Mi arrabbio spesso, mi rodo il fegato e sto male. Cosa è meglio fare: evitare l’arrabbiatura o prima accettare l’emozione negativa e poi trasformarla in positiva?
Silvio, 24 anni, Reggio Emilia

Mi hanno sempre insegnato che prevenire è meglio che curare. Quindi sarebbe meglio non arrabbiarsi proprio. Facile a dirsi, più difficile a farsi. Ma non impossibile. Serve vedere le cose con distacco. Non lasciarsi travolgere dall’ira. Ma respirare lentamente, col diaframma. Non reagire impulsivamente. Fare, metaforicamente, un passo indietro. Chiedersi, cioè, se davvero valga la pena di infuriarsi. Quasi sempre la risposta è no. Chiediti anche: tra un mese me ne importerà ancora qualcosa? Stessa risposta. Allora perché aspettare un mese e non sbollire subito? Ultimo consiglio: scarica il tuo nervosismo con lo sport. O nell’intimità con la tua ragazza.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento