra luce adeguandoci alle aspettative degli altri. Quindi ciò che siamo oggi se non è la nostra luce come conseguenza è la nostra ombra. Se è qualcosa che ci fa soffrire è la nostra ombra. Se è qualcosa al quale ci siamo costretti a seguire e quindi nostro malgrado ci siamo adeguati è la nostra ombra, non siamo noi, se è una forzatura è la nostra ombra non siamo noi. E la nostra ombra non ci rende felici, non ci da energia. La nostra luce è la nostra parte autentica che ci da gioia, forza, felicità, energia vitale, buona salute, realizzazione personale, scopo di vita. Questa è la notra luce. Se abbiamo rinunciato a tutto questo abbiamo rinunciato alla nostra luce. Eppure gli animali ed i bambini piccoli sono luce pure. Loro seguono sempre la strada più facile, più semplice, più vera, in discesa, la via naturale e spontanea e non la complicazione. Quello che viene tanto facile ai bambini e agli animali per gli esseri umani adulti è un problema, cosi pieni di schemi e regole che distologono dall’ascolto interiore, dal seguire la propria luce.

    Nell’esempio che hai citato, è probabile che la rigidità altrui ti infastidisca perchè l’hai vissuta da bambino, e fa parte dei tuoi ricordi, forse hai avuto uno dei genitori, o una nonna o un insegnante non so, qualcuno di importante che rifiutava un’idea nuova e a te aveva dato fastidio e quell’episodio a tavola con l’amica rigida ha scatenato in te l’antico ricordo di fastidio in relazione alla rigidità. E’ qualcosa che c’è in te come episodio bloccante del tuo passato, non necessariamente in come sei tu, ma è qualcosa dalla quale tu stai scappando perchè non ti piace.

    La annulli nel momento in cui accetti la tua amica cosi com’è e non fai più caso alla sua rigidità senza provare fastidio nè cercare di cambiare l’amica sperando che possa pensarla come te. Il tuo fastidio ti sta mostrando non un evoluzione ma qualcosa che devi lasciare andare. Quando lasci andare non provi più fastidio! :-) L’EFT per esempio aiuta a lasciare andare queste sensazioni di provare delle emozioni negative rispetto a qualcuno o a qualcosa o ad un comportamento altrui.

    Rispondi
  • karl

    gentilissima monica..
    una curiosità..
    il nostro lato”ombra”..cioè quella parte in ombra a cui abbiamo rinunciato,(a favore del nostra lato in luce perchè un lato adeguato alle aspettative degli altri)….ci capita di rincontrarlo nella gente che incontriamo,,,giusto?magari in quei lati che meno ci piacciono degli altri sono proprio quei lati che di noi abbiam negato….
    dunque le volevo chiedere…ammesso che abbia scritto cose sensate(mi corregga ovviamente)…Il lato in ombra cresce e si sviluppa come quello in luce(poichè credo che il lato in luce si evolva con gli anni), o rimane bambino, cioè all’età a cui vi abbiamo rinunciato?
    le faccio un esempio..giorni fa ero a pranzo con un amica..mentre pranzavamo mi infastidva la sua “rigidità”,cioè la sua capacità di dire no nell’assaggiare una pietanza nuova che lei “pensa”che non le possa piacere…le dico appunto che a me disturbava la sua rigidità a fronte della mia “elasticità”adattiva…insomma credo che da piccolo ho rinunciato a quella”rigidità”…anche se a pensar bene il termine rigidità (che a me suona come negativo)potrebbe assumere una connotazione positiva se sostituito con altri termini tipo..sicura dei gusti personali ecc.
    il mio è un esempio semplice, ma appunto la mia domande è se l’ombra si evolve sempre e la si possa riconoscere nei miei interlocutori perchè mi mostra come si è evoluta la cosa?
    saluti

    Rispondi
  • monica giovine

    Gentile Gian,
    certamente il nostro inconscio manda in continuazione “messaggi” ed impulsi. Spesso i messagi sublimali arrivano dall’esterno, famiglia, società, cultura, media ecc… e noi non ce ne accorgiamo e li facciamo diventare “nostri”.
    Se questi messaggi sono limitanti per la nostra vita o contrari a ciò che siamo relamente noi è utile liberarsene. Per identificarli usiamo le nostre emozioni per capire se “quell’idea” è ciò che vogliamo veramente e fa parte di noi o se è contraria ai nosti desideri profondi, e magari è un’idea che accontenta più gli altri, o la società, piuttosto che noi stessi. Per capirlo dobbiamo sentire cosa proviamo: Tranquillità o ansia? Entusiasmo o dubbio? Gioia o timore?
    Attraverso l’EFT si può fare un lavoro di scavo. Liberarci dalle idee non nostre e mentre lavoriamo con eft e facciamo “tapping” spesso emergono emozioni, e ricordi che a loro volta ci permettono di lavorare su altre situazioni e ripulirle. E’ come sbucciare una cipolla, mano mano che togliamo uno strato emerge un nuovo strato. Con eft lavoriamo su una convinzione negativa ed emerge un nuovo ricordo. Che comunque era dentro di noi, e magari poteva essere di “disturbo” quindi è un bene esserne consapevoli per sbloccare anche quel ricordo e quell’emozione negativa.
    Credo che l’EFT sia un grande lavoro di pulizia interiore e che possa aprire le porte poi ad altre tecniche potenzianti sulle convinzioni inconsce. Prima ripuliamo e più facilmente le nostre porte possono aprirsi alle nuove credenze potenzianti.
    Saluti!

    Rispondi
  • gian

    gentile monica,
    in tema di dipendenza emozionale avrei da chiederle un pò di cose..
    si parla spesso di messaggi subliminali..che lavorano subdolamente tanto da non essere avvertiti consciamente da chi li “riceve”….secondo lei un lavoro di consapevolezza di sè,che renda autonomi di scegliere,introspettivi..e capaci di amore e accettazione per se stessi e di conseguenza per gli altri..può essere efficace per difendersi dai messaggi subliminali?altrimenti vi sono altri strumenti per difendersi dai messaggi subliminali o quanto meno accorgersene?
    che pensa?
    salutiiiiiiiiiiiiiii

    Rispondi
  • monica giovine

    Ti ringrazio caro Moreno.
    Vorrei solo chiederti: perchè dici che non puoi andare oltre?
    Tu stesso dici che in te c’è tanto desiderio di poter imparare delle tecniche che possano sbloccare la tua vita. Davvero? Dunque perchè “non puoi” iniziare a sbloccarla? Pensi di avere degli ostacoli che te lo impediscono? Prova a pensare che se tu praticassi questa tecnica, l’EFT, o la PNL o la Logosintesi ecc… (sono tutte grandiose tecniche di indipendenza emozionale) potresti vedere la tua vita in un modo diverso, anche da dove sei ora!!! Si, proprio da lì :-)
    Penso che inizieresti ad avere la sensazione che anche tu PUOI andare oltre nonostante qualsiasi sia la situazione nella quale tu ora ti trovi. Puoi sempre avere percezioni diverse e da dove sei ora iniziare ad essere la persona che vorresti essere. Inizia da dove ti trovi ora, qualsiasi sia la tua situazione, non è possibile aspettare che prima cambino le cose e poi cominciamo… prima cambiamo noi e poi cambiano le cose!
    Un caro saluto!

    Rispondi
  • moreno

    è un piacere leggere le cose che hò letto
    vorrei riuscire a spiegare quanto desiderio ce dentro di me poter imparare e praticare queste tecniche .anche se adesso per vari motivi non posso andare oltre , presto ci riuscirò
    intanto ti ringrazio per quello che ho letto

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento