Bisbigli d’immortalità

Thomas Stearns Eliot

Webster fu molto posseduto dalla morte;
Sotto la pelle vide sempre il cranio;
E sottoterra creature scarne, ripiegate
All’indietro in un ghigno senza labbra.

Sostituiti ai globi, bulbi di narciso
Fissavano dall’orbita degli occhi!
Sapeva che il pensiero s’avvinghia a membra morte
Serrando ogni sua brama e ogni lussuria.

John Donne, suppongo, fu un altro di quei tali
Che non riuscivano a sostituire il senso
Per afferrare, adunghiare e penetrare;
Vedendo anche più in là dell’esperienza

Egli conobbe l’angoscia del midollo,
La febbre di malaria dello scheletro;
Nessun contatto carnale possibile
Leniva la febbre dell’ossa.

. . . . . . . . . . . .

E Grishkin è graziosa; il suo occhio di russa
A sottolinearlo con estrema enfasi;
Senza corsetto, il suo busto amichevole
Offre promesse di piaceri pneumatici.

L’accucciato giaguaro brasiliano
Frena la piccola scimmia che fugge
Con la sottile effusione del gatto;
Grisbkin possiede una piccola casa;

Il levigato giaguaro brasiliano
Nella sua arborea oscurità non emana
Un fetore felino tanto forte
Quanto Grishkin ne emana in un salotto.

E persino le Entità Astratte
Fanno la corte alla sua grazia; ma
Il nostro destino s’insinua fra costole aride
Per tener calda la nostra metafisica.

Thomas Stearns Eliot

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento