Ti interessa il tema dello Yoga?

Il Kundalini Yoga è una delle numerose forme di yoga sviluppatesi nel corso degli anni. La sua fama, in particolare, ha avuto inizio negli Stati Uniti intorno al 1960 in seguito all’attività di Harbhajan Singh, noto anche come Yogi Bhajan, e alla fondazione nel 1969 della sua organizzazione 3HO (Heatly Happy, Holy Organization).

Il Kundalini Yoga, dal punto di vista filosofico, ha subito gli influssi delle teorie tantriche, dello shaktismo e dell’induismo portato avanti da Sivananda Saraswati. Si classifica, quindi, come una forma di yoga tantrico che ha molto in comune con l’Hatha Yoga e mira

all’espansione della consapevolezza sensoriale e dell’intuito in modo da aumentare la coscienza individuale.

Il merito della prima introduzione del Kundalini Yoga in Europa si deve a Carl Gustav Jung, il famoso psicoanalista che a partire dal 1932 iniziò a trattare l’argomento nel noto Club di Psicoanalisi di Zurigo.

Conosci già le origine della parola Kundalini? Allora scopri la migliore posizione yoga per rilassarsi.

Il Kundalini Yoga, lo yoga della consapevolezza e la sua relazione con il serpente Kundalini

Le caratteristiche di questa forma di yogaChiamato anticamente Laya Yoga, il Kundalini Yoga tende a essere oggi considerato come lo yoga della consapevolezza proprio in virtù del suo permettere a chi lo pratica di aumentare la coscienza di sé.

Protagonista della filosofia che sta alla base del Kundalini Yoga è la Kundalini cioè l’energia vitale che secondo le antiche tradizioni induiste si troverebbe assopita in corrispondenza del nostro osso sacro.

Tale energia vitale, in particolare, viene tradizionalmente raffigurata come un serpente avvolto su sé stesso.

Attraverso gli asana, le tecniche di pranayama (respirazione), la recitazione dei mantra e dei bandha, il Kundalini Yoga permette di risvegliare questa grande energia assopita facendola fluire attraverso i 7 chakra più importanti che fanno parte del nostro “sistema sottile”: sbloccandoli chi pratica questo tipo di yoga riuscirebbe a ottenere sempre più consapevolezza di sé arrivando alla completa realizzazione di sé.

La Kundalini Yoga come metodo per combattere la tossicodipendenza

 

Lo yoga che aiuta a combattere la tossicodipendenzaSebbene il merito di aver introdotto il Kundalini Yoga in Europa vada riconosciuto a Jung, il passo più importante per la sua diffusione lo si deve certamente a Yogi Bhajan che a partire dal 1969 diede vita a una serie di programmi di insegnamento negli Stati Uniti rivolti ai tossicodipendenti e volti ad aiutali a liberarsi dalla dipendenza dalle droghe.

Grazie al suo impegno in questo ambito il padre del Kundalini Yoga ha ottenuto anche una serie di importanti riconoscimenti negli Stati Uniti che gli hanno permesso di diffondere sempre di più la sua disciplina e di farla conoscere anche in Europa.

Oggi sono molti gli insegnanti di Kundalini Yoga attivi in tutto il mondo: i loro corsi di yoga sono tra i più frequentati e apprezzati.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento