W Me stesso: Come trasformarsi in un presuntuoso narcisista di successo.

Elencate un lista di dieci persone che ammirate.

Persone famose, amici, conoscenti, punti di riferimento, moderni idoli da venerare.

Ora osservateli, cosa hanno più di voi???

Nulla, l’unica differenza è che loro hanno agito.

Cosa li ha spinti a agire?

La motivazione, da questa nasce tutto, ma per avere motivazione bisogna crederci.

Credere in cosa ?

In voi, nelle vostre capacità, nella vostra unicità.

Sapete come si fa a credere in se stessi?

Bisogna essere irrazionali abbastanza da montarsi la testa, essere presuntuosi e narcisisti.

Bisogna essere razionali abbastanza per evitare di credere nelle statistiche, nei messaggi demotivanti che ci giungono a destra e a manca.

Non sopportate le persone presuntuose?

Non amate i montati?

Sapete come si fa a mettere a tacere chi se la tira? Tirandosela più di loro.

In breve tempo gli altri non vi sopporteranno perché voi, a differenza loro, otterrete risultati.

Siate eccessivi, in ogni cosa.

Siate eccessivamente liberi, senza infrangere leggi.

Siate eccessivamente altruisti, abbiate un cuore grande abbastanza da contenere tutto l’amore del quale necessitano le persone che vi stanno intorno.

Siate eccessivamente ottimisti.

Siate eccessivamente “creativi”.

Viviamo in un secolo nel quale le persone eccessive non sono di moda.

Cosa sarebbero Steve Jobs e Bill Gates senza la loro eccessiva “intraprendenza”?

Cosa sarebbe stato Martin Luther King senza la sua “folle” voglia di cambiare le cose?

Cosa sarebbe stato Gesù senza la sua infinta, folle ed eccessiva voglia di amare il mondo intero?

Cosa sareste voi senza la vostra folle, eccessiva voglia di vivere, di esistere e di realizzare le vostre potenzialità?

Se vi chiederanno “Chi ti credi di essere?” rispondete “Me stesso, e di questo mi vanto”.

Milton Erickson era unico , efficace e impareggiabile anche senza la sua ipnosi.

L’ipnosi era frutto del grande talento di Erickson e non viceversa.

Commuovetevi d fronte alla bellezza della Vita, del mondo.

Ringraziate Dio, o madre natura se non siete credenti, per quanto vi ha fatto grandi ma ricordatevi che da soli non potete andare da nessuna parte.

Se incontrate un esperto ditegli “Anche io sono un esperto sai ? Sono un esperto di me stesso, un esperto della mia materia, delle mie passioni, un esperto dei miei successi”.

Ora penserete “Si parli facile Tu, solo in pochi riescono a fare strada”.

Esatto, ci riescono in pochi ma anche in pochi ci provano veramente.

La maggioranza delle persone mollano alla prima difficoltà, se sbagliate, se cadete rialzatevi e riprovate ancora.

Cosa volete nella Vita ?

Volete il successo ?

Volete essere amati ?

Volete essere stimati’

Non è vero!

Volete Solo essere sereni, felici.

La felicità non sta nel successo lavorativo o relazionale, sta nel realizzare voi stessi.

Telefonate al vostro amico del cuore, se non lo avete fatevene uno, e trascorrete un’ora a parlare con lui.

Guardate il vostro film preferito, ascoltate la vostra canzone del cuore, nel frattempo gettate le basi per il vostro successo.

Provate e riprovate e non riuscite fa niente, proseguite per la vostra strada sino a che non si realizzerà il vostro sogno, sino a che non avrete raggiunto il vostro obbiettivo.

Non avete bisogna di nulla, solo di crederci e agire.

A presto

Marco

15 Commenti

Lascia un commento
  • alfonso

    Ciao,
    seppur in ritardo, invio un saluto a G ringraziandolo/a per aver espresso apprezzamento per ciò che ho scritto in precedenza.
    Ciao G.

    Rispondi
  • alfonso

    Ciao Tina,
    io ti suggerirei di cambiare punto di vista, di guardare il Cielo e la Terra ti sorriderà. Ti suggerisco di concentrarti su Gesù Cristo che già su questa terra colma di gioia dandoti, se effettivamente ci si abbandona in Lui, tutto ciò di cui hai bisogno prima di tutto nell’anima e poi nel corpo. Ti chiedo solo di provare a darGli una possibilità iniziando col recarti in una Chiesa qualsiasi, di inginocchiarti e di sussurrarGli:”Gesù, mi affido a Te, salvami!” e vedrai che già da subito la tua vita cambierà! Questo è ciò che è successo a me e questo è ciò che mi sento di testimoniare. Ricorda che tutte le altre strade sono dei vicoli ciechi che ci invitano ad entrare perché inizialmente belle larghe, facendoci illudere che ci porteranno alla felicità ma poi, alla fine, si presentano senza via di uscita. Pregherò per te affinché tu faccia la scelta giusta. Ciao

    Rispondi
  • tina

    come faccio a credere in me se non so fare nulla a parte suonare il piano e studiare?se a 29 anni non sono autonoma economicamente? se sono frustrata e penso che studiare non serva a nulla ma che passano l’esame di avvocato solo i furbi e quelli che hanno un po’ di c……in più?

    Rispondi
  • Roberta

    Vi ringrazio per avermi risposto e per il sano confronto, e reciproco arricchi-
    mento. Grazie Marco, Grazie Mimmo, a presto!

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Roberta hai frainteso.
    Non intendo dire che noi siamo onnipotenti, non lo penso, io sono anche molto religioso figurati.
    Intendo dire che bisgona comunque credere nelle nostre capacità e poi credere anche negli altri.
    Quel che voglio dire che “basta crederci”, evitando di affidarsi ciecamente ad “esperti e soloni” pendendo dalle loro labbra.
    Va benissimo affidarsi a coach e motivatori ma con la consapevolezza che loro possono solo aiutarci, il resto dobbiamo farlo noi.

    Rispondi
  • Ivana Balesova

    E’ stato proprio bello leggere questo articolo così… subito alla mattina. Lo posso definìre come integratore di vitamina “MOTIVAZIONE!”Grande. Ivana B. Mi piace tutto quello, che scrìvi.

    Rispondi
  • nicola

    ciao marco,ottimo articolo,il lavoro che svolgo maggiormente ogni giorno è proprio su me stesso.
    Io uso molte suggestione e soprattutto il mio dialogo interiore,per fortuno lo manovro a mio piacimento dicendomi solo cose positive.
    Dico per fortuna,perchè in molti hanno il problema di far dire al dialogo interiore solo cose negative abbattendo inevitabilmente l’io della persona stessa.
    Io ogno giorni mi pongo domande,è importante porsi domande in modo tale che il nostro cervello si abitui a trovare sempre la giusta soluzione o tante soluzioni da sceglire.

    Rispondi
  • Mimmo

    Roberta non basta solo la preparazione teorica, spendendo tutto il tempo sui libri. Noi non smetteremo mai di imparare è vero, ma sul campo mettendo in pratica, sbagliando e ritentando, e fallendo di nuovo imparerai che quello non si deve fare e studierai un modo alternativo. Pero se non hai quel tocco di presunzione nel dire io posso farcela, puoi studiare quanto vuoi, ma al primo fallimento cadrai a terra e non ti rialzerai più. Adesso non so a cosa ti riferisci tu, ma se c’è qualcosa che gli altri la sanno fare meglio sfrutta loro e tu fai quello che a te riesce bene senza uno sforzo immane.

    Rispondi
  • Roberta

    Il vero successo ( durevole) non e’ fatto solo di Ego Impazziti che si sentono
    tutti Divi/Dive, siamo stanchi di vedere questi Miti da Nulla, la preparazione
    seria costa un sacrificio immenso, impegno, fatica, dolore, talenti spesso
    coltivati in giovanissima eta’, nel silenzio piu’ sconosciuto, per anni ( penso
    a tutti i calcioni che si e’ preso anche Einstein, e le ripetizioni ai somari che
    ha dovuto dare per campare!), e’ inutile buttarsi senza competenze speci-
    fiche, ( la preparazione puo’ durare anche venti anni e forse non finisce mai
    c’e’ chi dice che saremo studenti a vita ed io concordo!). Il lanciarsi con
    coraggio e’ giusto, ma prima c’e tutto un lavoro sia interiore e poi esteriore
    da fare, io per esempio studio a ritmi serrati ( la notte) da oltre dodici anni
    e mi sembra di stare ancora a “carissimo amico”. C’e’ sempre qualcuno
    piu’ competente di me, o che ha iniziato prima di me, o che ha piu’ soldi
    e tempo per specializzarsi meglio. Io posso solo fare il meglio che posso
    e intanto, questo e’ gia’ un successo, se poi Dio vorra’ che avro’ successo
    pubblico, allora, va bene lo stesso e senno’ pazienza, ci sono tante varia-
    bili perr un accadimento, percio’ non generalizziamo e per carita’, non Vi
    buttate nella mischia se non e’ davvero il caso. Grazie. Gesu’ per un mini-
    stero doloroso di tre anni ( e a che prezzo!) ha vissuto trenta in silenzio
    sicuramente a prepararsi!

    Rispondi
  • Mimmo

    SI ok, ma adesso basta parlare di me!! ;)

    Marco mi piacciono i tuoi articoli, li segnalerò sul mio blog. Un abbraccio dalla calda e soleggiante Rio de Janeiro.
    Cosimo Melle

    Rispondi
  • G

    splendido.
    provocatorio, e molto incisivo.
    si “legge” che insegni anche a scrivere. te lo dice uno che scrive : – )
    grazie x questo articolo, mò mi asciugherò anche gli altri.
    ciao.
    G

    Rispondi
  • alfonso

    Ciao a tutti,
    ancora una volta ringrazio “più che puoi” per l’opportunità che dà alle persone di confrontarsi su vari temi.
    Leggendo questo articolo non riesco a capire il consiglio che Marco propone, in particolare se l’essere umano debba mettere al centro della propria vita il proprio “IO” oppure “DIO” oppure un misto delle due cose, poiché da una parte si parla di “venerare idoli moderni”, di “tirarsela”, di presentarsi alle persone come “esperti” di qualcosa, di narcisismo e dall’altra parte si fa riferimento a Gesù con “la sua infinta, folle ed eccessiva voglia di amare il mondo intero”, di ringraziare “Dio, o madre natura se non siete credenti, per quanto vi ha fatto grandi ma ricordatevi che da soli non potete andare da nessuna parte”. Io colgo l’occasione per esprimere la mia posizione in modo chiaro e deciso rifacendomi alle parole e agli insegnamenti di Gesù: con un attegiamento umile e modesto così come Lui si è presentato al mondo dobbiamo cercare PRIMA il regno dei cieli e il RESTO ci sarà dato in AGGIUNTA, che, secondo la mia umile interpretazione tra le tante, vuol dire mettere “DIO” e il prossimo al primo posto della nostra vita e le nostre passioni, il nostro “IO” al secondo posto che, se è nella Sua volontà, non solo realizzeremo ma le vivremo anche in una perfetta armonia con l’Universo.
    Ringrazio tutti per aver letto le mie righe e “più che puoi” per lo spazio dedicatomi.
    Ciao a tutti!

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Grazie mille a tutti, sono contento anche avete compreso il senso delle mie parole

    Rispondi
  • gabriela

    Bell’articolo. Grazie.
    Capita proprio a pennello.
    Lo segnalerò alle persone a cui voglio bene.
    Continui così.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  • pierfranco

    mi chiamo pierfranco ho 36 e da circa 10 anni inseguo il mio sogno .Ho la 3° media ma ho imparato a vantamenein.In un paio di occasioni ho sfiorato la realizzazione di buona parte del mio sogno ,ma poi ho visto il tutto dissolversi(credo piu che altro a causa di pensieri autosabotanti) così ho dovuto ricominciare da capo.In questi anni ho imparato una metodologia mia(che devo affinare ed approfondire)studiando libri e frequentando corsi(alcuni inutili altri eccezzionali).da 2 anni ho abbandonato il mio lavoro (benzinaio e lavagista auto)per vivere con il mio sogno ma ho preso la seconda batosta.per crescere ho fatto un corso di rebirthing(fentastico)ed uno sulla fotografia subliminale (eccezzionale ).Diciamo che ho portato la mia attenzione sulla crescita personale(mentale e spirituale).Da circa 11 mesi qualcosa sta cambiando ma avrei bisogno di una accellerata.Ho un secondo sogno da realizzare ed è un negozio per bambini molto particoare ,ci lavoro da circa 6 mesi ma anche li avanza a singhiozzo.Da quando conosco Più che puoi mi sto riempendo il pc di file scaricati ma che devo ancora leggere al 99%.a volte neanche li scarico pechè ”non ho tempo”(frase fatta ma non guardo mai la tv , sono sposato e ho due figli meravigliosi 8 anni e 8 mesi,lavoro e progetto il negozio in casa e do una mano a mia moglie coi pannolini ecc,e dedico un po di tempo ai miei bambini mi esercito 1 ora al giorno sulla fotografia subliminale ,vado a letto all’una e mi alzo alle sette) .Oggi contrariamente al solito scarico la posta e non ho voglia di rimandarne la lettura , leggo i vostri post e due tuoi articoli:grande sei grande,avevo la sensazione di stare ad incartarmi ma il tuo andare dritto al sodo mi ha centrato in pieno:cerco qualcosa per migliorare la mia situazione ,ma è gia dentro me,cercavo mille tecniche ,suggerimenti ,soluzioni perdendo tempo invece di concentrarmi su di me.Ora ho capito.GRAZIE.Non ti ho detto qual’è il mio sogno:io sono un trader finanziario,adoro la dinamiche dei mercati e la loro comprensione.Anche se ho la terza media (in realta 3° istituto aeronautico forli ma questo non fa un diploma)ma so fare ad analizzare i mercati ed a comprenderne l’andamento,so fare anche se a volte ho preso batoste giganti e cio che piu fa ridere è che spesso è capitato di aver fatto previsioni corrette e di aver preso bastonate.E’ COME DICI TU ,
    la gente mi chiede ‘come va con la ‘borsa’,mi danno consigli senza sepere minimamente cio che dicono:sono tutti esperti, ma nessuno si alza sopra la media,nessuno fa qualcosa di straordinario e chi lo fa non giudica gli altri ma ne comprende i sogni ,proprio come fai tu .grazie
    ciao da PIERFRANCO

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento