Alla memoria di Eva Gore-Booth e con Markiewicz

William Butler Yeats

La luce della sera, Lissadell,
Grandi finestre aperte verso sud,
Due ragazze in kimono di seta,
Entrambe belle, e una una gazzella.
Ma un delirante autunno strappa i fiori
Alla ghirlanda dell’estate; la più grande
È condannata a morte, perdonata,
E trascina i suoi anni solitari
A cospirare fra gli ignoranti.
Io non so cosa sogni la più giovane-
Forse una vaga Utopia- e sembra,
Ormai avvizzita e scarna come scheletro,
Proprio un’immagine di quella politica.
Talvolta penso di andare a cercare
L’una o l’altra, e parlare
Di quella vecchia casa georgiana, fondere
Le immagini della memoria, ricordare
Quel tavolo e i discorsi della giovinezza,
Due ragazze in kimono di seta,
Entrambe belle, e una una gazzella.
Care ombre, ora sapete tutto,
Conosco tutta la follia di una lotta
Con un torto comune, o una comune ragione.
Per chi è innocente e bello
Soltanto il tempo è nemico;
Levatevi, e ditemi d’accendere un fiammifero
E di accenderne un altro, finchè non arda il tempo;
E se l’incendio dilaga
Correte pure a dirlo a tutti i saggi.
Noi costruimmo il gran gazebo, ed essi
Ci riconobbero colpevoli; ditemi
D’accendere un fiammifero e soffiare.

William Butler Yeats

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento