Tu sai di avere uno scopo nella tua vita che possa ispirarti, anche se oggi probabilmente non sai qual’è o pensi di non  possederlo.
Cercare lo scopo della tua vita significa ispirarti per sempre. Avere un perchè ti aiuta a superare tutti gli ostacoli connessi al come. Trovare il tuo scopo significa attrarre risorse, felicità, persone che siano funzionali al suo raggiungimento.

 

Se non troverai il tuo scopo la tua vita sarà guidata dagli altri o dagli eventi esterni.

Chi ha un perchè abbastanza forte, può sopportare qualsiasi come
Friedrich Nietzsche


Non avere uno scopo significa stare in mezzo al mare in piena tempesta senza una rotta, senza la bussola.

bussola

 

Significa sentirsi svuotati, demotivati, angosciati, ansiosi, frustrati. Avere uno scopo da senso alla nostra esistenza, ci fa sentire in pace con noi stessi, in sintonia con gli altri, da un senso di pace interiore.

ESERCIZIO

Cercati un angolo di pace, entra in sintonia con te stesso, cerca nel tuo profondo cosa veramente vuoi dalla tua vita.
Scrivi tutto ciò che desideri realizzare immaginando di poterlo fare. Scrivi senza sosta fino alle lacrime e verrà fuori il tuo vero scopo.
Chiedi con senso di gratitudine alla tua guida interiore cosa vuole che tu realizzi nella tua vita, che impronta vuole che tu lasci su questa terra, e quando e come..Se conosci metti in movimento delle energie insperate, se non conosci rinunci alla tua ricchezza interiore, al tuo enorme potenziale.
Una volta trovato il tuo primo livello di scopo scrivi le azioni pratiche per attuarlo, spezzattandolo, rendendolo possibile e dandoti delle priorità. Scopri quali sono le azioni più importanti per metterlo in pratica.

Nella seconda fase di ricerca non accontentarti cerca ancora uno scopo più elevato, uno scopo supremo.

Diversi anni fa sono partito con l’idea vaga di voler fare dei corsi ai venditori. Mi piaceva l’obiettivo di poter trasmettere alcune conoscenze maturate sul campo in diversi anni di vendita e gestione.
Definita parzialmente la mia missione di vita, la mia idea iniziale si è tramutata nel voler svolgere la professione, il mestiere di trainer in altre tematiche collegate al miglioramento personale.
Forse inizialmente nella mia testa c’era la volontà di collegare questa professione alla soddisfazione del mio ego, ad un’ansia da protagonista, ad un riscatto. Ma questo mestiere difficile non funziona esattamente in questo modo.

Mi sono reso conto, scavando dentro me stesso,  che c’era un ulteriore scopo. Il mio desiderio ardente di dedicarmi alla formazione era realmente strumentale alla realizzazione di uno scopo ulteriore:
quello di aiutare gli altri nel migliorare la propria qualità di vita, nell’esprimere le proprie risorse interiore, nello scoprire lo scopo della propria vita…Oggi quando sono in aula so che voglio solo il bene degli altri, mi concentro unicamente su di loro e sul fatto che abbiano dei benefici concreti. Non sono un cattedratico, sono un loro pari che cerca un strada, una soluzione per aiutarli a vivere una vita di benessere e di felicità.

Ho quindi focalizzato l’attenzione su quattro principali priorità:
-essere trainer
-essere life coach
-progettare corsi innovativi
-studiare le tematiche del miglioramento personale
Sono quindi asceso di un livello ulteriore.

Poi mi sono chiesto: “se io avessi successo, anche economico,  in questa attività come potrei utilizzare e fa fruttare questo successo?”
La domanda era sfidante ed allora ho pensato che avrei utilizzato tutto questo per creare una grande accademia di formazione che dia la possibilità a tutti (senza la distinzione di ceto economico) di poter migliorare la propria vita.

E poi utilizzare le risorse economiche per costruire una grande casa-famiglia per i bambini. Sono salito ancora un gradino.
Sto cercando ancora un altro livello superiore che so che esiste ma non riesco ancora a determinarlo, cerco ispirazione dalla guida interiore.

Quindi poniti continuamente domande su cosa ti serva realizzare quel determinato obiettivo.
Più lo scopo sarà elevato, più sarà dedicato a dare un valore aggiunto all’esistenza degli altri e più verrai ricompensato.

Nel momento in cui hai determinato ciò che vuoi hai preso la decisione più importante della tua vita
DOUGLAS LURTAN

Con il cuore
Luigi Miano

18 Commenti

Lascia un commento
  • perla

    Che bell’articolo! Mi suona in questo momento come un’iniezione di fiducia, in un momento in cui mi sento estremamente bloccata in ogni settore della mia vita e, pur cercando di mettere in atto ciò che ho imparato in tanti anni dedicati allo sviluppo personale, sia pure da autodidatta, non riesco a smuovermi neppure di un millimetro! !! Mi sento una fallita totale e non so davvero più cos’altro fare per rimettere in piedi la mia vita!. Grazie per l’articolo

    Rispondi
  • Luigi

    Grazie Ester,
    ha colto l’essenza.
    tanti auguri.
    Luigi

    Rispondi
  • ester

    Essere consapevoli del proprio livello per poter passare poi ad un altro superiore è veramente importante.
    Complimenti per il Suo bellissimo percorso di Vita!

    Rispondi
  • Luigi

    @ Bartola per me è un piacere credimi.
    Luigi

    Rispondi
  • bartola

    Ciao Caro Luigi ti ringrazio per i consigli che mi hai dato…. Ti aggiorno
    Bartola

    Rispondi
  • Luigi

    @Francesca
    tu sai quello che vuoi dal profondo del tuo cuore?
    Hai uno scopo? Oppure sai solo di non voler continuare a fare quello che stai facendo?
    Perchè concentrarsi unicamente su quello che non vogliamo ci fa rimanere impantanati nella stessa situazione.
    Comincia con lo stilare una lista di quello che ami fare e tirala giù senza pensare. Arriverai al nocciolo, toccherai e vedrai quello che vuoi veramente. Analizza le risorse che hai a disposizione oggi per raggiungere lo scopo della tua vita.
    Suddividi il tuo scopo in tanti pccoli obiettivi con delle scadenze. Scrivi, scrivi sempre ti aiuterà moltissimo a fare chiarezza ed imprimere gli obiettivi nel tuo subconscio.
    Il percorso ti darà dei doni incredibili, avverrà dentro di te una trasformazione incredibile.
    Tienimi aggiornato.
    Luigi

    Rispondi
  • francesca

    Oh oh :)Ho 43 anni…faccio la maestra ma mi sento soffocare… non è quello che voglio continuare a fare. Sento l’esigenza di cambiare in grande…ma la mia guida interiore non mi dice nulla. Non capisco cosa potrei/vorrei fare, anche perchè per fare ciò che veramente vorrei richiede grandissimi investimenti…e io non ce li ho.

    Rispondi
  • angela

    invio il mio nuovo indirizzo di posta elettronica.
    il vecchio era aventura@lex.uniba.it.

    I vostri argomenti o temi mi interessano tantissimo – grazie di cuore
    aspetto con ansia vostri invii Angela Giulia

    Rispondi
  • Luigi

    @Bartola fai bene a fare il corso di teatro se ti piace e ti aiuta a stare bene.
    Credo che la cosa più importante è che tu cambi focus. Utilizza le tue sofferenze per trarre insegnamenti e focalizza le tue energie e le tue attenzioni su quello che puoi fare a partire da oggi. Comincia a pianificare per scritto il tuo futuro, i tuoi obiettivi. Già il fatto di spostare il focus verso qualcosa di buono, costruttivo per te ti farà stare bene.
    Contattami quando vuoi.
    Un grande abbraccio

    Rispondi
  • bartola

    ti ringrazio per avermi risposto…. in realtà volevo fare l’università, si ma forse in passato..
    Adesso so che ciò che faccio non mi basta, non mi fa stare bene! Allora per evitare di pensare ed intristirmi ho intrapreso un corso di teatro…
    Apro una parentesi, soffro di DOC, e durante l’adolescenza ero presa di mira dai miei compagni di liceo. Ho fatto una terapia cognitivo- comportamentale oltre a quella farmacologica. Ho sofferto in età adolescenziale di attacchi di panico e sono una persona sensibile, ed ansiosa. Sicuramente sono insoddisfatta, ho difficoltà nel relazionarmi, mio padre è venuto a mancare quasi otto anni fa….

    Rispondi
  • Luigi

    Ciao Bartola grazie per avermi scritto.
    Prima cosa voglio scriverti con il cuore quello in cui credo fermamente avendolo vissuto sulla mia pelle: NON E’ MAI TROPPO TARDI! non è mai troppo tardi per riprendere in mano la nostra vita, la tua vita e vivere i tuoi sogni, per realizzare quello che hai sempre voluto. Tutto è possibile purchè ci sia scopo ed azione!
    E poi voglio chiederti:
    Se tu sapessi di non poter fallire, fai conto di avere una bacchetta magica, se tu avessi a disposizione tutte le risorse che ti servono, cosa vorresti realizzare con tutto il cuore nella tua vita? Cosa vedi, cosa senti quale emozione provi?
    Metti da parte quello che ti dicono gli altri, non ti far condizionare dall’esterno, ascolta solo il tuo cuore e trova la risposta a questo interrogativo. Questo è il tuo scopo seguilo con tutte le tue forze e nella tua vita accadranno delle cose miracolose!
    Con il cuore
    Luigi

    Rispondi
  • bartola

    Ciao, sono Bartola, io in prima persona sono insoddisfatta del mio lavoro, che non è quello che avrei voluto… Ormai nonostante i miei 29 anni, mi sento intrappolata nel vortice del destino, che non mi consente di realizzare qualche sogno…. Avrei voluto studiare, fare l’università, ma non ci sono riuscita, e tuttora mi viene sconsigliato da gente che lavora nel settore. Sono single perchè non ho trovato una persona che mi meriti…. Dammi un tuo saggio parere buona notte

    Rispondi
  • Luigi Miano

    @Ilaria grazie innanzitutto.
    hai perfettamente ragione siamo sommersi dai Desideri altrui da non comprendere più quali siano i nostri. I sogni, lo scopo di vita tutto quello che occorre per essere felici sembra essere scomparso nel nulla ed allora rincorriamo la vita.
    Ilaria ci vuole molta pazienza nel ricorstuire la nostra identità.
    Puoi cominciare da una semplice lista di tutto ciò che ami fare nella tua vita. Comincia dalle cose semplici e butta giù di getto. E poi cerca in quella lista un filo conduttore.
    E poi poniti domande come questa:
    “se io avessi carta bianca nel poter costruire la mia vita ideale csa farei?”.
    Fammi sapere come sta andando.
    Con il cuore
    Luigi

    Rispondi
  • ilaria

    articolo meraviglioso! a volte siamo così confusi e smarriti che non riusciamo più a trovare il nostro vero io. non sappiamo più dove stiamo andando, quello che vogliamo davvero e come ottenerlo. le persone accumulano esperienze, cose, idee altrui più di quanto possano sostenere e così dimenticano i loro sogni. come si fa a riemergere quando ci si è allontanati così tanto dall’idea che avevamo di noi stessi?

    Rispondi
  • Luigi Miano

    Roberta credo che non sia andata tanto lontana e che in fondo al cuore ci sia anche questo.
    La ringrazio molto del suo messaggio.
    Luigi

    Rispondi
  • Luigi Miano

    Grazie Nicola,
    hai sintetizzato benissimo il senso del mio messaggio.
    Un abbraccio con il cuore
    Luigi

    Rispondi
  • Roberta

    La Missione ancora piu’altra potrebbe essere portare la formazione ai bam-
    bini piu’ svantaggiati del mondo, dove la speranza e’ un lusso, e la cono-
    scenza puo’ fare la differenza tra la vita e la morte, anche se, credo, in
    certi paesi saremmo proprio perseguitati, perche’ sembra che certe cose
    debbano rimanere “certe cose” cosi’.
    Complimenti per il Suo bellissimo percorso di Vita! Condivido tutto!

    Rispondi
  • nicola

    ciao luigi,davvero bello quest’articolo;
    secondo me una persona che non ha una missione nella vita,è una persona che non sa dove andare,non sa cosa fare.
    Chiunque di noi,per avere un equilibrio interiore stabile,deve avere degli obiettivi ben chiari,solo cosi si può davvero vedere il senso della vita.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento