5 Principi per Plasmare il Tuo Mondo

Lo Spaventapasseri pensava di aver bisogno di un cervello..

L’Uomo di Latta pensava di non avere un cuore..

Il Leone Codardo era un fifone..

Dorothy si sentiva smarrita e voleva tornare a casa..

E tu, potresti arrivare a pensare che tutti abbiamo bisogno di qualcosa..

Apriti Sesamo!

Tutti cercavano all’esterno, ma avrebbero dovuto guardare proprio dove ora stai pensando tu:

La “Scatola del Significato”!

Ovvero, l’unico luogo dove scopri come crei la tua “realtà”.

Non dovresti meravigliarti se ti accorgi che chi si sente scarico, demotivato e/o trascinato dagli eventi, continua a portare il suo sguardo all’esterno.

La verità è che sappiamo molte più cose di quelle che crediamo di sapere. Tuttavia, a volte, per ricordarcelo abbiamo bisogno di essere stuzzicati da qualche “mago”. Perciò, assicurati di saper distinguere la “magia bianca” dalla “magia nera”…

Guardati dall’uomo dietro al Sipario

Le luci colorate, un po’ di fumo e qualche gioco di specchi, non aiutano la tua capacità di mettere a fuoco. Anzi, è la via più sicura per farti distrarre da fonti esterne.

Un semplice suggerimento: guardati dagli “effetti speciali” che ti allontanano da te.

Usa la tua consapevolezza per dare una forma al tuo Mondo e preparati a riconoscere l’influenza dei 5 Principi.

Esplora la tua “Scatola Magica”.

Resta affamato, ama quello che fai e annota le ricette dei 3 Piatti per rendere più Piccante il tuo LifeStyle .

Ecco il perchè.

Come Dorothy e i suoi amici, anche noi disponiamo già di tutto quello che ci serve.

Questo vuol dire che non hai bisogno di motivazioni che arrivano dall’esterno, ma di elevare la qualità delle tue fonti d’ispirazione e di riconoscere che hai il potere di plasmare il tuo mondo.

E questa constatazione ci riporta ad un dato di fatto.

Tutto quello di cui hai bisogno è riconoscere come i tuoi pensieri influenzano le tue scelte.

La maggior parte delle persone non ha il tempo per ripercorrere gli studi che, nella prima metà del novecento, hanno dimostrato che il nostro Universo è Plasmabile.

Grazie al contributo di molti ricercatori (Albert Einstein, Werner Heisenberg, Max Planck, Niels Bohr, Erwin Schrödinger, Max Born, John von Neumann, Wolfgang Pauli e tutti gli altri), chiunque oggi può permettersi di fischiettare mentre afferma:

“Sono l’Autore della mia ‘Realtà’”.

Questo significa che possiamo servirci di questi principi facendo a meno delle teorie scientifiche che hanno generato queste ricerche.

Probabilmente, infatti, anche tu sei più interessato alle loro implicazioni nella vita quotidiana, che agli aspetti teorici. E anche a te capiterà d’incontrare persone che anche se hanno questo stesso bisogno, restano ammaliate dagli aspetti concettuali della fisica quantistica e/o dal fascino oscuro del quantum theory.

Ma per chi vuole darsi una mossa il punto è come questi principi possono darmi un supporto nel creare la mia “realtà?”

Il tuo Universo fisico è plasmabile! Plasma il Tuo Mondo con il nuovo progrmma di Coaching Personale Bene, ogni principio ha la funzione di rassicurarti sul fatto che puoi dare una forma al tuo Mondo attraverso l’osservazione dei tuoi pensieri.

1. Puoi Plasmare il tuo Universo!

Il nostro universo fisico è plasmabile!

Alcuni si perdono dietro all’enorme mole di libri, che negli ultimi anni ha reso popolare la fisica quantistica. Altri preferiscono imparare ad osservare il modo in cui le proprie “cornici mentali” influenzano la creazione della propria “realtà”.

In effetti, la consapevolezza del fatto che il nostro mondo è plasmabile ha eccitato milioni di persone, perché mette davanti ai nostri occhi l’influenza delle “leggi universali” che incoraggiano ad osservare la forza dei propri pensieri.

Nondimeno, non serve diventare esperti dei principi della fisica quantistica, quello che conta è imparare ad essere consapevoli della propria “scatola del significato” ed aumentare la propria autonomia nel rendersi conto del modo in cui ognuno sta già creando la propria “realtà” (vedi Esci dalla scatola dei problemi ).

Ecco una premessa per comprendere cosa ti lascia plasmare il tuo Mondo:

1. Esiste un Osservatore;

2. Esiste un’attività di Osservazione;

3. Esiste un Oggetto di osservazione.

Se non riconosci la forza generativa della tua capacità auto-riflessiva, passa al secondo Principio.

Ma non sottovalutare l’influenza di questa tua capacità.

I leader che hanno influenzato la storia dell’umanità hanno saputo dare una forma al mondo al quale desideravano appartenere, raggiungendo quel luogo della coscienza dove tutto fluisce e nulla è in discussione.

Abituati anche tu a visitare quel luogo della coscienza dove scopri lo spazio fra i tuoi pensieri.

Stephen Wolinsky, nel suo “Quantum Consciousness”, scrive: “Sperimentare lo spazio che c’è tra i nostri pensieri ci conduce alla fine a una caduta di tutte le barriere che abbiamo posto intorno alle cose, alle idee, alle persone e così via. Quando le barriere cadono il nostro livello di benessere cresce”.

2. Sei un creatore di Ologrammi!

Sii audace nelle tue creazioni, includi tutti i sensi e occupati dell’insieme, non delle parti.

I tuoi pensieri formano l’universo e la materia che riesci a toccare e vedere.

Le ricerche hanno provato che, quando “osserviamo” le particelle di luce e materia, queste si comportano in modo differente.

Attraverso la tua mente co-crei il tuo universo fisico utilizzando “ologrammi” che assomigliano ad eventi e non ad oggetti.

Esperimenti specifici lo hanno dimostrato ripetutamente.

La nostra “energia” è viva, intelligente e sensibile.

La creazione della “realtà” del momento che stai vivendo è una creazione olografica.

Ecco qualche indicazione per creare i tuoi ologrammi.

#. E’ un’attività focalizzata sul presente, non sul futuro;

#. La creazione di ologrammi è una creazione di entità, non di immagini, come succede con la visualizzazione;

#. L’ologramma è multi-dimensionale, non è una rappresentazione mentale bi-dimensionale;

#. L’ologramma ha carattere permanenete, continua ad esistere anche dopo la creazione;

#. Il Focus è sul tuo mondo interiore, non sul mondo esterno;

#. Enfatizza il tuo stato di gratitudine per quello che già hai;

# La creazione dei tuoi ologrammi si basa sulle emozioni che vuoi provare fisicamente.

Usa le tue emozioni per scaldare la creazione dei tuoi ologrammi e tieni a mente il suggerimento di Victor Hugo:

“La suprema felicità della vita è la convinzione di essere amati; amati per quello che siamo, o meglio, malgrado quello che siamo”.

Nota bene: scegli, per diverse ragioni, di dar vita ai tuoi “ologrammi” nelle ore mattutine.

3. L’Energia segue il Pensiero!

Il pensiero è l’essenza del potere e, il pensiero focalizzato, è potere focalizzato ( Emergenza: Ammaina il lato Sinistro del Tuo Cervello ).

Molti dei pensieri che creano il nostro mondo sono deboli, frammentati e sfocalizzati. Ma con la pratica puoi imparare a focalizzare i tuoi pensieri per creare la realtà che meriti.

Immagina te stesso mentre ti servi di quello che hai immaginato. Sii paziente, goditi il momento, senza caricare le tue aspettative. Presto o tardi, la “realtà” immaginata si materializzerà fisicamente in modo del tutto simile alle tue rappresentazioni mentali.

Usa i tuoi ologrammi per elevare l’intensità degli stati che vuoi vivere ora!

E accresci la consapevolezza di quello che stai pensando e visualizzando. Crea i tuoi Ologrammi con il tuo Coach Personale

Serviti del principio l”Energia Segue il Pensiero”, per generare gli stati in cui vuoi vivere. Pensa in modo positivo riguardo a te e agli altri, perché l’energia seguirà il tuo pensiero.

4. Sei l’Autore del tuo Progetto!

Le leggi della fisica quantistica confermano la nota “legge del carpentiere”.

Misura due volte, taglia una volta sola!

Ovvero, ogni cosa è creata prima nella tua mente.

Dunque, poiché la realtà interiore è la matrice del tuo progetto, osserva dentro di te se ha senso, se ti piace, se è quello che ti fa sentire bene ed è in armonia con il resto; quel che verrà, si vedrà.

In altre parole, la materia fisica è attratta dall’ordine dentro-fuori; segui questa direzione per generare un meccanismo di attrazione nel tuo mondo e nelle tue relazioni con gli altri (leggi Le prime 11 Ragioni per “Far Girare un Cervello” e scopri come “far succedere le cose).

A questo proposito Stephen Wolisky descrive la funzione del testimone benevolo: “Se potrò incominciare a osservare e testimoniare le mie reazioni, allora mi sentirò più libero e più in pace. Soltanto identificandomi e unendomi con un pensiero o un sentimento, limito la mia possibilità di essere osservatore per diventare l’esperienza stessa.”

5. Le Abilità Crescono con la Pratica

Sii consapevole che puoi dare una forma al tuo mondo imparando ad osservare la tua “scatola del significato” (vedi Parole che Cambiano le Menti ). Questo è il modo più semplice per far succedere quello che vuoi nel tuo mondo.

Lasciati guidare dalla stessa direzione che fu cara ad Albert Schweitzer:

Il successo non è la chiave per la felicità.

La felicità è la chiave per il successo.

Se ami quello che fai avrai successo”.

Ogni volta che puoi, prendi nota – nero su bianco della direzione che seguono i tuoi pensieri e osserva come dai una forma, attraverso i tuoi pensieri, le tue sensazioni e le tue visualizzazioni, giorno dopo giorno, al mondo al quale vuoi appartenere.

Ricorda che sei un creatore di Ologrammi..

che l’Energia segue il tuo pensiero..

che sei l’Autore del tuo Progetto..

e che le Abilità Crescono con la Pratica..

Ecco perché puoi plasmare il tuo Mondo!

Puoi plasmare il tuo mondo perchè hai la capacità innata di osservare i tuoi pensieri e sentire i tuoi sentimenti.

Quale altra capacità è tanto divertente, quanto influente da riuscire a plasmare il tuo mondo?

A questo scopo non serve studiare la matematica dei quanti!

Ancora una volta, quello che plasma il tuo mondo è l’abilità di entrare nella tua “scatola del significato” per guidare un cervello nelle 7 direzioni e facilitare le decisioni.

a presto

Maurizio

1 Commento

Lascia un commento
  • giuseppe

    Non riesco a trovare i libri di Stephen Wolisky

    in italiano : esistono solo in inglese ?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento