Nei processi di memorizzazione di tutte le informazioni che andranno a costituire la memoria esplicita il ruolo principale è svolto dall’ippocampo.

L’ippocampo è una struttura relativamente grande accolta nella compagine della circonvoluzione interna di ogni lobo temporale.

L’ippocampo può essere diviso in 3 aree distinte:
•    il giro dentato,
•    il subiculum, localizzato alla base dell’ ippocampo e che continua con la
•    corteccia entorinale, che è parte della corteccia paraippocampica.

hippocampus1

697px-hippocampus_brain2

hcdrawn21Nell’uomo le nozioni conservate come memorie esplicite vengono inizialmente elaborate  in una o più delle cortecce associative polimodali (cortecce prefrontale, limbica e parieto-temporo-occipitale). Da qui le informazioni vengono trasferite alle corteccia paraippocampica e quindi all’ippocampo. Più precisamente l’informazione giunge alla corteccia entorinale, al giro dentato, al subiculum ed  infine di nuovo alla corteccia entorinale.

Dalla corteccia entorinale le  informazioni sono reinviate alla  corteccia paraippocampica e ed infine ancora alle cortecce associative della neocortex. Dunque, la corteccia entorinale rappresenta la principale porta d’ingresso verso l’ippocampo ed anche il più importante canale di output dell’ippocampo stesso.f1large2
E’ per tali motivi allora che le lesioni della corteccia entorinale risultano così gravi e riguardano tutte le modalità sensoriali (non a caso, proprio le prime alterazioni che si osservano nel morbo di Alzheimer, che è la forma degenerativa più importante che colpisce la memoria esplicita, si localizzano a livello della corteccia entorinale).

Esiste  una  sorta  di  lateralizzazione delle  funzioni  e  delle  risposte  a  livello  degli ippocampi. L’ippocampo destro si attiva nei processi di apprendimento ambientale. Infatti le memorie legate allo spazio comportano una maggiore attività dell’ippocampo di destra.

L’ippocampo sinistro è connesso con la memoria verbale. Il ricordo di parole, oggetti,  persone e  degli elementi  che appartengono  a  queste  categorie,  richiede un’attività più intensa dell’ippocampo dell’emisfero sinistro.

LESIONI DELL’IPPOCAMPO DESTRO

images

DISTURBI DELL’ORIENTAMENTO SPAZIALE

LESIONI DELL’IPPOCAMPO SINISTRO

images

DISTURBI DELLA MEMORIA VERBALE

Ci  sono  evidenze  sperimentali  circa  il  ruolo  dell’ippocampo come  sede  transitoria delle   tracce   di   memoria   a   lungo   termine.  Sono   invece   le   aree   associative a rappresentare il deposito ultimo delle tracce di memoria esplicita.

Il processo che permette di fissare un’informazione a lungo termine si chiama CONSOLIDAMENTO.

Il processo che permette di richiamare alla mente gli eventi e le informazioni memorizzate si chiama RECUPERO.

Il recupero avviene attraverso due modalità:

LA RIEVOCAZIONE e IL RICONOSCIMENTO

Si ha la rievocazione quando l’esperienza è riportata alla mente con il pensiero o con le parole (per esempio se mi ricordo la gita fatta con i compagni di scuola e mi ritornano in mente i luoghi visitati e i momenti piacevoli trascorsi). Anche il ricordo della melodia di una canzone quando sento solo il titolo, è una rievocazione.

Si ha il riconoscimento quando siamo capaci di individuare qualcosa o qualcuno come conosciuto, come facente parte della nostra esperienza passata (per esempio, se incontriamo una persona, ci ricordiamo di averla già vista riconoscendone il volto).

La parte della corteccia che ci permette di recuperare dai vari depositi che abbiamo visto prima, cioè nelle varie zone della corteccia associativa polimodale, tutte quelle informazioni che messe insieme ci consentono di ricostruire una scena, un episodio, è la corteccia prefrontale.

Quando occorre richiamare un ricordo la corteccia prefrontale attinge dalla varie aree dove sono depositate le informazioni. Dalla corteccia parietale posteriore andrà ad attivare il circuito dell’articolazione verbale, perché è lì, soprattutto a sinistra, che vengono depositate le tracce mnemoniche di parole, numeri e tutto ciò che ci permette di esplicitare i concetti in linguaggio.

Un’ altra zona da cui la corteccia prefrontale attinge le informazioni è quella della cosiddetta corteccia extrastriata, sempre una corteccia associativa posteriore, che però conserva tracce mnemoniche delle caratteristiche visive e della localizzazione degli oggetti.

In pratica, se voglio ricordare un episodio, parte il segnale dalla corteccia prefrontale che attinge le informazioni visive che sono state elaborate negli anni passati dall’ippocampo ed ora sono immagazzinate nella corteccia extrastriata, che fa parte del gruppo della corteccia associativa multimodale posteriore, e nel contempo raccoglie altre informazioni dalla corteccia parietale posteriore, che conserva le elaborazioni a suo tempo raccolte dall’ippocampo e depositate in questo circuito dell’articolazione verbale. La corteccia prefrontale mette insieme queste informazioni dandoci la percezione del ricordo.

La MEMORIA non e un’ISCRIZIONE su una ROCCIA (Edelman)

L’OBLIO è la dimenticanza delle esperienze passate.
Può essere TOTALE, se non resta alcuna traccia di tali esperienze, o PARZIALE se ricordiamo solo una parte di esse.

Il fenomeno dell’oblio si spiega attraverso il processo del DECADIMENTO cioè nell’indebolimento o nella scomparsa delle tracce lasciate nella MLT dalle esperienze passate.
Esso avviene perché tali esperienze non vengono ripetute e non vengono mai richiamate alla mente.
Per esempio, quando studiate qualcosa (anche se bene) se non avete avuto occasione di riportare alla mente tale cosa, né rileggendola né ripensandoci, sarà facile che questa conoscenza vada incontro a un processo di decadimento.

2 Commenti

Lascia un commento
  • giovanni garavello

    ottimo articolo grazie dott sardo

    Rispondi
  • teresa siciliano

    salve dott, sono teresa, vi scrivo x parlavi di mio fratello ha quasi 21 anni.
    sta avendo delle situazioni un pò strane da qui ad un mese, praticamente: mentre cammina o altro entra in uno stato di trance, che gli causa perdita dei sensi, poi successivamente una reazione: bocca secca, faccia bianca e pelle d’oca.
    (qst stato accaduto diverse volte 2 delle quali glia ha procurato 2 incidenti d’auto)
    abbiamo fatto la risonanza, tutto è regolare tranne: l’ippocampo di six appare modicamente ispessito, in maniera + evidente nella giunzione uncus_ amigdaloidea e presenta segnale iperintenso in T2 e FLAIR. indispensabile completamento diagnostico con esame RM e con MDC Ev e correlazione con esame elettroncefalografico. (aspettiamo di farla, già prenotata).
    deve sapere ke qst cosa le accade in concomitanza da quando non ha superato un concorso, e quindi ha la consapevolezza ke a dicembre resterà senza lavoro, è un militare ed in qst’ultimo periodo ha avuto diverse punizioni ed in + da 2 settimane si è lasciato con la sua fidanzata, l’ha voluto lui xkè lei lo opprimeva in tutto: senza dargli spazi ecct.
    le aggiungo inoltre che la situazione è peggiorata da quando si è lasciato con la fidanzata, i 2 incidenti sono accaduti proprio in qst’intervallo di tempo, la saluto cordialmente ed attendo una sua risposta. grazie

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento