Locandina Vita da strega

Titolo originale: Bewitched
Nazione: USA
Genere: Commedia, Fantasy
Durata: 102′
Data di uscita: 30 Settembre 2005
Regia: Nora Ephron
Cast: Nicole Kidman (Isabel Bigelow/Samantha Stephens), Will Ferrell (Jack Wyatt/Darrin Stephens), Shirley MacLaine (Iris Smythson/Endora), Michael Caine (Nigel), Jason Schwartzman (Ritchie), Kristin Chenoweth (Maria Kelly), Zio Arthur (Steve Carell), Heather Burns (Nina), Jim Turner (Larry)
Sceneggiatura: Nora Ephron
Soggetto: Adam Mc Kay, Delia Ephron
Fotografia: John Lindley
Scenografia: Neil Spisak
Costumi: Mary Zophres
Musica: George Fenton
Montaggio: Stephen A. Rotter
Visione: film per tutti

Recensione

Finito da tempo il revival anni ’60, non tutto quel che vi ruota intorno funziona; però c’è la Kidman… qui in un “sacrificio” incomprensibile.
Buona l’idea: telefilm nel film e lodevole affetto per un “classico”, con impiego pretestuoso di attori importanti (Caine e la McLaine). Il vivace serial nel suo casalingo bianco e nero è lontano e appiattito; la nuova storia c’è ma non si vede. Magia…
Nicole Kidman è la svampita strega Isabel; brava e bella (nell’ordine che si vuole) ma questa sforzata caricatura dell’ingenua non le rende giustizia: troppo poco divertente.
Will Ferrell direttamente da commedie demenziali o illustri (vedi Allen) ad un “mattatore” davvero insopportabile, così credibile da ipotizzare due casi: il primo è che sia molto bravo.

Una storiella di un’ora e venti che ruota intorno alle somiglianze. La Kidman, più alta, più bella, e solitamente molto più brava (di così) ricorda però straordinariamente l’espressione maliziosa e il naso della Elizabeth Montgomery dell’antica tv; aggiungiamo gli occhi a mandorla di Shirley McLaine (Iris/Endora) ignorando il suo talento, come per una “guest-star”di Love boat; Michael Caine invece (il maggiordomo in Batman Begins era persino più significativo) può contare su un doppiaggio che poteva essere più indicato.
Effetti speciali? Finalmente un volo di scopa!… o il traumatico crollo di lampada sulla rivale di Isabel. Memorabile, a onor del vero.
Lo scambio di battute rasenta la banalità e la prima parte del film è obiettivamente monotona; la magia desta la storia che si assopisce subito di nuovo.
I personaggi originali (zio Arthur , zia Clara, i vicini curiosi) contano su caratterizzazioni/imitazioni di bravi attori che distraggono dalla noia; carini i numerosi richiami ai cartoni della sigla, al primo episodio e alla musica, con un doveroso remix.

Commedia, e un susseguirsi di citazioni senza grossi spunti. Chi non conosce la serie sarà penalizzato, chi l’ha amata non la ritroverà. Gli estimatori di Kidman, Caine e McLaine passino la mano, come chi cerca nuove idee. Gli inguaribili curiosi attendano pure l’home video.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento