14 settembre 2005 – Cari lettori, il titolare di una libreria della mia città mi ha indicato un articolo relativo ad una sensitiva che ha ben risolto l’inspiegabile fatto relativo alla vicenda di una ragazza scomparsa dalla sua residenza.. Immagino l’opinione degli scettici: si è trattato di una coincidenza. Non conosco la sensitiva in argomento. Queste righe scaturiscono dalla sua azione, ma non implicano un giudizio sfavorevole nei suoi confronti.

Propongo quel che segue: domani qualcuno prepari una lista di persone scomparse e la porga alla sensitiva. Ella dovrà risolvere… tutti i casi?…. un gruppo di casi?…. alcuni casi?…. Non saprei. Si tratta della famigerata prova? No, amici! Si tratta di una semplice richiesta. Milioni di persone piangono i propri cari scomparsi. La sensitiva può aiutarli. O no?

Porgo un suggerimento a questi signori disperati: rivolgetevi pure ai sensitivi o ai medium, ma non rinunciate agli investigatori o alla polizia o a chi sta cercando di aiutarvi senza agire nel settore del paranormale.

Molti studiosi del cosiddetto paranormale asseriscono che, la cosiddetta sensitività, esiste in ognuno di noi.

Esempi:
alcuni mesi or sono, ho notato i miei occhiali da sole poggiati sopra un foglietto ove era riportato l’indirizzo di un’amica americana…. Quelle lenti scure… il nero….un lutto… Ho sentito un tuffo al cuore. Ho presentito qualcosa di vago e di non piacevole. Ho inviato un messaggio all’amica: “Come stai?”. Qualche minuto dopo è giunta la risposta: “Sto andando al funerale di mio zio”. Alcune settimane or sono, sfogliavo un giornale e intanto aspettavo un amico tecnico, in rilevante ritardo. Fissai una pagina e notai un trapano. Provai una strana sensazione…. Quel trapano… Era una sensazione forte… L’amico tecnico arrivò un’ora dopo. Aveva le lacrime agli occhi. Si era dovuto recare in ospedale per regolare una macchina della sala operatoria collegata ad un piccolo trapano con cui il chirurgo praticò un foro nella scatola cranica di un’adolescente affetta da tumore. Cari lettori, che cosa significa, tutto ciò? Soltanto quel che segue: ebbi sensazioni anticipate su due fatti… in corso di realizzazione. Due fatti! Tutto qui? Tutto qui! Poiché il primo fatto si svolse in America, lasciatemi asserire che, se qualcuno mi avesse domandato che cosa stesse facendo Bush in quel momento, forse non avrei dato una risposta. Al buon intenditor, poche parole….

Una sensitiva ha risolto il caso di una ragazza scomparsa? Attenderemo la risoluzione di altri casi.

Nel giornale menzionato in precedenza, è stato riportato: “La sensitiva parla agli animali”. Cari lettori, qualcuno riesce a parlare con gli animali? Ma gli animali rispondono? Di recente mi sono rivolta ad un gatto con: “Pissi, pissi, come stai?”. Il gatto mi ha fissata, poi ha girato i tacchi (anzi, le zampe) e se n’è andato. Non ha spiccicato parola. Su, sto scherzando.

Mi rivolgo ai genitori della ragazza scomparsa: nessuno scherno da parte mia, ve l’assicuro.

Mi congratulo con la sensitiva per il suo sesto senso. Complimenti.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento