Ho trovato un risultato di uno studio di come un segnale cinestesico interagisce con un segnale visivo non appena le due informazioni arrivano al cervello. Studio condotto da ricercatori dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa e Milano e pubblicato su Leonardo.it .

Ho trovato molto interessante il livello di immediatezza delle percezioni, a scapito dell’elaborazione profonda e conscia del nostro cervello. Questo conferma quanto già pensavo, che le sensazioni che percepiamo attraverso i nostri sensi, fanno partire “in automatico” alcuni comportamenti e stati d’animo specifici. W la PNL direi.
“La percezione coerente del mondo esterno che ci permette di muoverci e agire in maniera efficace”, spiega Maria Concetta Morrone, “non è un processo passivo e automatico, come si potrebbe pensare data l’immediatezza e la precisione della nostra percezione, ma è il risultato di complesse computazioni operate dal nostro sistema nervoso centrale. Quali meccanismi cerebrali e quali aree corticali consentano quest’integrazione rimane un problema irrisolto. La visione classica è che la fusione delle informazioni provenienti dai diversi sensi avvenga solo dopo che ciascuna di esse è stata analizzata dalla circuiteria nervosa specializzata per quella specifica modalità dopo essere entrata a far parte della nostra esperienza cosciente”.
Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Current Biology, “pone seri dubbi riguardo a quest’ipotesi, dimostrando che stimoli visivi e tattili possono essere integrati anche senza essere percepiti coscientemente e che l’integrazione può avvenire già a livello dei primissimi stadi dell’elaborazione visiva, ovvero a livello della corteccia visiva primaria”, spiega Claudia Lunghi, coautrice della ricerca.
Dalla ricerca risulta che l’informazione cinestesica è in grado di influenzare la binocularità visiva.

“Quando due immagini diverse vengono presentate contemporaneamente ai due occhi il cervello va in confusione: non le combina in un unico percetto stabile ma lascia che si alternino e competino per raggiungere la nostra coscienza”, aggiunge la ricercatrice.

“Se, ad esempio, un occhio ‘vede’ un reticolo orizzontale e l’altro un reticolo verticale, il cervello ne vede uno solo per volta: verticale e orizzontale si alternano nella percezione. Il segnale relativo all’immagine soppressa rimane confinato ai primi stadi del sistema visivo (dalla retina fino alla corteccia visiva primaria), le aree visive di più alto livello elaborano solo lo stimolo mentre se ne ha percezione cosciente, ma non mantengono traccia dello stimolo ‘soppresso’ ”.
I ricercatori hanno però dimostrato che un segnale tattile congruente con lo stimolo visivo soppresso durante la rivalità binoculare è in grado di rafforzarne il segnale a tal punto da riportarlo a coscienza.

“Ad esempio, se l’osservatore sta vedendo il reticolo orizzontale ma tocca un reticolo verticale, nella maggior parte dei casi la dominanza dell’orizzontale sarà interrotta e l’osservatore tornerà a ‘vedere’ verticale, ristabilendo la congruenza tra lo stimolo visivo e tattile”, precisa Paola Binda, dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano . “Un segnale tattile può interagire con quello visivo anche quando questo si trova al di fuori della consapevolezza: l’interazione ha luogo già a livello della corteccia visiva primaria”.
I risultati descritti sopra possono rivestire un’importante applicazione clinica aiutando la comprensione dei meccanismi di plasticità che si instaurano dopo un danno sensoriale. “Nei pazienti non vedenti, per esempio, la corteccia visiva primaria è reclutata per l’elaborazione dell’informazione tattile”, conclude la ricercatrice In-Cnr, “e questa ricerca dimostra che le connessioni tra corteccia somatosensoriale e visiva non vengono create ex novo, ma sono un corredo naturale del sistema”.

Immaginiamo di passare le nostre dita sulle lettere dell’alfabeto Braille…

“Rinforzare” le nostre sensazioni positive, colorandole, mettendoci dentro sapori, profumi e suoni, quelli che solo noi sappiamo … ci fanno vivere una vita davvero intensa e creano delle ancore speciali che ci metteranno in condizioni positive più facilmente e con più emozione. Il bello è che questo avviene anche senza “pensarci” visto che il nostro amato inconscio va a pescare da solo le situazioni migliori da proporre alla nostra mente inconscia, che deve poi soltanto “scegliere” le proposte migliori.

Che bell’aiuto …

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento