Parlare in pubblico: il dono dell'IncantatoreOgni parola che usciva dalla suabocca sembrava entrarti nelle vene.

Hai presente quando qualcuno ti guarda così intensamente che ti sembra di essere nudodavanti ai suoi occhi? Ti è mai capitato?

I suoi, seppure carichi di emozione, apparivano dighiaccio.

Ad un certo punto mi guardò, si, mi guardò dritto negli occhi.

E mi disse:

.

.

.

PARLARE IN PUBBLICO: CI SONO PERSONE CHE SEMBRANO AVERE IL DONO DELL’INCANTATORE VERO?

Ti sarà capitato di incontrare persone che avevano un fascino particolare, nel loro modo di camminare, di muoversidi parlare.

Persone che riescono ad attirare naturalmente l’attenzione.

Per alcuni il talento è naturale, altri possono impararlo attraverso il modellamento e, soprattutto, l’esperienza condivisa di chi quel dono lo possiede.

VISTO COSA E’ SUCCESSO CON L’INCANTATORE?

Parlare in pubblico: il potere delle storie

Le storie emozionano,incuriosiscono, soprattutto se hanno determinati particolari.

Se guardi di nuovo l’inizioora potrai notarli:

1. Non è stato specificato il soggetto (questo crea curiosità, chi sarà che aveva questo dono?)

2. E’ stata inserita una domanda nel secondo paragrafo: le domande fanno sentire coinvolti (Hai presente quando qualcuno…?)

3. Sono stati usati termini multisensoriali (auditivi: le parole che uscivano dalla sua bocca..visivi: ti guarda intensamente e…cinestetici: carichi di emozione…)

Ci sono molti modi per stimolare e modellare il dono dell’incantatore : uno l’hai visto qui, le storie.

Ma le storie che incuriosiscano, coinvolgano, tocchino (in tutti i sensi).

Che il dono sia tuo.

1 Commento

Lascia un commento
  • ida

    ognuno di noi ha risorse infinite , siamo sempre alla ricerca della parola magica per metterle in funzione , e senza quella tutti i giorni sono uguali . chissà qual’è questa parolina piccola piccola ma grande da cambiare la vita!!!!!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento