Il team della neuroscienziata Anne Smith della Pardue University, negli Usa, ha scoperto la complicità dei fattori neurologici nella balbuzie.

Alcune zone dell’emisfero destro, implicato nel linguaggio, si accendono con più foga del dovuto quando si elaborano funzioni che riguardano la ritmica delle parole e del discorso.
Per la ricercatrice, la maggiore attivazione della parte destra potrebbe essere dovuta alla necessità di far fronte a un deficit funzionale ancora sconosciuto nell’altro emisfero.

Sembra così tramontare l’ipotesi che la difficoltà a parlare sia dovuta a problemi psicologici.

Fonte: Psychologies Magazine Novembre 2004

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento