Ciao,

ci sono momenti della nostra vita in cui ci arrivano ondate di veleni emozionali, giudizi taglienti, accuse.
A me è accaduto di recente di vedermi rispondere ad una lettera autenticamente carica di affetto e di amore con questo tipo di atteggiamento velenoso.

All’inizio non riuscivo neanche a respirare per quanto fossi ostaggio delle emozioni, non riuscivo a capire..
Mi sono preso il tempo di metabolizzare. Poi non ho creduto a quelle parole, non ho dato alcuno potere a quei giudizi.
Dopo circa un’ora ero in grado di rileggere la lettera in maniera sana e distaccata.
Questa è stata una grande lezione che ho ricevuto dal cosmo, dalla vita, un segnale di attenzione ad alcune cose.

 

Negli ultimi anni avendo fondato la mia vita, i miei cambiamenti, le mie scelte, le mie relazioni sull’amore mi sono sempre regolato nelle mie azioni ponendolo al centro. Ho regalato tanto amore a piene mani senza domandarmi alcune cose molto importanti.

Ho compreso oggi che:

1) l’amore può essere un’arma molto più potente di qualsiasi altro sentimento in particolare se usato nei confronti di persone non abituate a riceverlo;
2) non tutti gli esseri umani sono desiderosi di riceverlo anzi a volte desiderano maggiormente essere maltrattati;
3) se usato senza precauzioni l’amore può generare delle reazioni violentissime.

Il seme dell’amore se gettato su un campo mai arato, non fertile, pieno di erbacce, in cui manca l’acqua da sempre sarà molto dificile che venga accolto con generosità.
La terra, quel tipo di terrà lo rigetterà, lo rifiuterà.

Ci sono esseri umani incapaci di vivere nell’amore, o almeno non abituati, che usano la parola per giudicare se stessi e gli altri, che non danno nè ricevono.
Ed allora fargli arrivare all’improvviso questo tsunami di amore è troppo!

Io sono troppo abituato alla generosità sentimentale ed a volte non mi sono saputo regolare, la vita, il cosmo mi ha inviato una grandissima lezione che mi ha fatto male ma mi ha dato tanto. Grazie sono riconoscente.

Sto imparando la lezione..sto imparando.

Leo Buscaglia scrive: “Sono sinceramente preoccupato per il fatto che tutti noi abbiamo bisogno d’amore se ne vede in giro così poco”. Parole sante.

L’altro giorno sono andato a prendere mia figlia a scuola e c’era un bambino disperato, in lacrime che aspettava i genitori che non arrivavano. Il bimbo è rimasto per ultimo e nel frattempo lo consolava il maestro (la legge dell’equilibrio e del dualismo). Con molta calma è arrivato il padre ed era freddo, quasi indifferente..mi sarei aspettato un gesto, una parola i conforto ed invece nulla, lo ha caricato in macchina e via.
Ecco che cos’è questa carenza di amore nel pratico e nel quotidiano.

Io continuerò a vivere nell’amore poichè gli esseri umani di questo sono fatti ed hanno bisogno ma prometto anche a me stesso di essere molto cauto nell’usare questo incredibile sentimento.

E tu cosa ne pensi?
Con il cuore

Luigi Miano

13 Commenti

Lascia un commento
  • Rosanna

    Grazie Luigi,Grazie Josaya, il dono è per me, grazie.
    il tocco del cuore è un’aria che vibra e arriva via neurone cosmico, quando è aria d’amore invade tutti quelli che sono liberi, liberi di amare. ho i brividi, ho accettato il vostro amore………., lo ricambio centuplicato!
    Rosanna

    Rispondi
  • Luigi

    @Roberta
    grazie è vero sono comunque sulla via della guarigione, il lavoro interiore è ininterrotto.
    @Rosanna
    grazie per la tua testimonianza di amore, mi hai toccato il cuore!
    @Josaya
    prezioso dono queste parole che toccano profondamente l’anima

    Rispondi
  • Josaya

    Lo scopo della vita, è di tornare all’amore in ogni momento.
    Per realizzare questo scopo, l’individuo deve riconoscere di essere responsabile al 100% della creazione della sua vita per quello che è.
    Deve riuscire a vedere che sono i suoi pensieri a creare quello che la sua vita è in ogni momento.
    I problemi non sono le persone, i luoghi e le situazioni, ma i pensieri che abbiamo su di loro.
    Si deve arrivare a capire che non esiste affatto un “là fuori”.
    Dottor I. Hew Len

    Rispondi
  • Roberta Cannone Ashan

    Ti ricordo le bellissime parole di San Paolo ( sono una ricercatrice e studiosa
    anche di Testi sacri) ” se non avessi la Carita’ non sarei nulla!”, “la Carita’
    tutto sopporta!” e sopportiamo molto in un mondo sempre piu’ spiritualmente
    impoverito, gente che si degrada ( e nei momenti di silenzio si annoia pure!)
    Abbiamo il libero arbitrio di affiancarci a persone piu’ evolute e sensibili, le
    altre, bonta’ loro, riceveranno esattamente quello che hanno “chiesto”. Piutto-
    sto mi sento di dirTi che forse sia io che Te, da alcuni commenti che seguo,
    abbiamo ancora un piccolo schema interno da guarire relativo al rifiuto. Puo’
    essere? Guarito totalmente quello con un altro poco di lavoro interiore, sara’
    un Giardino di Rose, nonostante le spine! Con affetto, Roberta

    Rispondi
  • Rosanna

    Grazie per il meraviglioso articolo. non è tema ricorrente, ha il profumo dell’autenticità, di una cosa vera. a proposito del padre che prende il bambino, come fosse un sacco di qualsiasi cosa, è lui stesso un sacco di qualsiasi cosa fuorché un essere senziente. lo riconosco quel sentimento freddo e distaccato, mi è appartenuto. sono stata trattata come quel bambino e a mia volta ho trattato i miei bambini, con freddezza, distacco e senza amore, anche se in forme diverse. ed era impossibile per me riconosce l’amore e accettarlo quando mi veniva offerto. orrore, pensavo cosa vogliono, per me questo? no no no … un lungo e duro lavoro mi ha portato a sperimentare, riconosce e apprezzare l’amore. Son dovuta passare dall’inferno del ghiaccio per arrivare al sole e scaldarmi il cuore.
    Grazie per il momento felice e per la consapevolezza che doni,
    con riconoscenza e affetto, Rosanna

    Rispondi
  • Luigi

    @Giaria
    per rispondere al tuo quesito credo che l’atteggiamento sia quello compassionevole. Essere compassionaveli e lasciare andare…

    @Loredana
    Madre Teresa diceva che la più grande prova dell’amore è esercitarlo nei confronti di coloro che ci sono vicini tutto il giorno e diamo per scontato che ricevano amore da parte nostra.

    Un abbraccio di amore a tutti

    Rispondi
  • Loredana

    mi stupisco sempre quando “incontro” persone che sanno ancora il reale significato dell’amore….non sono le parole ma i gesti che molti, direi quasi tutti, danno per scontati.
    A cosa serve continuare ad accarezzare il suo viso se vivo con lei/lui? a cosa serve sentirla/o durante il giorno se tanto la sera ci vediamo? perchè continuare a dire ai nostri figli, ogni giorno, più volte al giorno che amiamo loro, tanto lo sanno…. non riesco ad accettare tutto questo, io personalmente ho bisogno di costante “contatto” con chi amo, ma è un discorso a senso unico. L’aridità di cui parli, purtroppo, è quasi ovunque intorno a noi.
    Si dà tutto per scontato e questo non è giusto per chi invece è carico d’amore, che lo dà in ogni modo e raramente lo riceve.

    Rispondi
  • giaria

    E’ una domanda che mi pongo quotidianamente quella che giro in occasione di quest’articolo:

    come ci si deve comportare nei confronti di chi rifiuta l’amore e il bene, nei confronti di chi non è abituato a dare amore o a credere nell’amore …

    Qual’è l’atteggiamento benevolo da adottare con le persone che sono in grado solo di ferirti, perchè quella è l’unica modalità che conoscono di rapportarsi …

    Bisogna lasciarli andare?

    Grazie, un abbraccio di luce

    Giaria

    Rispondi
  • Josaya

    Io credo che più che vedere gli altri come incapaci di ricevere amore dovremmo essere noi ad imparare a darlo senza aspettative. Se non abbiamo aspettative non avremo nemmeno giudizi (vedi papà freddo) e non soffriremo per le reazioni degli altri che riteniamo indeguate all’amore che noi doniamo.

    “Mettiti al servizio dell’amore autentico, cioè dell’amore al suo livello più puro, dona, condividi tutto ciò che hai e godi nel condividere. Non pensare che stai facendo un piacere all’altro, non ensarlo mai nemmeno per un momento. L’amore non è mai un favore; al contrario, quando qualcuno riceve il tuo amore, tu hai la sensazione di ricevere un favore. L’amore è grato di essere ricevuto. L’amore non desidera nè mai ricompense nè ringraziamenti. Se dall’altra parte arriva della gratitudine, l’amore è sempre sorpreso; è una piacevole sorpresa, perchè non c’erano aspettative” Osho

    Rispondi
  • Anna

    Bello e vero articolo…l’ho dovuto leggere piu volte percapire che nn lo avevo scritto io.So perfettamente cosa si prova quando qualcuno..che tu ami,rifiuta cio che gli dai,ho sempre fatto il paragone di chi sta affogando non vuole morire ma non vuole neanche la tua mano…importante è volersi bene e continuare a dare amore a chi lo merita..

    Rispondi
  • Luigi

    @Stefania grazie è proprio vero che non possiamo vivere senza amore, noi siamo fatti di amore, è la nostra fonte di energia vitale

    @Francesca grazie per la tua risposta così toccante, si percepisce in te una grande volontà di ricerca ed apertura.

    Rispondi
  • francesca

    Lodevole!
    ….Articolo davvero lodevole.
    E, lodevole anche il fatto che tu continui a vivere nell’amore. Sono così rare le persone che riescono a farlo! Si sente proprio il cuore.
    Quindi, perfettamente d’accordo dalla prima all’ultima riga.
    Ci sono passata pure io, un pò di mesi fa, ero letteralmente devastata e ho fatto le tue stesse considerazioni col senno di poi. Morale: Molte persone non sono proprio abituate all’amore. Tutto qui! Ora se guardo a quella storia, con tutto quello che mi ha fatto passare, mi dico: “Come ho potuto essere così stolta da stare con una persona così? Come ho potuto farmi umiliare, svuotare, in quel modo?”
    Comunque, passato tutto e direi decisamente contenta che tutto sia finito *_* Nel frattempo la vita mi ha regalato altre meravigliose sorprese e emozioni e io ho acquistato più consapevolezza sul mio valore di donna.
    Grazie e un saluto di cuore a te *_*

    Rispondi
  • stefania finardi

    Bellissimo articolo!!! Tutti quanti abbiamo bisogno d’amore, non possiamo vivere senza eppure … quante volte ce lo neghiamo, quante volte lo neghiamo, quante volte abbiamo paura dell’unica cosa di cui non possiamo fare a meno.
    Buona giornata.
    Stefania

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento