E’ facilissimo essere invisibili.

Si cammina per le strade e nessuno ti guarda.

Ti trovi tra la folla e ti senti isolato.

Entri nei centri commerciali e sei anonimo.

Può darti un senso di libertà oppure può darti l’idea di non essere, di non valere, di non avere alternative.

Poi accendi il televisore e ti trovi di fronte a persone come te, che nessuno notava per le strade, che ora sono famose. Frequentano i reality show, le pagine di giornale, le copertine dei settimanali ed espongono opinioni, creano mode, guadagnano denaro e …. soprattutto, sono molto visibili.

celebrità

Quanti amici, quanti fans, quante voci ….

Quanto vorresti acquisire la loro stessa visibilità. Perché essere sullo schermo è essere vivo, perché comparire tra le pagine di una rivista è essere visto, perché le ore che si passano nelle vite di qualcun altro, tralasciando quella che si ha a disposizione, sono sempre di più.

Quanti sono i cortili dove i bimbi giocano a pallone? Quanti sono i palazzi dove i vicini si conoscono ed i loro figli giocano insieme? E’ forse più semplice accendere la televisione o regalare un videogioco. Forse si comincia così, ad abbandonare se stessi, alla ricerca del proprio essere al di là di uno schermo di qualsiasi genere. E, quando ci si è persi, si cerca di rendersi visibili con i soli modi che si conoscono anche se questo “solo modo” potrebbe essere in una pagina di cronaca nera.

Non c’è mai una sola alternativa, non è possibile cercare fuori di casa la chiave persa in casa solo perché fuori c’è più luce. Bisogna avere il coraggio di tornare al buio, mettersi a carponi e tastare ogni angolo, per riscoprire ed accendere quella luce radiosa, sfolgorante e gioiosa che è solo ed esclusivamente dentro di noi e che è la nostra essenza.

Non smettere mai di cercarti, trovarti, riscoprirti: sarà l’avventura più eccitante, vera e visibile che tu possa avere.

2 Commenti

Lascia un commento
  • stefania finardi

    Grazie a te Stefano che, col tuo commento hai espresso proprio l’essenza di ciò che volevo comunicare ed hai reso la mia giornata più gioiosa.

    Con l’augurio di una splendida giornata!
    Stefania

    Rispondi
  • stefano

    STRAORDINARIO ARTICOLO Stefania!!!

    Hai colto l’etimologia della parola visibilità in poche ma profonde frasi, di cui una in particolare mi ha reso consapevole del meraviglioso viaggio interiore che sto compiendo: “…per riscoprire ed accendere quella luce radiosa, sfolgorante e gioiosa che è solo ed esclusivamente dentro di noi e che è la nostra essenza”.

    Grazie mille, VOTO 6 (si può?)
    Stefano

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento