Puoi scegliere: la possibilità di scelta come metodo di sviluppo personale

Molte persone vivono passivamente i propri problemi sentendosi impotenti ed impossibilitati a cambiare le cose.

Spesso però “scegliere” si rivela più facile di quanto sembri.

A volte non riusciamo a cambiare le cose perché non ci rendiamo conto che possiamo scegliere in ogni istante cosa fare e cosa non fare della nostra vita.

In ogni istante della vostra vita voi operate delle scelte, quando inizierete ad averne la consapevolezza la vostra vita cambierà.

Spesso rimaniamo passivi nei confronti della nostra vita perché siamo convinti che non è possibile cambiarla.

Spesso continuiamo a ripetere i nostri comportamenti disfunzionali perché siamo convinti che questi siano immodificabili.

Un errore grave che fanno molti coach o autori di libri di self-help consiste nell'”obbligare” le persone a cambiare oppure nel fargli credere che sono i coach o i libri da loro scritti ad operare i cambiamenti.

Niente di più falso!

Sei tu che in ogni momento della tua vita puoi scegliere chi essere e chi non essere, cosa fare e cosa non fare, in cosa credere ed in cosa non credere.

Quando inizi a renderti conto che tu puoi scegliere in ogni momento come comportarti inizierai a capire che tu hai il potere di scegliere il tuo destino.

Facciamo un esempio pratico.

C’è un delizioso dolce che ti sta tentando… è succulento ed invitante… sembra dirti “mangiami mangiami”… ha un profumo eccezionale… deve essere proprio saporito… ma tu vuoi perdere peso… tu “vuoi” perdere peso, non “devi” perdere peso… proprio per questo puoi operare una scelta, tu sei sempre libero di operare una scelta, puoi cedere alla tentazione e mangiare il dolce e a questo punto non sentirai alcun senso di colpa proprio perché hai scelto consapevolmente di mangiarlo… puoi scegliere di non mangiarlo, di mangiarne solo un pezzettino, di farlo mangiare a qualcun altro, di metterlo da parte e mangiarne un pezzo in un secondo momento o nei giorni successivi… qualunque scelta tu faccia è quella giusta purché tu ti renda conto che se mangerai il dolce non lo farai perché sei dominato dai tuoi istinti, ma perché hai scelto di farlo… se deciderai di non mangiarlo o di mangiarlo in un secondo momento non ti sentirai frustrato perché tu hai scelto di farlo…

Spesso le persone si costringono a cambiare e proprio per questo non ci riescono perché la nostra mente odia le costrizioni.

Quando le persone scelgono di cambiare invece tutto è così semplice… impara a scegliere, allenati a scegliere, prendi in mano la tua vita…

Quando ti renderai conto che nessuno può condizionare la tua vita veramente, che non sei né timido né insicuro, né razionale né irrazionale, né impulsivo né controllato, ma che sei semplicemente quello che scegli di essere in ogni momento…

Spesso le persone non cambiano perché credono di essere vittime del proprio destino… spesso le persone non cambiano perché seguono dei percorsi che li rendono dipendenti dal coach e dai suoi consigli e non si rendono conto che ogni buon coaching deve aiutare i clienti a scegliere… a capire che possono sempre scegliere…

Non essere passivo, scegli il tuo presente ed il tuo futuro… puoi iniziare da adesso a scegliere la tua nuova vita… potrebbe essere che già da domani la tua vita subirà dei cambiamenti…

Se te la senti inviami i tuoi propositi e i tuoi commenti via mail.

Ricorda che anche in questo caso puoi scegliere di farlo o di non farlo.

È la tua vita, credici.

Io la penso così,

Sinceramente,

Marco.

7 Commenti

Lascia un commento
  • Marianna

    Caro Marco, ho 31 anni e per tutta la vita, sino a due mesi fa, ho avuto la sensazione di subire il mio destino. Ho faticato nel fare le mie scelte (?) ed in seguito si è accompagnato sempre il dubbio, il ripensamento. Tuttavia, due mesi fa ho fatto LA scelta: ho lasciato lo studio legale dove lavoravo come praticante (unico -o quasi- sbocco dei miei studi universitari, che ancora oggi non so perché ho scelto di fare) dopo aver capito che non nutrivo alcun interesse per la materia giuridica. E ora? Sono a casa, a cercare di capire chi sono e dove voglio indirizzare la mia vita. Coraggio o stupidità, non so cosa mi abbia spinto a fare quella scelta. Tu scrivi che quando scegli, esprimi la tua volontà e proprio per questo la tua scelta è quella giusta; tutto ciò mi dà conforto. Ma non parli delle motivazioni. Se alla base della scelta, ci fosse un movente sbagliato? Che succederebbe dopo? Quando qualcuno mi chiede: “Bene, hai mollato la possibilità di una brillante carriera, che cosa vuoi fare ora?”. Bè, io qui mi perdo in un bicchiere d’acqua. Sapevo cosa non volevo più fare, ma non quello che voglio fare. Allora ti chiedo, come capire ciò che si VUOLE davvero? Come fare a conoscere sé stessi senza paura di sbagliare? Perché le scelte le possiamo fare, ma poi si deve convivere con gli errori,che potrebbero anche rivelarsi irreparabili.
    Grazie, Marianna

    Rispondi
  • tina

    goà…volere e non dovere, ma quando io vogli o qualcosa e la faccio diventare un dovere, questo invece mi aiuta a rafforzare la capacità di raggiungere l’obiettivo, a impormi una disciplina, a cercare strategie , se volere una cosa comporta il cambiare certe abiutdini radicate nel tempo, per poterle cambiare devi importelo, non possono cambiare spontaneamente!!!?

    Rispondi
    • Noname

      Io ho sperimentato questa cosa in 3 campi :
      Lavoro : lo odiavo ora ne ho fatto una sfida, una mission
      Fumo : mi trattenevo, piena di voglia e poi derogavo sempre fumando tantissimo, ora ho ridotto il numero a 1/3 , passata a sigarette sottili e non fatico, anzi se ho da fare mi dimentico di fumare
      3 la corsa : mi aveva sempre annoiato ma “mi faceva bene” ora , quando finisco il percorso mi dispiace che devo aspettare un altro giorno e mentre corro, anziche noia provo curiosita di vedere come andra la sessione
      ……speriamo che duri!!!!!

  • roberta

    E’ il coraggio che spesso ci manca, il coraggio di ammettere la propria debolezza o al contrario la propria forza, il coraggio di essere noi stessi perchè non riusciamo a liberarci dai condizionamenti che ci poniamo da soli e che lasciamo che gli altri ci pongano. Se non riusciamo a credere in noi difficilmente riusciremo a capire quale scelta può essere la più giusta per noi. Bisogna avere il coraggio di osare, senza paura. Ci sarà sempre qualcosa che significherà “impedimento” per una nostra scelta; guardiamo oltre, stacchiamo ogni tanto i piedi da terra per guardare cosa c’è piu in là …
    Roberta

    Rispondi
  • francesca

    Sempre ed assolutamente d’accordo sul senso di ciò che scrivi e su come lo scrivi. Si percepisce proprio il senso di libertà. Nessun condizionamento mentale su ciò che vuoi trasmettere; è per questo che scelgo con tanto entusiasmo di leggerti :) Però, vorrei un consiglio: Ok, va bene “scegliere” di non mangiare il dolce piuttosto che non “dovere” mangiare il dolce, fin qui, e su cose di questo genere la scelta è possibile, si può fare, è un sacrificio che sai che ti porterà benessere senza recare danno a nessuno e fa solo bene. Il problema è quando si devono fare scelte molto più grandi. Un lavoro che non piace, per esempio. Se si fa un lavoro che non piace, che ti fa stare in ansia, che ti strema fisicamente e mentalmente, in questi casi non puoi scegliere di non farlo, come ci si regola Anche nel caso si pensasse a qualche altro lavoro da fare e con piacere, non è facile scegliere…potrebbe passare molto tempo prima di poter cambiare rotta, ammesso che sia possibile farlo, ammesso che non ci siano rischi. Essì, certe scelte possono comportare grandi rischi e intanto si sta male, svuotati, senza entusiasmo, che pesa anche pensare di cambiare; Per le cose “grandi”, la scelta mi riesce sempre moolto difficile.
    Grazie Francesca

    Rispondi
  • gabriele

    Un post molto bello, Marco. Grazie

    Rispondi
  • Stefania

    Bell’articolo.
    Scegliere ci rende liberi, ‘c’è sempre la possibilità di scelta, in qualsiasi caso, solo che a volte penso che l’essere umano ami le prigioni. E’ più semplice far scegliere agli altri e poi lamentarsi, è molto più semplice, ma ci toglie la cosa più importante che abbiamo: noi stessi.
    Buona giornata
    Stefania

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento