Quello che sto per dirti forse non ti piacerà.

Hai sicuramente letto molti articoli sul coaching, alcuni scritti da me altri da altri autori.

Avrai appreso diverse tecniche e molte di queste funzionano davvero.

A volte però forse non sei riuscito/a ad avere i miglioramenti sperati.

Come mai?

Me lo sono chiesto anche io quando mi è capitato che certe tecniche che funzionavano con la maggioranza delle persone non avevano lo stesso effetto su di me o su alcuni miei clienti.

La verità è che ogni volta che agisci sulle tue credenze o sui tuoi pensieri devi assolutamente essere convinto che il nuovo pensiero o la nuova credenza che stai acquisendo corrisponda alla realtà.

La stessa cosa vale per le immagini poiché ogni qual volta che cerchi di modificare un’immagine mentale devi far sì che tu leghi emozione alla nuova immagine che hai sostituito.

Come fare però per fare accadere questo? Il “segreto” che ti sto per rivelare ha cambiato la mia vita.

Il tutto consiste nell’assumersi la responsabilità di quel che si crede o che si pensa per sentirsi finalmente padroni della propria esistenza.

I pensieri che fai in continuazione ti appartengono perché tu li generi e credimi che nessuno ha il controllo su di questi tranne che te.

Quando ti rendi conto di questo inizi a sentire una forte sensazione di potere ed autonomia perché prendi coscienza che nessuno ha il potere di demoralizzarti, farti arrabbiare o demotivarti se tu non glielo permetti perché tu e solamente tu hai il potere e ripeto il potere di scegliere a cosa pensare ed a cosa credere in ogni istante della tua vita.

Ogni tuo pensiero ti appartiene e proprio per questo motivo puoi decidere di “disfartene” o di sostituirlo con uno più piacevole e funzionale.

Rifletti su queste mie parole e vedrai che in queste ci sta parte di quella soluzione che stai cercando da tempo.

Sinceramente,

Marco.

2 Commenti

Lascia un commento
  • giovanni

    Ciao marco è un gran piacere leggerti bravo

    Rispondi
  • Francesca

    Sempre grazie per quello che scrivi.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento