In questi giorni abbiamo avviato un discorso sulcampo delle infinite possibilità chiedendo: esiste un campo dove tutto diventa possibile?

La porta che apre l’accesso a questo campo ha un codice composto da 3 passi :

  1. Deprogrammarsi
  2. Cambiare le linee di pensiero
  3. Scoprire e fissare il tuo progetto di vita

Dopo avere analizzato i primi 2 passi in precedenti articoli oggi analizziamo il 3°:

# PASSO 3: SCOPRI E FISSA IL TUO PROGETTO DI VITA

Prima di tutto la domanda importante: perchè?

Uno studio condotto nell’arco di 30 anni ha dimostrato che il 90% delle persone prese in esame non sapevano cosa volevano, il 10%rimanente lo sapeva ma solo il 5% aveva l’abitudine di scriverlo.

Alla fine del ciclo di studio, analizzando il successo personale sotto vari punti di vista, il risultato è stato schiacciante: le persone che potevano ritenersi realizzate facevano parte solo diquel 5% che non solo sapeva cosa voleva ma che lo aveva anche scritto.

# FRA QUESTIONI PRATICHE E SCIENZA DELL’INTENZIONE

  1. Chi sono?
  2. Cosa ci faccio veramente a questo mondo?
  3. Qual è il mio compito?

Sono domande che albergano nella testa degli uomini fin dalla notte dei tempi.

Sapresti rispondere a queste domande per quanto ti riguarda?

Il 90% delle persone darebbero risposte approssimative. Il 10% più precise, solo il 5% le scriverebbe anche.

Visto l’esperimento di cui ti abbiamo parlato, indovina quali di queste persone realizzeranno la propria esistenza dal punto di vista personale e/o professionale?

# ESERCIZIO PER SCOPRIRE E FISSARE IL TUO PROGETTO DI VITA:

Questo esercizio ti aiuterà a fare chiarezza (non ci stancheremo mai di ripeterlo, è il primo fondamentale passo di ogni processo).

E’ composto da 2 parti.

PARTE 1: Prenditi qualche minuto per te e rispondi a queste domande

  1. Chi sono?
  2. Cosa ci faccio veramente a questo mondo?
  3. Qual è il mio compito?

PARTE 2: Dopo aver risposto alle domande precedenti prenditi 3 minuti di tempo (metti un cronometro) e scrivi:

  1. 10 obiettivi della tua vita
  2. Dai 10 obiettivi selezionane 5 (quelli che di ispirano di più)
  3. Dai 5 che sono rimasti selezionane 3, quelli che potenzialmente sbloccherebbero gli altri

Ma la cosa importante è: scrivilo.

Questo è un esercizio rapido (ci vogliono massimo 10 minuti) ma che sblocca 2 questioni: pratiche e inerenti la scienza dell’intenzione.

# DI QUALE SETTORE FAI PARTE?

– Il 90% non sa cosa vuole, prende dunque ciò che viene dall’esterno. Ma quando deleghi all’esterno dai agli altri il potere dei tuoi sogni, dei tuoi obiettivi, dei tuoi desideri.

– Il 10% delle persone sa cosa vuole

– Di quel 10% solo il 5% li scrive, sbloccando questioni pratiche e inerenti la scienza dell’intenzione ma, soprattutto, sono quelli che poi realizzano le proprie esistenze.

C’è un modo diverso di vedere le cose.

Più che puoi,
sempre.

10 Commenti

Lascia un commento
  • Micaela

    Complimenti Rosa….mentre leggevo vedevo la tua luce.

    Rispondi
  • isaia

    a te NINA un grande abbraccio e u’augurio di una vita di consapevolezza e d’amore con A maiuscola.
    grazie ROSA per le tue parole le condivido e cerco d’applicarle
    grazie EMILIO le tue parole assieme agli insegnamenti di ITALO sono fonte d’insegnamento una felice giornata a tutti

    Rispondi
  • Elena

    sono un’anima
    devo fare esperienze
    aiutare gli altri a trovare i loro talenti
    portare consapevolezza
    condividere le informazioni

    Rispondi
  • Giovanni

    Ho fatto l’esercizio in 5 minuti.
    Confesso che i 10 obiettivi li ho cercati nella memoria, ma sono cose che realmente sto cercando di fare.
    Ho faticato un po’ a trovare il decimo.
    Tutto sommato so cosa voglio, anche se sono convinto che, da fuori, nessuno mi darebbe 1 centesimo.

    Rispondi
  • Alba

    Chi sono? Nessuno
    Cosa ci faccio veramente a questo mondo? Soffro
    Qual è il mio compito? Non dare fastidio al prossimo

    A questo punto i 10 obiettivi sono tutti uguali: tirare avanti fino alla fine, sperando che sia la fine di tutta questa inutile sofferenza.
    Anche se lo scrivo, il risultato non cambia:non c’è nulla che sblocchi la situazione iniziale.

    Rispondi
  • emilio lai

    Il campo delle infinite possibilita’,splendido articolo Italo Pentimalli..Il peccato originale che posso commettere è quello di sprecare una vita senza consapevolezza di cio che veramente sono(siamo),non di sicuro quello che ci è stato indottrinato dalla chiesa.Cio che hai scritto lo condivido pienamente,”l’uomo ha paura di addentrarsi in territori sconosciuti”,forse,credo che questa paura sia scoprire la potenza che veramente siamo,il tutto con una semplice frase ma molto importante che è la RESPONSABILITA’…Mi ricordo una frase che a me piace tanto,non è mia:”Siamo Qui Per Rendere Conosciuto Lo Sconosciuto”..Grazie di cuore a Tutto lo staff di Piuchepuoi e a Te Italo Pentimalli..emilio

    Rispondi
  • Rosa

    Ciao
    Compitino fatto velocemente la mano scriveva da sola
    Alla domanda Chi sono?
    Un essere di luce che sta facendo un’esperienza umana..
    .Cosa ci faccio veramente a questo mondo?
    Ho imparato a perdonare e perdonarmi e giorno per giorno ad amarmi e accettarmi senza giudicarmi e ad accettare gli altri così come sono spazzando via tutti i giudizi.. una cosa ho compreso in tutti questi anni di lavoro su di me che ognuno di noi fa del proprio meglio per quello che sa e conosce in quel preciso momento
    Qual’è il mio compito?
    Aiutare gli altri a risvegliare la loro natura Divina

    3 obbiettivi :

    Essere in armonia con tutto
    Essere libera finanziariamente
    Portare valore nella vita degli altri con gioia e amore

    Rispondi
    • aldebrando lucci

      Condivido le tue idee di base.
      Ma alla tua risposta su: Chi sono?
      correggerei questa tua frase….
      Un essere di luce che sta facendo un’esperienza umana…
      con quest’altra…:
      Un essere di luce che sta facendo un’ALTRA esperienza terrena ed è già pronto per le prossime…
      Almeno questo è il mio punto di vista…
      Non posso aver costruito il mio modo così profondo di
      vedere le cose solo con questa mia esperienza terrena (anche se ho già 63 anni)….devo aver vissuto “per forza”(=sicuramente) altre vite che hanno maturato nel tempo (=nei secoli) questa mia condizione e, può sembrare strano, ma mi sento già pronto per la mia prossima vita terrena….anzi, non vedo l’ora…ma prima devo, come dici tu, aiutare gli altri a RISVEGLIARE LA LORO NATURA DIVINA….
      Un caro saluto a te e a Italo che ogni giorno ci stimola sempre più a salire in alto….

    • Sara

      Complimenti Rosa… non avrei saputo esprimere cosa sentivo dentro di me, ma le tue parole lo rispecchiano perfettamente! ;)

  • nina

    ciao
    ho cercato di rispondere alle domande chi sono? cosa ci faccio a questo mondo? qual’e’ il mio compito? ma dopo averci pensato molto non ho saputo veramente rispondere. Poi ho provato con i 10 obiettivi ma anche in questo elenco ho avuto serie difficolta’. Faccio parte del 90% delle persone che non hanno idea di chi sono , della loro mission nella vita (a parte mia figlia) .
    Quando mi parlo non ricevo risposte, sono come un guscio vuoto .
    C’e’ un modo per superare questa situazione? Puoi darmi qualche consiglio?
    Volevo anche ringraziarti per il tuo sito, per le tue (e dei tuoi collaboratori) parole di aiuto e incoraggiamento. Sei veramente prezioso. Purtroppo non riesco ancora ad andare “avanti” . Grazie ancora. Ciao Nina

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento