Il Socrate dell’età moderna

Gurdjieff

Quello di Gurdjieff non era una sapere dogmatico, ma piuttosto una tecnica pratica per conseguire il sapere, da lui inteso come risveglio o illuminazione secondo i dettami della tradizione esoterica o mistica.

Gurdjieff non inventò nulla di originale, il che potrebbe sembrare a prima vista un demerito, in un’epoca afflitta da una parossistica ansia del nuovo come la nostra; in realtà è esattamente il contrario: il suo pensiero è radicato nella tradizione, e come tale non può essere identificato con l’attualità di teorie astratte, di carattere filosofico, ma con la perennità di una prospettiva di autoconsapevolezza spirituale che è patrimonio della coscienza planetaria.

Il fatto di privilegiare i temi tradizionali non è segno di reazione, ma di reale evoluzione dell’uomo, che solo ritrovando le ragioni del mistero di cui parlano tutte le antiche religioni e dottrine può far ritorno in sé stesso.
L’insegnamento di Gurdjeff riguardava i vari aspetti della realtà psichica e metafisica, compresa l’esistenza di tutti i giorni, che intendeva liberare dalla dimensione inautentica che imprigiona l’uomo in una meccanica routine negatrice del valore profondo della vita.

La quarta via gurdjieffiana consiste nella sintesi di diversi atteggiamenti e prospettive spirituali, al fine di raggiungere la meta di una liberazione dalle influenze fuori e dentro di noi.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento