Vi siete mai chiesti perché ci sono delle cose che ci piacciono e che non ci stanchiamo mai di cercare ed altre di cui ci stanchiamo subito?
La risposta è:

TUTTO CIO’ CHE APPAGA LA PARTE PIU’ PROFONDA DEL NOSTRO ESSERE CIOE’ I BISOGNI E I DESIDERI PIU’ PROFONDI
RIESCE A FARCI VERAMENTE FELICI

meditazioneL’anima, la mente profonda è la parte più nascosta del nostro essere, non è facile raggiungerla, ma quando una persona, una situazione di vita, un’esperienza particolare riesce a stimolarla ed a risvegliarla allora realizziamo una felicità che non conoscevamo, siamo appagati da essa, ci sentiamo realizzati, ad esempio siamo veramente felici quando:
– Aspettiamo un Figlio
– Pensiamo alla Persona Amata
– Quando Ascoltiamo una Musica che ci piace
– Quando Siamo Abbagliati dal Fascino di una Donna
– Quando Osserviamo il Sorriso di un Bambino
– Quando Facciamo un Viaggio
– Quando Raggiungiamo un Obiettivo
– Quando Scopriamo una Cosa Nuova che ci Affascina
– Quando Vinciamo una Partita
– Quando creiamo qualcosa
tutto questo ed altro ancora può toccare, stimolare le parti più nascoste del nostro essere e soddisfare la nostra parte più profonda, più segreta, cioè la Nostra Anima, regalandoci per un po’ di tempo la felicità.obiettivi

Partendo da questa constatazione possiamo dire che tutto quello che facciamo nella vita viene guidato da un aspetto profondo del nostro essere, da un bisogno interiore che è la radice di ogni cosa che ci interessa, la causa prima, la parte più profonda che ci guida consciamente o inconsciamente verso ogni azione della nostra vita.
   Ogni cosa che facciamo, ogni nostro comportamento, ogni iniziativa importante che prendiamo, ogni scelta nella vita, le parole che diciamo, sono tutte guidate da qualcosa che non si vede, che è dentro di noi e che attraverso le nostre azioni, parole, scelte, trova un canale di sfogo, un modo di esprimersi, una finestra da dove può manifestare liberamente ciò che sente, ciò che vuole, quello che desidera più intensamente in quel periodo ed in quel luogo dove ci troviamo.
      Ma che cosa ci guida nel nostro modo di agire?
Qual è la causa a volte nascosta persino a noi stessi, cos’è che ci dirige a fare o a dire una determinata cosa a volte involontariamente, a volte facendoci pensare che stiamo compiendo quella azione o dicendo quelle parole per altri motivi, futili, superficiali, qual è quella parte di noi che genera le nostre parole, azioni, reazioni, comportamenti ed espressioni?
Questa causa è un bisogno non soddisfatto, o un desiderio non realizzato.
   Ma per capire bene quello di cui stò parlando farò degli esempi pratici:
– Una persona giovane sente la voglia di comprarsi una casa per vivere da sola, in realtà dopo un’accurata analisi si accorge che il motivo vero, più profondo che lo portava a fare questa scelta era che voleva uscire dalla casa dei genitori dove si trovava male per avere una vita propria indipendente.
– Una donna che non ha mai avuto una storia importante e che non dava importanza al matrimonio, sente il desiderio di sposarsi con una persona di una certa età conosciuta da poco e da cui non è attratta, analizzando il suo caso veniva fuori che la donna voleva avere una vita diversa, lontana dai genitori con cui viveva per essere e sentirsi più libera.
– Un bambino tende ad ammalarsi a dicembre nel periodo natalizio, anche se durante l’anno non soffre di nessuna allergia ed è sempre forte e sano come un pesce, facendo un’analisi accurata si scopre che il bambino è affezionato tantissimo ad una sua zia che non vede quasi mai perché abita lontano da lei, l’ammalarsi nel periodo natalizio è un modo per incontrare la zia preferita perché ammalandosi spera inconsciamente che la zia l’andrà a trovare e potrà così rivederla realizzando il suo grande desiderio
– Un operaio tende a contestare spesso le decisioni del proprio principale che è una persona gentile e non “dittatoriale” nel suo ruolo, analizzando la situazione si scopre che l’operaio aveva un padre con cui non andava d’accordo e che lo obbligava spesso a fare delle cose che lui non voleva fare, così il comportamento verso il datore di lavoro in realtà era un modo per contestare l’operato di suo padre, cioè uno spostamento del suo desiderio di ribellarsi al padre, spostandolo sul datore di lavoro. continua………

dott. Rolando Tavolieri

8 Commenti

Lascia un commento
  • Rolando

    Gentile Poca11,

    scusami, ma vedo solo adesso la tua richiesta, mi spiace.
    Ricordati che non esiste la frase “oramai è troppo tardi”, non esiste la frase “non ce la posso fare”, perchè tutte le persone che hanno provato, tentato, e tentato ancora ed hanno creduto di Riuscire a prescindere dal tempo che avrebbero dovuto aspettare, CE L’HANNO FATTA, negli Stati Uniti ci sono persone di 60 anni che avendo perso un lavoro si rimboccano le maniche e vanno in cerca di un’attività nuova, contro ogni falsa credenza che non possano riuscirci perchè hanno una certa età.
    Ci sono persone che si sono laureate a tarda età, che hanno avuto un premio nobel tardissimo, che sono diventate famose o ricche o si sono Realizzate, ( che è la cosa più importante a prescindere dai soldi ), a tarda età.
    Perchè tu quindi pensi che sia tardi? Quanti anni hai? 34 anni? Non posso crederci, a 34 anni puoi avere una famiglia, puoi avere dei Figli, successo, cambiare 10 lavori, viaggiare nel mondo, conoscere centinaia di persone, scrivere libri, darti da fare per ottenere qualsiasi Obiettivo che ti sei preposta di Realizzare, l’Importante Poca11 è che ci Credi Veramente.
    Cambia le tue Credenze limitanti che ti bloccano e ti impediscono di Realizzare ciò che vuoi.
    Per me non esiste la frase “non posso”, non esiste la frase “è troppo tardi”.
    E’ assurdo, se ci pensi bene, pensare al passato continuando a dire a te stessa: “ci dovevo pensare prima”.
    Io invece dico: “Non ci ho pensato prima, lo faccio adesso, Subito, Inizio proprio adesso”, io dico “non voglio perdere più tempo”questo deve Essere il tuo primo pensiero.
    Immagina te stessa quando avrai 70 anni, ed a quella età mentre stai pensando a quando ne avevi 34 (cioè adesso), come starai al pensiero di non aver Creduto e Continuato ad Agire per Realizzare il tuo Sogno che a quanto dici ti sta stressando a tal punto da sentirti male, frustrata, e che ti fa pensare di rovinare il tuo rapporto?
    E’ questo che vuoi? Vuoi accumulare rimpianti?
    Sei giovanissima.
    Comincia a Cambiare “Modo di Pensare”, comincia a Cambiare “Credenze”, impara a Credere in te stessa.
    Se Veramente vuoi e desideri con passione Realizzare il tuo Sogno, nulla potrà fermarti.
    Ricordati che un Sogno è un Obiettivo con una scadenza.
    Decidi tu entro quanto tempo Vuoi Raggiungere il tuo Obiettivo.
    Un caro saluto
    dott. Rolando Tavolieri

    Rispondi
  • poca11

    …nessuna risposta, sn un caso patologico?

    Rispondi
  • poca11

    BUONGIORNO DOTT,
    SONO UNA DONNA DI 34 ANNI, IMPIEGATA CON LAVORO FISSO.MA ASSOLUTAMENTE NON REALIZZATA!!HO STORIA D’AMORE BELLA E IMPORTANTE E AL CONTRARIO DI ME LUI HA RAGGIUNTO TUTTI GLI OBIETTIVI DELLA SUA VITA PROFESSIONALE E RELAZIONALE..CHE BELLEZZA!SONO FELICE PER LUI MA NON MI BASTA, SONO FRUSTRATA E NON RIESCO A DARMI PACE.VORREI AVERE COMPETENZE E BAGAGLIO UNIVERSITARIO MA ORMAI E’ TARDI,NON POSSO PERMETTERMI DI MOLLARE IL LAVORO, AVREI DOVUTO PENSARCI QUANDO ERA ORA!!NON SO QUANTO RESISTERO’ IN QUESTO STATO, TEMO DI ROVINARE ANCHE QUESTO RAPPORTO A CUI TENGO MOLTO..PER UNA MANCANZA SOLO MIA
    GRAZIE SE VUOLE DARMI UN CONSIGLIO..

    Rispondi
  • marcello

    egregio dottor rolando mi kiamo marcello sn un ragazzo di 23 anni.
    3 anni fa mi innamorai per la prima volta e mi ci è voluto tanto tempo per ritrovare me stesso dopo ke nn la rividi piu la ricontattai ma ho capito ke nn si voleva ricordare di me(ero al primo anno di università e dopo le ando’ avanti e io mi blokkai nn rivedendola piu’)sn stato male per l’anno successivo poi dopo sn stato bene anke se nn credevo piu nell’amore cosi guardavo le ragazze cm oggetti per fare sesso e niente altro.questo mi fece abbandonare l’uni facendo lavoretti vari cmq ho perso 4 anni.mi è stato diagnosticata una lievissima forma di artrite di cui faccio una cura e nn ho quasi differenza rispetto a cm stavo bene solo ke è la cronicità di questa patologia ke mi da fastidio e il fatto ke devo sempre curarmi e fare analisi.cmq ho rispreso l’uni ma a 23 anni spesso mi sento il fiato sul collo vedo il tempo addosso mi vedo grande e nn ho fatto le cose ke hanno fatto molti miei coetanei ke ne so viaggi all’estero la vita spensierata di un 20 enne,dato ke nn lavoro e lavoro nn cè ne e mi mantengono i miei,mi sento un ragazzo ke sta invecchiando e ke vorrebbe tanto rimanere a 20 anni gli anni piu’ belli perkè appena fai i 20 anni il tempo vola.l’università è un grande impegno devi gestirti da te lo studio e spesso ti distrai su internet etc anke perkè ci vuole una costanza e una voglia esagerata,i genitori spesso mi mettono l’ansia dato ke pagano loro e vogliono certezze ke io nn ho per me.kosa vorrei dalla vita?quello ke manca è lei ma in particolare innamorarmi di una ragazza e poi tante cose ma soprattutto odio il tempo ke passa e ke mi toglie sempre di piu la mia giovinezza ke avrei voluto vivere meglio,anke quando mi guardo allo specchio nn vedo piu la freschezza ke avevo a 20 anni e nn mi dicono ke sn brutto anzi,riguardo la facoltà ke ho scelto mi piace e nn potevo scegliere altrimenti quello ke odio è il tempo ke porta via lo stress mentale e i soldi ke purtroppo nn hai da studente e la poca speranza di trovare lavoro dopo.lavori nn ce ne stanno e se ne trovi stanno lavori faticosi e impossibili dv lavori quando gli altri vivono e vivi quando gli altri lavorano e sn malpagati,spesso penso ke se avessi almeno un milione di euro vivrei senza pensieri o cn molti meno pensieri.il fatto è ke affrontare tutte le sofferenze della vita senza amore è ancora piu duro e crederci solo senza averlo è difficile e spesso nn trovi un motivo concreto per andare avanti,quanto mi mancano i miei 20 anni…….se si potesse tornare indietro e fermare il tempo……

    Rispondi
  • Rolando

    Ciao Asia,
    forse non riesci a prendere la decisione perchè invece di accontentare te stessa dovresti accontentare gli altri.
    Scegli sempre le cose che piacciono a te, che ti fanno felice, ti indico un modo:
    Prendi un quaderno e scrivi su un foglio 10 cose che ti appassionano Veramente e che ti darebbero la Felicità in futuro se li Realizzassi, pensa al tuo futuro nei minimi particolari immaginandoti di aver Raggiunto gli Obiettivi che ti fanno Felice: ad esempio il canto come tu dici, come ti sentirai? Dove sarai? Cosa proverai dentro di te?
    E poi scrivi le cose che dovresti fare secondo la volontà degli altri ed immagina cosa proverai, dove sarai e se sarai felice o invece insoddisfatta.
    Poi fai la tua scelta.
    Mettere per iscritto i tuoi Obiettivi, le cose che Vuoi Veramente fare ti faranno Riflettere Meglio sulle tue scelte
    Un cordiale saluto
    dott. Rolando Tavolieri

    Rispondi
  • Asia

    Salve, mi chiamo Asia. Ho tante passioni, il canto ad esempio, ma il mio sogno più grande sarebbe laurearmi in economia, forse solo perchè so che sarebbe una grande soddisfazione per i miei genitori, e indubbiamente anche mia, o forse perchè vorrei mettere a tacere certe persone che pensano che non ce la farò mai!! L’unico problema è la mancanza di volontà, ed è strano perchè sono sempre stata ostinata nel raggiungere i miei obiettivi.. spesso penso che ho scelto la strada sbagliata, ma in realtà non so nemmeno quale sia quella giusta: non ho obiettivi, non ho preferenze, non ho sogni… Non so veramente cosa vorrei fare da grande.. ed è per questo che non mi impegno… Ma come fare per capire cosa voglio fare??? Come posso capire quale sia la strada per me??? Grazie… Cordiali saluti.

    Rispondi
  • Rolando

    Buonasera Brunella,
    il fatto che stai riuscendo a superare la tua difficoltà, anche se a fatica e soffrendo, dimostra che sei forte e dentro di te hai delle Risorse Importanti . E’ importante che tu non generalizzi dicendo che tutti gli uomini cercano pin up giovanissime, certo che la gioventù e la bellezza piacciono a tutti, ma alcuni uomini cercano qualcosa di più oltre il sesso, alcune persone sono affascinate da donne mature, anche giovani uomini possono innamorarsi di donne meno giovani, il fatto che anche tu possa trovare l’amore è una certezza, alcune mie clienti che hanno la tua stessa età hanno trovato diversi amori, non c’è da meravigliarsi. Penso che il fatto di innamorarti o far innamorare una persona non debba essere una competizione con altre donne giovani o non giovani, e penso che alla tuà età non dovresti dire che la vita sia finita e quello che hai fatto è fatto, la vita è fatta di cicli e dobbiamo imparare ad accettare e trovare un Equilibrio con la nostra attuale età, con la situazione che stiamo vivendo.
    Non sappiamo cosa sarà di noi domani, ma se noi Crediamo in noi stessi e/o Crediamo di Riuscire a Raggiungere un Obiettivo, lo Realizzeremo di certo
    Un cordiale saluto per te
    dott. Rolando Tavolieri

    Rispondi
  • brunella

    Buonasera, e’ dal 23 Novembre 2008 data in cui mi sono lasciata dal mio compagno, che sto cercando di riprendere in mano la mia vita. Ho incominciato dalle trappole acquisite nell’infanzia ecc… fino ad approdare alla PNL. Mai come questa volta, ero gia’ separata, mi sono sentita cosi’ sola e abbandonata, nella’arco di pochi giorni provai tutti i tipi di sentimenti dal panico, alla depressione, alla rabbia e infine alla consapevolezza che se ne volevo uscire dovevo ricominciare da me. E’ stato duro e nello stesso tempo piacevole, ma………c’e’ un ma, ho 56 anni e se pur sempre una bella donna, mi sembra come la vita sia finita e quello che ho fatto ormai e’ fatto. Vedo negli uomini un atteggiamento che non rispecchia i miei canoni, sono tutti alla ricerca di pin-up giovani e allettanti e alle volte mi sento minata nella mia autostima, anche se so di essere una donna che vale e pure simpatica, ma trovero’ mai l’amore o a me e’ stato negato, certo come faccio a competere con la gioventu’, e parlo di uomini ultra 50 enni. E’ una Societa’ dove ti vuole sempre al massimo, perfetta in ogni sua forma, ma come si fa’, io sono io, ma………alle volte mi pesa il tempo che scorre e la pura di non provare piu’ quelle emozioni che ti fanno dire sono viva!!!!!!!!!!!! Grazie

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento