Crescita, formazione, miglioramento.

Parole che sono entrate nel vocabolario della mia vita quando, terminato il servizio di leva, iniziai a lavorare nel “servizio qualità” dell’azienda in cui tutt’oggi lavoro come geometra.

Era la primavera del 1998 quando un ventunenne dalle belle speranze, alle porte di una lunga e brillante carriera, iniziò ad affiancare alle mansioni in ufficio ore e ore di studi sulla qualità. Qualità del lavoro, procedure per la gestione aziendale, miglioramento continuo dei processi e dei prodotti, verifiche ispettive e chi più ne ha più ne metta.

Anni di sacrifici, molti rospi ingoiati e tanta, tanta formazione… che a distanza di anni ho scoperto utile non solo per migliorare un lavoro che tra l’altro poi ho smesso di svolgere (fui promosso all’ufficio tecnico in cui regna la quantità più che la qualità :-), quanto per migliorare me stesso.

Quel processo di crescita, che ricercavo a livello professionale e finanziario, che accompagnava un baldo giovane verso un roseo futuro… ha invece spalancato le porte ad una smisurata sete di sapere, di migliorare, a livello molto più profondo!

La crescita per me è qualcosa di più ampio respiro, un bisogno innato che avevo sin da ragazzino quando piagnucolavo “mamma mamma… voglio crescere!“.

Pensavo non solo ad aumentare la mia altezza quanto al diventare GRANDE, guadagnare soldi per comprare ciò che volevo, magari diventare famoso… Sogni che per molti diventano realtà, ma che spesso nella realtà dei fatti non combaciano con la soddisfazione a livello personale.

Crescendo ho tras-formato quei sogni in consapevolezza, maturità, voglia di condividere un bellissimo percorso all’insegna della ricchezza interiore

Ed è qui che oggi voglio portarti, spinto dalla voglia di condividere questo 6° passo ispirato al corso multimediale “il Siero della Felicità” , un passo in cui voglio farti riflettere sul significato più puro che io (e forse anche tu) attribuisco alla parola crescita.

Cosa significa la parola “crescita”? A livello professionale, finanziario o preferiamo andare più in profondità…  scoprendo la crescita a livello personale? Lo sviluppo personale, tanto di moda negli tempi, è un qualcosa che va conquistato, che costa sacrificio di tempo e denaro ma soprattutto richiede energie, celate in profondità nell’animo e nella psiche di ciascun essere umano.

Personalmente mi è spesso capitato in questi quasi 34 anni di avere tratti di tempo, periodi più o meno lunghi che si susseguono tra loro, in cui sono riuscito a percepire la crescita. Anche se altrettanto spesso mi sembra di essere fermo!

So bene che non esistono strade uguali per tutti, ognuno ha la propria via da percorrere ma ciò che ci rende simili e soprattutto persone speciali sono i momenti di illuminazione, in cui possiamo trovare consapevolezza. Quando troviamo la consapevolezza, quando capiamo qual è  il cammino giusto per noi, il nostro percorso per elevarci, possiamo correre a gambe levate sulla strada della felicità!

Credi esista un modo per essere sempre felici, ogni giorno? Io credo ne esistano molti e uno dei principali mi permetto di dirti che sia il voler crescere.

Credo proprio che la consapevolezza del percorso di crescita entri dentro di noi quando siamo pronti ad accoglierla.

A volte riceviamo una miriade di informazioni che ci sembrano inutili, usciamo di casa frustrati perché non ci sentiamo più ricchi interiormente, abbiamo quella sensazione di caos o peggio ancora di vuoto.

Io ho avuto spesso queste sensazioni ma ogni volta, quando meno me lo aspetto, quando non ci sto pensando e  magari dopo averci dormito sopra, una scarica elettrica mi attraversa il corpo, partendo dal mio cervello e collegando improvvisamente due reti di sinapsi che non si erano messe mai in contatto tra loto.

Eccolo là! Ecco il concetto, ecco il passo avanti, ecco che mi si spalancano le porte della consapevolezza!

Tempo fa ho capito che il mio processo di crescita a livello profondo – traendo forza dalle radici della consapevolezza – era finalmente iniziato.

Un bel giorno ho scoperto di essere in armonia con la natura e le persone. Tutto qui.

Forse è stata l’arte marziale Aikido, che tradotta significa “via dell’armonia attraverso l’energia vitale” (la forza interiore perno delle arti orientali), forse è stata l’armonia del matrimonio con Francesca, forse l’aria pulita che respiro in famiglia, al lavoro e in tutte le attività, compresa quella di scrittore, che amo coltivare con entusiasmo.

Forse tutte queste cose insieme. Non so esattamente.

So solo che a un certo punto della mia vita ho iniziato a capire meglio le persone, ho iniziato a vivere con serenità e condividere con estrema facilità il mio pensiero e i miei interessi con la gente. Probabilmente perché tutti i miei bisogni “primari” (sicurezza, varietà, importanza e amore) erano soddisfatti, così iniziai a dedicarmi con successo al voler crescere… ed eccomi qui.

La mia “evoluzione interiore”, negli ultimi anni, è aumentata in maniera esponenziale e in modo quasi naturale.

Ho capito che é proprio nei momenti in cui mi sembra di “essere fermo” che sto “costruendo” qualcosa, come il silenzio dà un senso all’unicità delle parole, come le pause danno melodia al suono delle note musicali, così la sensazione di vuoto mi illumina e mi conforta nei momenti di confusione.

Sono stati parecchi i momenti di caos nella mia vita, dagli anni delle scuole medie a quelli della tarda adolescenza, da quelli prima di sposarmi a quelli prima diventare padre, momenti che ricordo con gioia perché mi hanno permesso di meditare, di restare in attesa e osservare, valutare, comunicare alla mia anima.

Ho sempre cercato di trasformare ogni cosa teoricamente negativa in praticamente positiva perché tutto ha avuto un senso e tutto mi è sinora servito per arricchirmi, per insegnarmi a vivere felicemente; nulla accade per caso e con questa filosofia riesco anche nei momenti più difficili a donarmi momenti di gioia, semplicemente meditando, osservando la situazione come fossi uno spettatore.

Non uso una tecnica particolare di meditazione, non uso l’autoipnosi o altre conoscenze di PNL, non ho sposato una filosofia o una religione orientale (anche se lo Zen rimane il più gettonato), per essere felice mi basta essere semplicemente ME STESSO, cercando di migliorarmi con costanza ma con assoluta calma.

Questa è la mia grande forza interiore. Una sorta di energia vitale che tutti abbiamo, compreso tu.

Il mio metodo è sfruttare tutta la mia energia nel momento presente, applicandomi senza alcuna fretta o grandi aspettative a breve termine, seguendo il grande disegno di vita legato al bisogno di importanza (vedi 4° passo).

Anche tu hai bisogno di un metodo, un tuo metodo, non posso dirti io qual è… ma posso consigliarti, dal profondo del cuore, di applicare ogni cosa che apprendi secondo la tua esperienza di vita, a cominciare dagli articoli che leggi su questo portale.

Non limitarti alla semplice lettura e magari commentando con un grazie; per iniziare veramente a crescere devi sperimentare nella tua vita gli insegnamenti, senza abbandonarti mai eccessivamente a qualcosa, a qualcuno, casomai lasciati andare a te stesso.

Buona crescita!

4 Commenti

Lascia un commento
  • Josaya

    Agisci come se fossi Amore …è la crescita più produttiva ed efficace… provare per credere o meglio sapere per provare

    Rispondi
    • stefano bresciani

      Parole sante Josaya!
      Grazie del commento e del sito web che hai creato, molto piacevole :-)

      serene festività
      Stefano

  • Dino

    Grazie Stefano,

    è un articolo ricco,auguro a Te e a tutto il team di PiùChePuoi un felice Natale e un 2011 pieno di successi e tanta crescita

    Dino

    Rispondi
    • stefano bresciani

      Grazie a te Dino e… ricambio di cuore gli auguri di Natale e per un grandioso 2011

Lascia il tuo commento

Lascia un commento