Mi piacciono i segreti. Mi piace quando me li svelano.
Ti è mai capitato di rimanere sopreso da qualcuno che ti dice di avere un segreto da svelarti?
Proprio a te, magari. Eccitante! Sento attraversarmi un senso di euforia. Sai quando avverti
crescere la curiosità di sapere qualcosa di nuovo? E’ una sensazione bella, vero?

E nel momento che ne ho poi appreso uno che mi ha entusiasmato, sento quanto è emozionante
condividerlo. Non si è mai veramente felici se non quando alla tua gioia inviti qualcuno. Ed essa si
moltiplica, si espande, contagia. E tu ti senti spinto dall’amore che provi per gli altri a comunicare quel segreto che
cambierà qualcosa nella loro percezione del mondo. Come è cambiata la tua. Come sei cambiato
tu.

Cos’è un segreto? Qualcosa di tenuto appartato, separato. Qualcosa di diverso insomma, da
non confondere con ciò che è ordinario. Sì, è così. Il segreto è un argomento di natura
riservata, all’inizio conosciuto solo da qualcuno. E magari rigorosamente precluso ad altri. Per ragioni
varie, non sempre nobili. Ci sono segreti di stato, segreti militari, segreti di Fatima e anche i segreti di
Pulcinella. E poi ci sono anche agenti segreti, documenti top segret, amori segreti. Le segrete
invece non sono le donne riservate bensì le prigioni sotterranee.

Per me il segreto è una verità che qualcuno che mi vuol bene mi confida affinché io possa
crescere. Una verità che mi fa passare subito al mio livello superiore di consapevolezza. E poi a quello Superiore,
alto alto, dove la conoscoscenza di se stessi e della propria natura spirituale fa entrare
nell’Olimpo degli dei.

Spesso i segreti si confidano prima di separasi. Prima di dirsi addio. Un ultimo regalo
all’amato, bello come un bacio, affinché anche lontani viva la stessa gioia di essersi
incontrati. Il segreto comunicato è un cammino nuovo che si apre. La comprensione della Vita
non sarà più la stessa. Il sole sarà più caldo. Il cielo più luminoso. Il sorriso
come un silenzioso accogliente abbraccio.

“Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che col cuore.
L’essenziale è invisibile agli occhi”.
“L’essenziale è invisibile agli occhi”, ripeté il piccolo principe, per ricordarselo”.

Ho ringraziato tante volte la volpe di Antoine de Saint-Exupéry per quel suo commovente addio
al piccolo principe. Quel segreto mi ha reso felice. Anche adesso.

In questo segreto ho trovato ciò che me lo ha reso compagno fedele. Perché ha esteso e potenziato tre campi
in cui la vita si dispiega.

1. Quello della conoscenza. Ho appreso una verità. Grande e spirituale. Adesso so che il cuore è un organo della vista.
Vede bene perché vede oltre. Ora benedico i miei occhi consapevole che essi non vedono tutto.

2. Quello dell’emozione. Mi sono arricchito del segreto che mi fa sentire parte dell’invisibile. Il cuore si addestra
a vibrare con l’essenziale. Una bella abitudine! Si sta bene. Ci si sente a casa.

3. Quello dell’azione. A vedere con il cuore si impara ogni giorno. Scegliendolo come atteggiamento nelle relazioni con le persone che si incontrano. Esercitandosi a scorgere l’invisibile nel loro sguardo. A percepire che l’essenziale che è in loro è lo stesso che dimora in noi. L’Amore.

Svelalo anche tu a qualcuno questo segreto. Farà bene a te. Vi sentirete a Casa in due.

Un abbraccio.

Mauro

8 Commenti

Lascia un commento
  • mariana

    ricambio dall’cuore

    Rispondi
  • Patrizia

    l’augurio per ogni bene lo RICAMBIO e lo auguro a tutti il bene e’ in ognuno di noi ma la ma
    maggioranza …..lo lascia a riposo..!!!!!! buona gg

    Rispondi
  • Luciano Collu

    Ciao Mauro,
    grazie per avermi fatto scoprire la “verità” e le sfumature emozionali che un segreto può custodire: sotto questo aspetto non l’avevo mai visto.
    Forse perchè non lo guardavo, non lo sentivo, non lo percepivo col cuore…

    Rispondi
    • mauro turrini

      Ciao, Luciano. Grazie per il tuo commento. Le sfumature emozionali sono un’esperienza bellissima. E la percezione del cuore
      fa diventare vita ogni verità.
      Auguri infiniti per tutto.

  • mariana

    sempre a mia felicità o condivido,mi da grande gioia di vedere felicità in occhi degli altri, loro sono felici io sono super felicissima d’vero,
    tanti mi dicono dammi purà me a tua riceta che sei sempre cosi…gli o regalo a mia riceta è mi risponde ,,si da io non posso…”maggior parte non capiscono che la felicità e dentro di loro,essere felicè non significa cose materiale…la felicità e di stare bene con te stesso,a presto

    Rispondi
    • mauro turrini

      Ciao. Mariana. Grazie per la tua testimonianza. Un bene per tutti la tua felicità.
      Un abbraccio. Con l’augurio di ogni bene.

  • Patrizia

    se e’ un segreto tale deve rimanere altrimenti io lo chiamo pensiero nascosto custodito in un cassetto nn chiuso a chiave.PER QUANTO RIGUARDA LO STARE BENE HO IMPARATO LAVORANDO INOSPEDALE A PORRE LA DOMANDA COME VA?LA RISPOSTA E’ LARGA SALUTE LAVORO….BUONA GG

    Rispondi
    • mauro turrini

      Ciao, Patrizia. Grazie per la tua testimonianza.
      Con l’augurio di ogni bene.

Lascia il tuo commento

Lascia un commento