Cristian StangaliniCristian Stangalini, 43 anni, è stato messo in cassa integrazione dalla multinazionale Metal Welding Wire, spcializzata nella lavorazione del ferro.

Oltre a lui altri 42 colleghi hanno perso il lavoro.

La reazione di Stangalini però è stata più forte del licenziamentoDa dipendente si è trasformato in imprenditore.

Era il 2011 quando è successo: Stangalini ha venduto casa e dalle ceneri dell’ex azienda ne ha fondata un’altra riassumento quindici ex colleghi.

In piedi. Standing ovation. Applausi.

Risultato: la suaOmp-Fili srl produce oggi 450 tonnellatedi fili per saldatura al mese con un fatturato superioreai 4 milioni di euro.

In piedi please. Standing ovation. Applausi.

Il 43enne neo imprenditore è convinto che, sebbene il momento storico sia innegabile, la soluzione non può essere “la paralisi”.

Quando l’azienda per cui lavoravo ha deciso di chiudere lo stabilimento – ha spiegato – era evidente che non era un problema legato alla mancanza di lavoro. Sarebbe stato un delitto gettare alle ortiche tutto“.

Non è stato facile – prosegue – perchè al di là di tanti proclami si è soli a combattere lì fuori“.

Non è stato facile, ma le persone che possono vincono,nonostante tutto.

E chi ha detto che sarebbe stato facile?

Non è neanche la domanda giusta.
La domanda giusta non è se è facile o no, la domanda giusta è se è possibile.

Questa è la domanda delle persone che possono.

E’ cambiato tutto, le condizioni socio economiche sono cambiate, le persone sono cambiate, il mondo del lavoro è cambiato.

La scelta è quindi: o decidere di resistere al cambiamento (e perdere) o partecipare alla più grande rivoluzione del nostro tempo.

Metterti in proprio: inizia da qui (e non commettere questo gravissimo errore)

Mettersi in proprio? Molti non prendono ancora in considerazione questa ipotesi, non fa per me,prima o poi troverò un lavoro ecc. ecc. ecc.

E’ cambiato tutto.

Altre persone invece iniziano almeno a prendere in considerazione questa eventualità, ma molto spesso commettono questo gravissimo errorepassano la quasi totalità del loro tempo nella creazione del loro prodotto/servizio.

Non c’è niente di più sbagliato.

L’idea serve (quella giusta) ma dopo la fase dell’idea non c’è quella della realizzazione, c’è quella della vendita.

Ebbene si, sembra strano ma è cosìche te ne fai di un bel prodotto/servizio se poi non se lo compra nessuno?

Metterti in proprio: ti serve solo questo per iniziare.

1. Una buona idea
2. Testare la sua validità sul mercato.

Non ti serve nient’altro. Allora a questo punto potrebbe venirti questa domanda: come faccio a vendere qualcosa che non ho?

Facciamo un esempio: vai dal fornaio, ti dice “ho del pane nuovissimo, fatto con xxx, e xxxx. Lo vuole?“. “Si grazie, lo provo..“.

Bene, 1 a 0 per te. Poi puoi dirgli che ancora in realtà non ce l’hai ma che vorresti farlo e ti piaceva conoscere il suo parere, ma questo puoi dirglielo solo dopo (nei prossimi giorni ti spiegheremo il perchè).

Quanti SI ricevi in confronto ai no?

2, 5, 10 persone: quel tipo di pane lo compreranno, ora si che posso farlo.

Non hai bisogno di un prodotto o di un servizio già realizzati per provare a venderli.

REGOLA FONDAMENTALE:
Idea – prova a vedere se comprano quell’idea (che si tratti di un prodotto o di un servizio non fa differenza)
e poi, solo poi, quando sei sicuro che lo compreranno allora investi il tuo tempo e risorse
nella loro realizzazione concreta.

Per il tuo successo.

C’è un modo diverso di vedere le cose.

Sali al tuo livello superiore.
Più che puoi, sempre.

2 Commenti

Lascia un commento
  • Giovanni Garavello

    Grande e ottimo articolo

    Rispondi
  • davide

    …più il credere POSSIBILE
    di alcuni pensieri oggi apparenti come impossibili;
    più sorgeranno dei “Cristian Stangalini” dimostranti che
    è POSSIBILE credere… ;-)

    Bella giornata a tutti :-)

    Davide
    ———————————-

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento