Ti interessa il tema dello Yoga?

scuole corsi yogaPur non vivendo in una giungla nepalese, se ancora ne esistono, oggi è facile incontrare una grande varietà di corsi di yoga, specie nelle città più grandi.

Ogni corso di yoga può avere un’impostazione specifica, basata non solo sul tipo di yoga praticato, ma anche su un’approccio più o meno spirituale e l’eventuale riferimento ad una scuola di origine.

Scopriamo come trovare il corso di yoga più indicato per noi, ma a prescindere dalla qualità del corso, i benefici yoga sono veri o si tratta di una bufala?

Corso di yoga: ma quanti tipi di yoga esistono?

L’Ashtanga Yoga di Patanjali è diviso convenzionalmente in vari “rami”, a seconda che si concentri sull’azione (karma yoga), sullo studio dei testi sacri (jinana yoga), sull’aspetto devozionale (bhakti yoga), sulla meditazione (raja yoga), sugli assorbimenti mentali (laya yoga), sull’uso dei suoni (nada yoga).

Lo yoga più conosciuto, basato principalmente su asanas (posture) e pranayama (tecniche di respirazione) è invece noto come hatha yoga, o “yoga dell’unione” (da ha = sole e tha = luna).

Un discorso diverso riguarda le scuole, le quali spesso offrono metodi ibridi o si rifanno ad una delle correnti su menzionate sviluppandola in una propria specifica declinazione. Vediamo le scuole di yoga che è più facile incontrare nelle nostre città.

I principali i corsi di yoga

 

corso yoga posturaHatha Yoga. È lo yoga tradizionale, insegnato in diverse varianti dove ci si concentra sulle posture (asanas) e sull’uso combinato del respiro, terminando le sessioni con una seduta di meditazione. I benefici dello Hatha sono notevoli, sia per il corpo che per la mente.

Iyengar Yoga. Insegnato dal maestro Iyengar, 95enne ancora praticante, questo tipo di yoga è una variante dell’hatha molto tecnica e “ginnica”, che utilizza anche alcuni attrezzi per ottimizzare la pratica. La longevità ed il benessere del suo promotore sono una garanzia di successo.

Ashtanga Yoga. È lo yoga tradizionale di Patanjali, dove le posizioni si succedono velocemente e con l’uso sapiente della respirazione. Consigliato per i tradizionalisti ma anche per chi cerca uno yoga molto dinamico.

Kundalini Yoga. Ne esistono diverse varianti, ma un corso di yoga kundalini è generalmente un mix equilibrato di meditazione, asanas, tecniche respiratorie e lavoro con i mantra.

Bikram Yoga. Il Bikram prevede solo 26 posizioni, e si svolge idealmente in una sala molto calda (40°) per ottimizzare il lavoro muscolare. Molto tecnico.

Power Yoga. Di recente elaborazione, questo ibrido yoga-ginnastica lavora principalmente sul lato fisico dello yoga, concentrandosi sulle posture e sull’esecuzione di specifiche sequenze. Più laico e atletico dei precedenti.

Yoga Nidra. È anche noto come lo yoga del sonno. Niente asanas contorsionistiche, solo speciali esercizi di rilassamento e meditazione, con i quali raggiungere un particolare stato di relax.

Yoga Tibetano. A volte sinonimo di Yantra Yoga, usa meditazioni, rilassamenti ma anche simboli (yantra) e tecniche di visualizzazione, come vuole la tradizione tibetana.

Yoga Sciamanico. Chi lo pratica lo definisce lo “yoga delle origini”, poichè si pensa che le tecniche yogiche derivino dalle antiche conoscenze degli sciamani dell’Asia. Integra lo yoga tradizionale con tecniche molto sottili ed esoteriche.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento