Locandina Shell we dance

Titolo originale: The Man Whitout a Face
Nazione: U.S.A.
Data di Uscita: 2003
Genere: Drammatico
Durata: 116’
Regia: Mel Gibson
Cast: Mel Gibson (Justin McLeod), Nick Stahl (Chuck Norstadt), Margareth Whitton (Catherine), Fay Masterson (Gloria), Gaby Hoffman (Megan), Geofry Lewis, Richard Masur, Micheal Delvise
Produzione: Icon
Distribuzione: Warner Bros
Visione: Film per tutti

Recensione

Un film splendido sull’amicizia che sconfigge i pregiudizi, un’amicizia che insegna e impara, che fa crescere un bambino e un adulto.
Justin McLeod vive isolato perchè in paese la sua faccia ustionata è “sconveniente”, e sicuramente nasconde qualcosa di ignobile. Chuck è un ragazzino complessato, vive con una madre che pensa solo a se stessa e a 2 sorellastre che lo considerano un ritardato. Entrambi hanno bisogno di essere compresi, apprezzati e valorizzati. Costruiranno insieme un rapporto forte, sincero, profondo, a dispetto della malignità della gente che vede solo le apparenze e “ha sempre paura di ciò che non conosce”.

Uno dei miei film preferiti con uno dei miei artisti preferiti. Il fascino disarmante di Mel Gibson rimane intatto nonostante gli sfregi e la sua interpretazione è emozionante e commovente. Manca un po’ lo sguardo alienato di Martin Riggs di Arma Letale, o di Mad Max, o dello straordinario Amleto del grande Franco Zeffirelli; in compenso però si è arricchito della profondità di Daniel McCormick di Amore per sempre, e che ci farà amare il William Wallace di Braveheart.

Questo film battezza Gibson come regista e Nick Stahl come attore, che rivedremo al fianco di Arnold Schwarzenegger in Terminator 3 – Le macchine ribelli esattamente 10 anni dopo.

Da apprezzare il tributo al Mercante di Venezia di Shakespeare in cui Gibson recita il monologo di Shylock.

Una pellicola per tutti, che fa riflettere ed emoziona dalla prima all’ultima scena.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento